Prof. Michel WIEVIORKA: I paesi dell'Europa centrale condividono un'esperienza comune Prof. Michel WIEVIORKA: I paesi dell'Europa centrale condividono un'esperienza comune

I paesi dell'Europa centrale condividono un'esperienza comune

All’inizio degli anni ottanta, il comunismo in quanto ideologia non aveva più alcun potere sulla società, e la sua incapacità di governare continuava a crescere. Ciò è stato particolarmente evidente nell’economia, dove le democrazie popolari hanno subito gravi fallimenti. I leader successivi dei paesi comunisti, che a volte godevano di un certo grado di autonomia (come l’Ungheria di Kádár negli anni sessanta e settanta), erano subordinati a Mosca, che non solo li legittimava ma ne garantiva la legalità. Ma gli abitanti dell’Europa centrale la vedevano in modo diverso e già negli anni ottanta hanno iniziato a mettere in discussione questa sottomissione sempre più coraggiosamente. 

In Polonia, l’attaccamento ai valori in cui si manifestavano le idee della nazione, il patriottismo e il cristianesimo è sempre stato un’importante fonte di resistenza. Non sorprende dunque che siano stati i polacchi ad essere i primi a poter non solo affrontare il potere totalitario, ma anche abbatterlo. Adam Michnik nel suo libro La Chiesa, la sinistra, il dialogo del 1977 è stato uno dei primi a notare che ciò che può effettivamente rovesciare il regime comunista è l’azione congiunta della Chiesa – spesso percepita come reazionaria e intransigente nei confronti delle autorità – con la sinistra, che fino ad allora le era nemica.

Non è un caso che il movimento di liberazione si sia sviluppato così fortemente in Polonia. Il sistema comunista era qui il più debole, e la nascita di “Solidarność” nel 1980 era il risultato dell’unione di tre forze: quella sociale, e più precisamente quella operaia (scioperi dei lavoratori nei cantieri navali); quella nazionale-cattolica, rafforzata dall’elezione a Papa di Karol Wojtyla nel 1978; quella democratica, grazie al coinvolgimento di molti intellettuali.

E anche se in altri paesi il comunismo era forse più resistente e le loro autorità erano più efficaci nel controllare i processi socio-politici, nonostante le differenze, questo sistema è crollato nel 1989 in tutti i paesi della regione quasi nello stesso momento. Ciò è dovuto al fatto che l’URSS non era più in grado di controllare la situazione nella sua sfera d’influenza. È impossibile comprendere la fine del “vero” comunismo in Europa centrale e nelle repubbliche baltiche senza tener conto della distribuzione del potere nella stessa sede di Mosca.

Un segno evidente della perdita della capacità dell’URSS di controllare la situazione e di rispondere adeguatamente alle crisi è stata la gestione del disastro di Chernobyl nel 1986. A quel tempo, i sovietici hanno dato prova di un’incredibile inefficienza nel controllare la realtà che essi stessi avevano creato. La catastrofe ha anche dimostrato che la fine del sistema poteva uscire dal suo seno e non solo o principalmente essere causata da fattori esterni. Anche se ovviamente anche questi potevano svolgere il loro ruolo. Poiché il sistema non era in grado di prevenire una tale tragedia e poi affrontarla, significava che le autorità avevano già perso la capacità di controllare la propria società. Lo ha capito bene Gorbachev e da qui è nata l’idea della politica della “glasnost’”. Gli avvenimenti del 1989 l’hanno solo confermato.

La trasformazione non è andata ovunque allo stesso ritmo. Inoltre, non tutti i paesi l’hanno subita contemporaneamente. Il crollo dell’URSS nel 1991 non ha portato a processi democratici in tutti i nuovi paesi emergenti. La situazione dell’Ucraina, e della Bielorussia in particolare, rimane preoccupante. La Bielorussia sta cercando di entrare nel percorso di democratizzazione per la prima volta solo quest’anno. Altri paesi, come l’Albania o la Jugoslavia, erano formalmente comunisti, ma il percorso della loro trasformazione era diverso da quello dei paesi dell’Europa centrale. E la fine della Jugoslavia è stata particolarmente turbolenta.

Le differenze erano dovute anche al potere del comunismo locale. Là dove questo sistema era percepito come ostile e imposto dall’esterno – in Polonia, in Cecoslovacchia, nella RDT, in Ungheria – la trasformazione è stata molto rapida. L’identità nazionale, il rifiuto del sistema da parte della società, le aspirazioni democratiche vi erano abbastanza forti da potersi liberare, non appena le circostanze lo consentivano, di un’ulteriore subordinazione. La Jugoslavia e l’Albania hanno adottato un modello diverso. Durante l’era sovietica, quella prima godeva di una sorta di autonomia da Mosca. L’altra invece ha abbracciato un’ideologia e un modello di sviluppo più vicino a quello cinese che a quello sovietico. Queste differenze si sono rivelate cruciali nel momento in cui sono iniziati i profondi cambiamenti democratici in questa parte d’Europa. 

Le differenze tra i paesi dell’Europa centrale e occidentale sono ancora visibili. I primi, ad esempio, non devono lottare con i problemi derivanti dal passato coloniale. Ma questo vale anche per settori come l’economia e la politica, dove le differenze sono fin troppo evidenti. Per quasi 50 anni dopo la guerra, i paesi dell’Europa centrale e orientale hanno sviluppato un’economia basata sulla pianificazione centralizzata. Il cambio del modello economico dopo il 1989 si è dovuto concludere con gravi tensioni sociali e politiche, che si possono ancora vedere nella formazione della scena politica di questi paesi. Ci vuole ancora molto tempo perché queste differenze scompaiano. Ci vuole molto tempo perché queste differenze svaniscano.

Prof. Michel Wieviorka

Testo pubblicato in contemporanea con la rivista d’opinione mensile polacca Wszystko Co Najważniejsze nell’ambito del progetto realizzato con l’Instytut Pamięci Narodowej (Istituto della Memoria Nazionale).

Materiał chroniony prawem autorskim. Dalsze rozpowszechnianie wyłącznie za zgodą wydawcy. 11 grudnia 2020

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam