Mateusz MORAWIECKI: Le tasse non possono servire solo ai potenti Mateusz MORAWIECKI: Le tasse non possono servire solo ai potenti

Le tasse non possono servire solo ai potenti

.Una delle più grandi rivoluzioni polacche incompiute è la costruzione di un sistema fiscale efficiente ed equo, e quindi di uno Stato giusto. La nostra lunga lotta contro la mafia dell’IVA ha messo la questione della tassazione al centro del dibattito pubblico, anche in Europa. Lottare per la tassazione significa anche ridurre i paradisi fiscali e l’economia informale, che oggi riteniamo cruciale per i Paesi in via di sviluppo che non hanno abbastanza entrate proprie per emergere pienamente sovrani.

Oggi, la Polonia condivide la sua esperienza nell’inasprimento del sistema fiscale con Paesi come l’Ucraina, la Slovacchia o l’Estonia. Impariamo gli uni dagli altri. Loro insegnano a noi come costruire un sistema fiscale a sostegno degli investimenti, e noi a loro come assicurarsi che il sistema fiscale non cada in preda ai criminali.

Le tasse servono a noi, cittadini, in modo che, come disse il defunto presidente Lech Kaczyński, lo Stato polacco “protegge i deboli e non ha paura dei forti, perché davanti alla legge sono uguali quelli che hanno miliardi e quelli che, come la maggior parte dei polacchi, non hanno nulla”. Lo Stato minimo non supera la prova, specialmente nella situazione di una pandemia che colpisce tutto il mondo, ed è difficile per lo Stato minimo difendersi dalle corporazioni internazionali.

Una battaglia storica per la sovranità

.La lotta della Polonia per costruire un sistema fiscale efficiente risale alla costruzione delle cattedrali gotiche. Uno dei punti di svolta della nostra storia fu il Privilegio di Koszyce del 1374, che gettò un’ombra sui secoli successivi del destino della Polonia. Sotto la pressione delle rivendicazioni degli strati più ricchi, le tasse furono ridotte da 12 a 2 grosz per campo. Il risultato fu che non c’erano abbastanza soldi nel bilancio per risolvere i problemi interni ed esterni dello Stato.

Da questo piccolo passo iniziò il processo di crollo della sovranità della Repubblica. La combinazione di una mal concepita ideologia della libertà e di crescenti disparità di ricchezza tra la nobiltà favorì lo sviluppo di un sistema clientelare informale che, utilizzando il precedente del liberum veto, portò ad una profonda crisi del parlamentarismo, frustrò i tentativi di integrazione economica della Repubblica e rese impossibile perseguire una politica economica favorevole allo sviluppo.

La tradizione parlamentare repubblicana polacca perse contro l’assolutismo degli spartitori proprio a causa della mancanza di entrate fiscali che avrebbero fornito fondi per l’esercito e lo sviluppo economico. Oggi, il destino della grande modernizzazione polacca, cioè la costruzione di una Polonia per le piccole e medie imprese, la costruzione del capitale polacco e la ricostruzione dell’economia dopo il periodo delle pandemie e la realizzazione degli ideali di Solidarność, dipenderà di nuovo, in larga misura, dal fatto che costruiremo un sistema fiscale su misura per il XXI secolo, che sarà in grado di affrontare i paradisi fiscali, l’ottimizzazione delle preoccupazioni globali e l’economia informale. I tempi sono cambiati, naturalmente, perché oggi il campo di battaglia per le tasse è il cyberspazio e non i sejmik della Polonia moderna.

Le decisioni fiscali sono tra le decisioni politiche più strategiche dell’élite al potere. Dopo la morte di Casimiro il Grande, l’élite polacca decise di approfittare della congiuntura politica e ottenere da Luigi d’Ungheria un accordo per decostruire il sistema fiscale lasciato dall’ultimo Piast. In questo senso, la fine della dinastia Piast fu anche la fine della Polonia che costruiva la sua soggettività con le tasse.

La modernizzazione dei Piast fu uno slogan alla moda negli ultimi anni, ma sembra che la sua essenza non sia stata compresa. La limitazione della tassazione della nobiltà a 2 grosz per campo e la fine delle tasse straordinarie fu solo l’inizio della fine del sistema fiscale polacco.

Nel 1494, a Nieszawa, la nobiltà pretese che nessuna nuova tassa o nuova legge fosse imposta senza il consenso dei sejmik, ma questo non servì a rafforzare l’elemento civico nella costruzione di un sistema fiscale razionale, ma piuttosto a indebolire il potere centrale che era così necessario in quel momento, e ad abbassare il livello delle tasse per gli strati privilegiati.

Gli statuti di Piotrków del 1496 abolirono i dazi doganali sulle merci destinate alla nobiltà o prodotte nelle sue tenute. Questo principio, combinato con l’attaccamento dei contadini alla terra, la limitazione dell’influenza dei borghesi e l’allontanamento della nobiltà dalle professioni mercantili, completò la costruzione di un sistema economico disfunzionale.  Così, il periodo che molti chiamano “secolo d’oro” fu in gran parte e nel migliore dei casi “placcato d’oro”, e questo grazie alla congiuntura esterna per le materie prime. Questo fu ben compreso da Mikołaj Sienicki e Andrzej Frycz Modrzewski, che lottarono all’interno del movimento di esecuzione per la restituzione delle proprietà reali. De facto si trattava di limitare l’accumulo di capitale da parte dell’oligarchia di quei tempi, cioè i magnati.

A volte si sostiene che la decisione della Polonia di spostarsi a est ha rallentato i processi di convergenza con l’Europa occidentale nei tempi moderni. La decisione di cedere il trono polacco agli Jagelloni fu assolutamente giusta. Sfortunatamente, gli Jagelloni non furono in grado di intraprendere una modernizzazione economica così enorme come Casimiro il Grande perché mancavano le tasse e persino per la Guerra dei Tredici Anni pagarono i borghesi delle città prussiane. Quando Jan Kochanowski esortò nel Canto sulla Devastazione della Podolia – “Facciamo dei piatti i talleri, facciamolo,/E prepariamo soldi per il soldato!” stava esprimendo i problemi di finanziamento dell’esercito.

Negli ultimi anni della Repubblica, Stanislao Augusto Poniatowski iniziò il suo regno anche con un tentativo di riparare il sistema fiscale al Sejm di convocazione, dove fu ripristinato il dazio generale e limitato il liberum veto nelle questioni sottoposte al Comitato del Tesoro. Ciò suscitò l’agitazione degli aspiranti spartitori. La ricostruzione della grandezza dello Stato attraverso un sistema fiscale efficiente che potesse invertire il destino della Repubblica costituiva una minaccia per le potenze vicine.

A causa della debolezza dell’autorità centrale nella Prima Repubblica nei confronti dello strato sociale che pagava le tasse, cioè la nobiltà, la pressione fiscale era una delle più basse tra i grandi Stati europei. I ricercatori turchi Karaman e Pamuk stimarono l’indice di pressione fiscale pro capite nel XVIII secolo. Secondo la loro ricerca, la pressione fiscale nella Prima Repubblica negli anni 1780-89 era 30 volte più bassa che in Gran Bretagna, 50 volte più bassa che in Prussia e 25 volte più bassa che in Austria.

Purtroppo, l’élite politica polacca della Repubblica di Polonia abbandonò le riforme quando era il tempo di farle. Il blocco delle riforme fiscali polacche era considerato una questione di importanza strategica nel campo della politica europea presso le corti prussiane e russe. I governanti di questi Paesi lo espressero nel Trattato di Potsdam, dove la debolezza del governo era considerata come una garanzia degli interessi dei nostri futuri spartitori.  Oggi, ricostruire le entrate fiscali è anche un modo per riconquistare definitivamente la soggettività polacca.

Dovremmo anche ricordare che le tasse giocano un ruolo primario nello sviluppo, fornendo fondi per costruire infrastrutture, permettendo la creazione di scuole, e spesso finanziando la politica industriale. Il Centralny Okręg Przemysłowy (Regione Industriale Centrale) fu finanziato per un terzo direttamente dal bilancio statale, cioè direttamente dalle tasse.

Purtroppo, i giornalisti e gli editorialisti di solito non menzionano le fabbriche che non nacquero a causa della mancanza delle tasse e quindi anche dei magri risparmi nel Paese. Non è sorprendente, anche se gli economisti sanno che è necessario, come in Frédéric Bastiat, distinguere il visibile dall’invisibile a occhio nudo.

Alla soglia del suo crollo, la Repubblica non aveva alcun debito, e aveva anche un deficit fiscale dell’80-90% delle entrate fiscali. La maggior parte delle tasse non furono pagate, una tragedia che portò indirettamente alla sua scomparsa.

Doveri contemporanei

.Oggi abbiamo il problema dell’ottimizzazione fiscale internazionale. La Commissione europea perse in tribunale nel 2020 e Apple non deve pagare all’Irlanda 13 miliardi di tasse arretrate – i tribunali, anche quelli europei, non sempre seguono lo spirito della giustizia.

I paradisi fiscali servono a migliorare i risultati delle corporazioni, ma vanno contro i più elementari principi di equità, privando le comunità, in cui le aziende globali fanno i loro soldi, delle tasse che spettano loro di diritto.

Possiamo ritenere giusto che una modesta famiglia in un quartiere residenziale che gestisce un negozio paghi le tasse mentre un conglomerato globale del settore delle nuove tecnologie non lo fa? I tributaristi che si occupano di ottimizzazione fiscale e prezzi di trasferimento potrebbero scrivere la vera storia della trasformazione polacca. Sarebbe diversa dall’opinione popolare.

Il caso Lux Leaks fu un punto di svolta nella lotta contro i paradisi fiscali in Europa, mentre la comprensione del problema della lotta contro il VAT gap aumentò anche grazie agli sforzi del governo polacco. La Polonia grida a gran voce a Bruxelles esigendo un sistema equo dell’IVA, ma anche del CIT. Ne parliamo dal 2015, non solo quando scoppiano altri scandali.

È importante ricordare che costruire un sistema fiscale moderno non significa e non può significare uno Stato repressivo. La filosofia principale del Ministero delle Finanze è che azioni della Krajowa Administracja Skarbowa (Amministrazione Fiscale Nazionale polacca) debbano somigliare alla precisione di un chirurgo nel controllo fiscale.  Sono più rare, ma più precise. Le applicazioni IT sviluppate e gli strumenti di gestione dei dati aumentano strutturalmente la trasparenza e l’efficienza del controllo.

Le modifiche fiscali sono progettate per tassare equamente le imprese con l’idea che il maggior numero possibile di imprese paghi tasse semplici, ma anche che le élite paghino le tasse dovute.

Il governo di Zjednoczona Prawica (Destra Unita) ha concesso uno sgravio fiscale senza precedenti alle piccole e medie imprese. Abbiamo aumentato di due volte il limite per applicare l’aliquota CIT ridotta e pari al 9% (invece del solito 19%).

Abbiamo innalzato di otto volte il limite dell’applicazione della liquidazione forfettaria per le imprese individuali.

Nell’ambito del CIT estone, diamo alle aziende un’opportunità senza precedenti di non pagare le tasse, fintanto che fanno crescere le loro attività. Grazie a ciò, l’anno prossimo circa 7 miliardi di PLN rimarranno nelle tasche degli imprenditori.

Circa un quarto del costo di queste riduzioni sarà coperto da proposte per un controllo più efficace delle tasse, principalmente per combattere l’evasione fiscale in Polonia e il trasferimento di reddito all’estero, nei paradisi fiscali.

L’anno prossimo circa 400 mila aziende beneficeranno di questi cambiamenti – quelle piccole aziende per le quali la riduzione delle tasse sarà un segno di sopravvivenza nella lotta per rimanere sul mercato.

La lotta contro l’evasione fiscale delle grandi imprese è particolarmente urgente durante l’epidemia. Questo è il momento in cui le aziende più grandi, usando il vantaggio che l’ingegneria fiscale dà loro, spingono quelle piccole fuori dal mercato.

Sgravi fiscali per le piccole imprese e misure severe contro l’evasione fiscale sono ora annunciati dalla maggior parte dei Paesi dell’UE, tra cui Germania, Francia, Austria, Italia e Ungheria. Questi sono i doveri contemporanei.

La pandemia apre una nuova era

.Il corso del mondo è stato cambiato dalle rivoluzioni fiscali. La Rivoluzione francese fu il risultato della bancarotta dello Stato francese e della dinastia dei Borbone, che non fu in grado di rimodellare il sistema fiscale in uno più equo e inclusivo.

La Rivoluzione americana aveva lo slogan “nessuna tassazione senza rappresentanza politica” sui suoi stendardi. La Polonia sta attraversando la propria rivoluzione fiscale sotto il governo di Zjednoczona Prawica (Destra Unita). La pandemia di coronavirus ha acuito le differenze tra i modelli operativi dei diversi Paesi mostrando quelli che sono più efficaci nell’affrontare la crisi economica. Prima della pandemia, avevamo già visto che il sistema anglosassone non riusciva a gestire la disuguaglianza sociale, e il sistema francese aveva perso la sua competitività.

Il modello polacco di capitalismo può essere un’ispirazione. Non temiamo le élite internazionali che non vogliono pagare le tasse. Le costringiamo ad adattarsi a fare affari in una delle economie in più rapida crescita del mondo. Anche durante la tragedia della pandemia, l’economia della Polonia è una di quelle che se l’è cavata meglio di altre nella crisi.

Non dobbiamo mai dimenticare che il “secolo d’oro” polacco sarebbe potuto essere molto più magnifica e duratura, e Cracovia sarebbe stata la Firenze dell’Est, se ci fosse stato un sistema fiscale efficiente sotto gli ultimi Jagelloni.

Oggi, la lotta contro i paradisi fiscali, la riduzione del VAT gap e il CIT è la nuova iterazione del movimento di esecuzione che cerca di rafforzare lo Stato. È un sistema fiscale onesto a favore dello sviluppo che può accelerare la costruzione della classe media e la prosperità polacca.

Iniziamo il dibattito sulla tassazione internazionale, sul fatto che le società debbano pagare le tasse dove generano reddito. Stiamo parlando se è giusto che in alcuni Paesi dell’Unione non si possano pagare le tasse. Fino ad ora, questi argomenti non sono stati presi sul serio. La pandemia del debito in Europa occidentale ha cambiato l’approccio a questo argomento.

Limitare i paradisi fiscali è anche una moderna politica industriale, poiché chiudere la capacità delle aziende di spostare fondi all’estero aumenta naturalmente il livello degli investimenti privati.

La sovranità e la soggettività politica vengono misurate da un sistema fiscale efficiente e moderno. Sempre più persone cominciano a capirlo e l’era che il coronavirus ha iniziato potrà forse permettere di creare un ordine fiscale internazionale più equo.

Mateusz Morawiecki

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 01/05/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam