Roger MOORHOUSE: Non c'è mai stato un resoconto onesto di questa guerra Roger MOORHOUSE: Non c'è mai stato un resoconto onesto di questa guerra

Non c'è mai stato un resoconto onesto di questa guerra

Le relazioni della Polonia con i suoi vicini continuano ad essere una sfida – ad est una Russia aggressiva e arretrata, ad ovest quelle parti dell’UE che si comportano come se volessero completamente dimenticare il passato.

.L’inizio della Seconda guerra mondiale in Europa è solitamente considerato il 1° settembre 1939, anche se i pedanti potrebbero far notare che gli inglesi e i francesi non dichiararono guerra alla Germania fino al 3 settembre ed è questa data che dovrebbe segnare il punto in cui la guerra tedesco-polacca degenerò in una guerra mondiale. Al contrario, coloro che guardano alla Seconda guerra mondiale da una prospettiva globale spesso sostengono che in realtà è iniziata con lo scoppio della guerra sino-giapponese nell’estate del 1937.

Ciò che è indiscutibile, tuttavia, è che nel 1939 La Polonia si trovava in uno dei posti più pericolosi della terra – tra due regimi predatori, spietati, espansionisti e totalitari che volevano distruggerla. La Polonia fece allora tutto ciò che si poteva ragionevolmente fare per evitare un attacco tedesco. Resistette fermamente alle minacce e alle richieste tedesche (il caso della Cecoslovacchia l’anno precedente aveva dimostrato che la politica di placare Hitler con l’appeasement non portava da nessuna parte) e forgiò forti alleanze internazionali per scoraggiare Hitler dall’attaccare.

Naturalmente non mancavano gli errori. Si può ragionevolmente sostenere che la Polonia avrebbe dovuto armarsi in modo più efficace o investire di più in unità motorizzate, ma tali spese non sarebbero state probabilmente sostenibili dall’economia del Paese in quel momento. La Polonia non fu affatto l’unico Paese che non riuscì a prevedere il ruolo dominante delle forze corazzate durante il prossimo conflitto. È quindi difficile dire cosa si sarebbe potuto fare di più per evitare una sconfitta a settembre. La Polonia colse ogni ragionevole opportunità, ma la sua posizione era senza speranza.

La Germania nazista scelse la Polonia come obiettivo per diverse ragioni. Prima di tutto, occupava un territorio che stava a cuore ai tedeschi. Una parte di esso – il voivodato di Poznań, ex Prussia occidentale – era appartenuta alla Germania prima del 1918 ed era abitata da una minoranza nazionale tedesca. Inoltre, la Polonia occupava anche parte delle terre che i tedeschi vedevano come il loro futuro Lebensraum, ovvero “spazio vitale”, e che intendevano conquistare.

Si aggiungevano inoltre questioni razziali. In quanto slavi, i polacchi non erano considerati razzialmente desiderabili dai teorici nazisti. A causa del gran numero di ebrei che vivevano in Polonia, il Paese era anche visto come completamente giudaizzato e i suoi abitanti come inutili perché troppo mescolati razzialmente. Dal punto di vista nazista, quindi, la distruzione della Polonia era motivata da considerazioni storiche, territoriali, ideologiche e razziali. Per questo motivo, il destino della Polonia durante la guerra stessa fu estremamente tragico; basti ricordare la campagna di settembre, l’olocausto, l’insurrezione di Varsavia. Non c’è da stupirsi, quindi, che, rispetto ad altri Paesi, la storia recente sia notevolmente vivida nelle conversazioni quotidiane dei polacchi. In un certo senso, questa è una reazione perfettamente naturale. Se non ci fossero torti nazionali, non ci sarebbe nemmeno bisogno di discuterne.

Nel caso della Polonia, tuttavia, c’è in gioco qualcosa di più. Ogni Paese ha bisogno di una “storia applicata”, cioè di una narrazione su se stesso che spieghi il suo passato, ma anche l’identità dello Stato e della nazione. Il problema è che in Polonia una discussione onesta sulla storia recente, specialmente quella del XX secolo, ha potuto iniziare seriamente solo nel 1989, quando non era più soffocata dal bavaglio intellettuale del comunismo. La discussione è quindi ancora in corso, e la narrazione storica continua a svilupparsi in una certa misura. Da qui il tono febbrile e memorabile delle conversazioni sulla storia.

Si ritiene che Winston Churchill abbia detto che la storia è scritta dai vincitori. In larga misura, questa frase è vera – e riflette bene il dilemma che la Polonia deve affrontare oggi. Dopo la guerra, la storia è stata effettivamente scritta principalmente dai vincitori. Gli inglesi, gli americani e i sovietici scrissero le loro storie sulla guerra che era finita. Inoltre, l’Occidente ha accettato acriticamente la narrazione sovietica attraverso gli scagnozzi della sinistra internazionale. In questo contesto, tutti i tentativi di una valutazione onesta della storia di guerra della Polonia e del contributo polacco alla vittoria alleata sono stati efficacemente soffocati. Nemmeno i polacchi in esilio sono riusciti a sfondare la narrativa dei vincitori. La storia polacca della guerra poteva esistere solo nella misura in cui era approvata dal regime comunista.

Oggi, con diverse generazioni che ci separano dalla fine della Seconda guerra mondiale, è finalmente possibile guardarla in modo più onesto, con la prossima generazione che scrive la sua storia a modo suo. Nel caso della Polonia, le discussioni aperte sulla storia polacca e l’emergere di nuove narrazioni sono manifestazioni di questo nuovo approccio. Le ragioni di ciò sono ovvie. Le restrizioni ideologiche imposte dal comunismo sono scomparse, e il tempo trascorso dalla fine della guerra ci ha permesso di guardare gli eventi passati da lontano. È così che si fa la storia. Ogni generazione rivede in qualche misura le narrazioni costruite dai suoi predecessori.

Bisogna chiedersi fino a che punto può spingersi in questo. So che molti polacchi sono preoccupati per la tendenza, soprattutto nel mondo anglosassone, a usare le parole “nazista” e “tedesco” in modo intercambiabile. Temono che un giorno il mondo intero creda che la Seconda guerra mondiale sia stata causata da alcuni misteriosi “nazisti” e che i tedeschi siano stati solo le loro prime vittime. Non condivido questo timore. La responsabilità tedesca per la Seconda guerra mondiale e l’olocausto è giustamente radicata nella narrazione storica occidentale. Capisco perfettamente perché l’uso della parola “nazista” infastidisca alcuni polacchi. La vedono come una strategia per scagionare i tedeschi, come se fossero solo i nazisti a commettere atrocità di guerra. Secondo me, però, questo è dovuto a un’incomprensione del linguaggio usato per parlare di storia. Ammetto che usare la parola “nazista” come sinonimo della parola “tedesco” è una scorciatoia pigra, ma nessuno vuole seriamente dare l’impressione che i nazisti non fossero anche tedeschi.

Se stiamo già parlando della politica dell’oblio, vedrei un problema più serio nella narrazione sovietica o russa sulla Seconda guerra mondiale e nei tentativi del regime di Putin di controllare la storia in modo da presentare la guerra in una luce favorevole per sé e cancellare i crimini sovietici. È come se gli ammiratori di Hitler fossero ancora al potere in Germania, cercando di riabilitare l’ex leader come un grande statista e oratore.

Il paragone è grottesco, ma dobbiamo capire che né l’Unione Sovietica né il suo successore, la Russia di Putin, hanno mai avuto il coraggio di dare un resoconto onesto della storia bellica dell’URSS. Le conseguenti bugie russe e gli sforzi per oscurare la verità sono calcolati per creare divisioni e, a mio parere, sono più dannosi della pigrizia di alcuni giornalisti e ricercatori occidentali. Se vogliamo difendere la verità storica, dobbiamo sottolineare con fermezza il fatto storico dell’invasione sovietica della Polonia nel 1939 e il fatto storico della responsabilità sovietica per il massacro di Katyń. Piuttosto, è qui che la vera battaglia per la memoria dovrebbe essere combattuta.

.Da un punto di vista geopolitico, la Polonia si trova attualmente forse nella sua migliore posizione da diversi secoli. Tuttavia, le sue relazioni con i suoi vicini continuano ad essere una sfida – ad est una Russia aggressiva e arretrata, ad ovest quelle parti dell’UE che si comportano come se volessero completamente dimenticare il passato. La Polonia non può permettersi di ignorare questa sfida.

Roger Moorhouse

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 17/09/2021
Twitter @WhiteHouse / Reuters / Forum

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam