Ángel GURRÍA: Cinque priorità per la Polonia Ángel GURRÍA: Cinque priorità per la Polonia

Cinque priorità per la Polonia

La Polonia uscirà dalla crisi pandemica con meno cicatrici di molti altri Paesi.

Prima della pandemia, i risultati economici della Polonia erano eccellenti: il tenore di vita si ravvicinava rapidamente a quello dei Paesi più sviluppati del gruppo OCSE e i tassi di disoccupazione e povertà erano a livelli storicamente bassi, ben al di sotto della media OCSE. Tuttavia, come ovunque, la crisi COVID-19 ha bruscamente interrotto il percorso di sviluppo del Paese. Finora la Polonia è riuscita bene a limitare le perdite economiche. Ci aspettiamo che quest’anno il PIL sia pari al 3,5%, seguito da un aumento del 2,9% nel 2021 e del 3,8% nel 2022.

Grazie al sostegno fiscale e monetario fornito dal governo polacco, il rallentamento economico correlato con la pandemia di coronavirus è stato inferiore a quello della maggior parte dei Paesi dell’OCSE.

Il sostegno fiscale diretto – come i fondi di emergenza per l’assistenza sanitaria e l’assistenza alle famiglie e alle imprese – sarà di circa il 5,2%. del PIL nel 2020. Tenendo conto anche del cosiddetto “scudo finanziario”, che comprende in particolare le garanzie sui prestiti, il governo polacco ha stanziato circa il 10% del PIL per il sostegno fiscale diretto o indiretto. La banca centrale ha ridotto il tasso di interesse allo 0,1% e ha introdotto un allentamento quantitativo senza precedenti. Se la situazione economica dovesse peggiorare, le autorità dovrebbero allentare ulteriormente la politica fiscale e monetaria.

Mentre speriamo e ci aspettiamo che la Polonia esca dalla crisi legata alla pandemia di coronavirus con meno cicatrici di molti altri Paesi, l’analisi dell’OCSE identifica una serie di sfide importanti per le politiche pubbliche. Vorrei indicare cinque priorità.

In primo luogo, la politica del governo deve sostenere la domanda fino a quando la maggioranza della popolazione non sarà vaccinata, consentendo una certa normalizzazione delle condizioni economiche. Questo deve essere fatto in modo da aiutare le persone più colpite, compresi i lavoratori poco qualificati, i lavoratori temporanei e i lavoratori autonomi. Già prima della crisi, questi lavoratori costituivano una parte relativamente grande della forza lavoro polacca e la loro partecipazione alla formazione per migliorare le competenze era bassa.

In secondo luogo, si devono affrontare le carenze fondamentali del sistema sanitario. Nel 2019 la spesa sanitaria era solo del 6,2 % del PIL, cioè un terzo al di sotto della media OCSE. L’aspettativa di vita alla nascita – 77,7 anni nel 2018 – rimane quasi tre anni al di sotto della media OCSE. La priorità assoluta, naturalmente, rimane la lotta contro la pandemia – in particolare attraverso l’introduzione del vaccino – ma sarà anche essenziale rafforzare l’assistenza sanitaria di base e la prevenzione.

In terzo luogo, il governo polacco dovrebbe cogliere l’opportunità offerta dalla crisi per accelerare gli investimenti green e la transizione verso un’economia più “verde” e più rispettosa dell’ambiente. L’inquinamento atmosferico da polveri sottili è elevato in Polonia e l’intensità di emissione di CO2 dell’economia rimane superiore del 30% rispetto alla media OCSE, con un’eccessiva dipendenza dal carbone nel mix energetico. La priorità dovrebbe essere data all’adozione di una chiara strategia ambientale con migliori segnali di prezzo, in particolare attraverso l’introduzione delle tasse sulle automobili e sulle emissioni di anidride carbonica. Tali misure dovrebbero includere il sostegno alle famiglie a basso reddito per prevenire effetti distributivi negativi.

In quarto luogo, la crescita economica deve essere accompagnata da un sistema più inclusivo per aumentare le opportunità di lavoro per i lavoratori con una maggiore anzianità e le donne. La popolazione in età lavorativa è in declino e le competenze scarseggiano. L’età effettiva di pensionamento è bassa: per le donne, nel 2018 era di 60,6 anni, tre anni al di sotto della media OCSE. Con le attuali regole del sistema pensionistico, nei prossimi decenni i tassi di sostituzione delle pensioni diminuiranno notevolmente. Questo può far aumentare la povertà tra gli anziani, soprattutto tra le donne. Per garantire pensioni migliori, l’età pensionabile per uomini e donne dovrebbe essere gradualmente adeguata e innalzata in linea con l’aumento della media della speranza di vita. Per migliorare i risultati scolastici dei bambini e l’integrazione delle donne sul mercato del lavoro, è anche fondamentale espandere ulteriormente l’assistenza all’infanzia e l’assistenza a lungo termine, rivolta alle famiglie a basso reddito e alle aree svantaggiate. Il sostegno alle piccole e medie imprese è fondamentale per aumentare la produttività e ridurre le disparità regionali.

Infine, in quinto luogo, il governo dovrebbe continuare a ridurre gli oneri amministrativi; sviluppare ulteriormente le politiche dei cluster per aiutare le imprese più piccole a condividere le migliori pratiche di gestione e nell’ambito delle operazioni di esportazione; promuovere gli investimenti nelle competenze, soprattutto attraverso programmi di formazione manageriale.

Il forte dinamismo economico ha permesso finora alla Polonia di superare la crisi COVID-19 relativamente bene. Tuttavia, la pandemia ha aggravato alcuni problemi e sfide preesistenti e ne ha anche creati di nuovi. Siamo convinti che essi saranno superati, come lo sono stati in passato. L’OCSE è pronta a collaborare alla progettazione, allo sviluppo e all’attuazione di politiche per una vita migliore in Polonia.

Ángel GURRÍA

Il testo pubblicato in contemporanea con la rivista mensile d’opinione Wszystko Co Najważniejsze nell’ambito del progetto „Dekada Europy Centralnej” realizzato con la Borsa di Varsavia.

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 22/01/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam