Andrzej DUDA: Il valore che unisce i polacchi

Andrzej DUDA: Il valore che unisce i polacchi

Photo of Andrzej DUDA

Andrzej DUDA

Presidente della Repubblica di Polonia.

Ryc.Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

Nel polacco moderno c’è un idioma popolare “difendere come l’indipendenza”. Significa schierarsi inequivocabilmente e risolutamente per una causa o un valore. Da dove viene questa espressione?

.La risposta a questa domanda sarà ovvia per chiunque voglia partecipare alle celebrazioni del nostro Giorno dell’Indipendenza Nazionale l’11 novembre. È una celebrazione di valori che unisce decine di milioni di polacchi. Riecheggia lo straordinario entusiasmo dei nostri antenati, che nel 1918, dopo 123 anni di schiavitù, raggiunsero finalmente il loro obiettivo: riconquistarono una Polonia indipendente sulla cartina politica dell’Europa. È un ricordo di un grande successo che ancora oggi ci riempie di gioia e di orgoglio. Una celebrazione della perseveranza e dell’ottimismo premiati – perché non ci rassegnammo neanche per un momento al dominio di tre imperi stranieri e assolutisti. È una dichiarazione solenne che il nostro Stato sovrano – la nostra casa comune, organizzata da noi stessi, e il più sicuro garante dei nostri diritti e libertà – è un bene inestimabile per noi. Un bene per la cui difesa siamo disposti ai sacrifici più grandi.

L’evento da cui datiamo la storia della Polonia fu il battesimo del principe Mieszko I nel 966. Da allora, abbiamo costantemente contribuito allo sviluppo e alla difesa della famiglia europea di nazioni libere. Lo facciamo consapevoli del ricco patrimonio della nostra cultura nativa, della nostra tradizione di pensiero politico e dell’esperienza storica polacca unica.

La storia della nostra perduta e duramente conquistata statualità fece sì che percepiamo noi stessi e il mondo che cambia soprattutto attraverso il prisma della libertà e della solidarietà. Ricordiamo che furono proprio questi due ideali che un tempo resero possibile la nascita e la fioritura di quella potenza europea che fu l’unione in partenariato del Regno di Polonia e del Granducato di Lituania. Li consideriamo anche come il fondamento del nostro futuro di successo e una condizione per il successo delle iniziative co-create dalla Polonia per la pace e la cooperazione in Europa: l’Unione Europea, l’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico e gli accordi regionali che li rafforzano, in particolare l’Iniziativa dei Tre Mari e i nove di Bucarest.

Consideriamo la libertà, la solidarietà e il rispetto della legge come valori fondamentali, inseparabili e complementari. Credo fermamente che solo su questa base la comunità europea potrà rimediare alle crisi crescenti che le si presentano. La decomposizione dell’ordine geopolitico mondiale, il nuovo e pericoloso fenomeno della guerra ibrida, la preoccupazione per la sicurezza energetica, epidemiologica e alimentare, il cambiamento climatico, le migrazioni di massa, il rafforzamento della democrazia per evitare la tentazione dell’elitismo tecnocratico, la libertà di parola nella comunicazione digitale, la responsabilità sociale delle multinazionali e del settore finanziario, la corsa globale nelle aree delle nuove tecnologie, dell’intelligenza artificiale e dell’esplorazione spaziale – queste sono le dimensioni delle sfide e delle trasformazioni che determineranno la posizione dell’Europa nel mondo per molto tempo a venire. Se gli europei vogliono affrontarli, devono agire insieme. Devono agire adesso.

Questa cooperazione sarà efficace nella misura in cui terrà conto della forma reale dell’Europa contemporanea. La sua caratteristica essenziale è la ricchezza delle differenze e delle distinzioni formatesi nel corso dei secoli. Fu essa a dare origine all’unica multidimensionalità, creatività e attrattiva del nostro modello di civiltà. È proprio questa diversità interna che costituisce la più grande risorsa del nostro continente – con tutte le conseguenze che ciò comporta, anche per l’integrazione europea.

Oggi, la Polonia è un Paese che si sta sviluppando dinamicamente e che fa buon uso della sua agognata libertà e sovranità. Stiamo aumentando costantemente la nostra capacità nei settori dei servizi, dell’agricoltura, delle infrastrutture energetiche e della difesa. Abbiamo forti legami economici con i nostri partner occidentali in termini di cooperazione commerciale e industriale.

Siamo un membro fedele dell’Unione Europea, moltiplicando i suoi successi nella competizione e nella cooperazione globale. Stiamo anche facendo uno sforzo considerevole per proteggere le sue frontiere – in particolare negli ultimi mesi.

.I polacchi sono convinti che l’Unione abbia prospettive di sviluppo e di rafforzamento interno. Condividiamo le stesse aspirazioni e speranze che animarono i padri fondatori dell’Europa unita. Vogliamo contribuire a renderli una realtà – per noi stessi e per le generazioni future.

Andrzej Duda

Il testo pubblicato contemporaneamente sulla rivista mensile polacca “Wszystko Co Najważniejsze” nell’ambito del progetto realizzato con l’Istituto della Memoria Nazionale, Instytut Pamięci Narodowej e con la Banca Centrale polacca, Narodowy Bank Polski (NBP).

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 10/11/2021