Prof. Wojciech ROSZKOWSKI: Sulla democrazia tra i popoli d'Europa

TSF Jazz Radio

Sulla democrazia tra i popoli d'Europa

Prof. Wojciech ROSZKOWSKI

Professore ordinario di discipline umanistiche, insegnante accademico, professore presso l'Istituto di studi politici dell'Accademia delle scienze polacca.

Ryc.Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

Le pressioni provocano resistenza ai polacchi piuttosto che intimidirli, rafforzando l’approccio di buon senso alla realtà politica – prof. Wojciech ROSZKOWSKI

Diamo un’occhiata alla mappa dell’Europa dopo il Congresso di Vienna del 1815 e la fine della prima guerra mondiale. I cambiamenti sono evidenti: nell’Europa centrale e orientale sono emersi molti nuovi paesi. Tuttavia, la tradizione polacca nota molto chiaramente la differenza tra l'”emergenza” della Polonia indipendente del 1918 e la sua “rinascita”, perché chi usa il primo termine ignora l’essenza di ciò che la fine della prima guerra mondiale è stata per i polacchi, e ignora persino un migliaio di anni di storia polacca precedente. 

Questa storia ha avuto molti colpi di scena drammatici, e il XX secolo è stato segnato da un numero grande di questi drammi. Un polacco nato all’inizio del XX secolo ha potuto abituarsi al dominio degli invasori – austro-ungarico, tedesco e russo – che hanno dominato le terre polacche per oltre 120 anni, per poi sperimentare l’euforia della rinascita dello stato nel novembre 1918, la sconfitta di quello stato a seguito dell’invasione tedesca e sovietica nel settembre 1939, la ricostruzione dello Stato dopo il 1945 sotto forma di vassallo totalitario dell’Unione Sovietica, e infine il crollo del potere comunista e la nascita di una nuova Polonia, democratica, sebbene carica del peso del XX secolo, del peso degli omicidi di massa, delle deportazioni, del reinsediamento e dell’espropriazione. Dopo il 1989, la Polonia sta rinascendo, ma i polacchi hanno difficoltà a scoprire la loro identità.

Lo spirito polacco all’inizio del XXI secolo è segnato da tutti questi drammi, ma sorprende per le caratteristiche che sono al tempo stesso il loro effetto e l’effetto della reazione ad essi. Poiché il destino della Polonia dipendeva in gran parte dai suoi potenti vicini che non volevano accettarla, la domanda “lottare o non lottare?” è stata un dilemma storico dei polacchi. Ma c’era anche una seconda domanda che dovrebbe essere posta in quell’occasione: “adattarsi o no?” o in cosa e come adattarsi per non morire. L’inno polacco inizia con le parole: “La Polonia non morirà  finché noi vivremo”. Tuttavia, il dilemma riguardava molto spesso ciò che vorremmo essere per sopravvivere e il costo di sopravvivere a modo nostro.

La storia polacca è un pozzo di conoscenza sulla vita sociale e politica. Dalla storia della democrazia della classe nobile della Prima Repubblica di Polonia, cioè dello Stato prima delle partizioni settecentesche, le democrazie di oggi possono imparare quanto terribili costi possano essere sostenuti da uno Stato in cui la libertà non è accompagnata da responsabilità. Nonostante i grandi sforzi dei riformatori, che il 3 maggio 1791 hanno approvato la prima costituzione in Europa, la Prima Repubblica è stata spartita tra le potenze confinanti. 

Dalla storia delle rivolte nazionali polacche del XIX secolo si può imparare l’eroismo, il patriottismo, anche se non l’efficienza, la geopolitica e i limiti materiali dei propri sogni, ma anche l’arte della sopravvivenza. Dalla rinascita della Polonia dopo il 1918, si può imparare la straordinaria arte dell’improvvisazione e l’efficacia nel costruire le fondamenta dello stato quasi da zero. La misura dei successi polacchi di quel periodo sono stati, per esempio, la riforma monetaria di Władysław Grabski, la costruzione del Regione Industriale Centrale o del porto di Gdynia. Dalla sconfitta del 1939 e dall’occupazione tedesca e sovietica si può imparare l’arte della resistenza contro le più orribili pratiche di genocidio. La Polonia sotto il dominio comunista, anche se ai tempi della pace, è stata un’esperienza infernale di adattamento contro la natura, da cui i polacchi sono usciti mentalmente mutilati, ma ne sono usciti vittoriosi grazie alla “Solidarność (“Solidarietà”) di dieci milioni di persone e all’appoggio del Papa polacco Giovanni Paolo II, frantumando le fondamenta della divisione dell’Europa.

La ricostruzione del Paese dopo il 1989 ha abbondato di opportunità mancate, di dipendenza dai capitali stranieri e dalle élite postcomuniste con la mentalità di sottomissione, eppure è stato possibile entrare nell’Unione Europea e rafforzare la sicurezza tramite l’adesione alla NATO, alla quale quasi tutti i polacchi erano d’accordo. La Polonia rimane un paese a cui molti si oppongono. Tuttavia, sono state le autorità polacche e i suoi vicini del sud a impedire la diffusione di una pandemia di coronavirus sulla scala osservata nei paesi occidentali altamente sviluppati nella primavera del 2020. È in Polonia, afflitta da false opinioni negli organi dell’Unione europea, che l’appartenenza all’Unione europea non è generalmente messa in discussione, e il fatto che l’equilibrio del fatturato economico con i paesi dell’UE sia sfavorevole per la Polonia, in quanto l’esportazione del reddito è costantemente superiore alle sovvenzioni dell’UE, non ha molta importanza. Inoltre, le pressioni insensate dell’UE provocano resistenza ai polacchi piuttosto che intimidirli, rafforzando l’approccio di buon senso alla realtà politica. 

Nonostante le pressioni e le mode provenienti dall’Occidente “progressista”, spesso inconsapevole dei suoi problemi, i valori tradizionali cementano ancora la società polacca. Il senso di attaccamento alla vita familiare può derivare dall’importanza dei legami familiari nella Polonia del XVII secolo e dal ricordo delle minacce alla famiglia polacca sotto la spartizione e durante l’ultima guerra e l’occupazione. Il rispetto per le donne, che si esprime nella vecchia usanza di baciarle sulla mano, deriva dal ruolo abbastanza indipendente delle donne nella Prima Repubblica e dalla loro importanza durante le partizioni e anche sotto il dominio comunista, quando le madri polacche combattevano coraggiosamente nelle file davanti ai negozi per rifornire la casa. L’amore per la libertà è particolarmente forte in Polonia, considerando per quanto tempo è mancata ai polacchi questa libertà negli ultimi due secoli. Inoltre, i polacchi possono essere orgogliosi del fatto che la loro antica Repubblica Polacco-Lituana era un’oasi di democrazia della classe nobile in un’epoca in cui solo circoli molto limitati dell’aristocrazia avevano un’influenza sui governi dei paesi occidentali.

I polacchi rispondono generalmente con grande sensibilità all’esaltazione o all’umiliazione dello spirito polacco. Sentendo le critiche, si difendono arduamente, ma quando qualcuno predica un’apoteosi esagerata della Polonia, iniziano a lamentarsi del proprio paese. Questo dimostra che prendono sul serio la loro identità, ma questo spesso si traduce in giudizi estremi. Dopotutto, la storia ha già insegnato loro a resistere alla falsità, sia riguardo al passato che al futuro.

Testo pubblicato nel mensile Wszystko Co Najważniejsze (Polonia) nell’ambito di un progetto educativo storico dell’Istituto della Memoria Nazionale

Pierwszy raz na Wszystko Co Najważniejsze?

Aby nie ominąć istotnych tekstów, raz w tygodniu w niedzielę rano wysyłamy newsletter. Zapraszamy do zapisania się:

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam