Imre MOLNAR: Due parti del nostro Continente Imre MOLNAR: Due parti del nostro Continente

Due parti del nostro Continente

Il comunismo nell’Europa centrale e orientale non è crollato, ma è semplicemente andato in bancarotta. I paesi occidentali hanno continuato a svilupparsi, mentre i paesi comunisti hanno esaurito le loro risorse per funzionare. Questo perché i regimi comunisti non hanno saputo adattarsi alla realtà in trasformazione e non sono mai stati pienamente accettati nelle società.

Prof. Jenő Szűcs, uno dei più importanti pensatori dell’Europa centrale, scriveva che l’Europa era in modo naturale divisa in due parti: l’Occidente e l’Oriente. Due parti radicalmente contrastanti tra cui c’è l’Europa centrale. Una regione che sta cercando di adattarsi all’Occidente, ma allo stesso tempo deve tener conto di ciò che osserva in Oriente. Il fatto che queste due culture si intersecano proprio in Europa centrale ne determina la specificità.

Lo spirito mitteleuropeo è particolarmente marcato nella cultura. È in essa che emerge meglio l’identità della nostra regione. Per secoli, il problema dell’Europa centrale è stato la sua frequente assenza nel più vasto ambito, la sua mancanza di opportunità di sviluppo. Fin dal Medioevo la nostra regione è stata una zona di cambiamenti e trasformazioni estremamente dinamiche, di guerre e di confini incerti. In assenza di opportunità di sviluppo, si è verificata una fuga verso la cultura, che si è rivelata un’area di manifestazione e di creazione dell’identità mitteleuropea.

Questo è ciò che ha determinato l’unicità contemporanea dell’Europa centrale, diventata un crogiolo di molte nazioni, lingue e religioni. In un miscuglio di identità così complesso, si sentiva la costante necessità di cercare un accordo. Spesso prestiamo attenzione, per esempio, alle relazioni polacco-ungheresi, e affermiamo che questi due paesi non hanno mai combattuto l’uno contro l’altro. Non è vero. Ci sono stati molti conflitti nella storia delle relazioni polacco-ungheresi. Tuttavia, nessuno di questi si è trasformato in una guerra devastante. Questo perché in entrambi questi paesi (come in altri paesi dell’Europa centrale) si è sempre codificata la necessità di cercare il partenariato e l’accordo, piuttosto che la guerra e il conflitto. Tale capacità di trovare compromessi e di perseguire interessi comuni ha portato all’emergere non solo della vicinanza internazionale, ma anche della fiducia, fondata anche sull’esperienza congiunta. Queste caratteristiche distinguono la nostra regione dalle nazioni occidentali e orientali. Entrambi questi mondi – occidentale e orientale – sono due realtà opposte. Noi siamo il ponte che li collega.

L’identità mitteleuropea, preceduta da secoli di contatti sociali, è andata persa in seguito alla prima guerra mondiale. Il principio di autodeterminazione di Wilson ha allora assunto le caratteristiche di una caricatura. Invece di essere compresa, l’Europa centrale è stata divisa, e i suoi popoli si sono spesso messi l’uno contro l’altro. Vi si sono generate delle divisioni. L’isolamento al posto della fiducia. Di conseguenza, la nostra regione è diventata un paradiso per lo spirito totalitario: il nazismo e il bolscevismo.

Oggi, però, l’identità mitteleuropea è in via di ricostruzione. Io stesso appartengo alla generazione di autostoppisti che negli anni ottanta sfruttavano la  possibilità di venire in Polonia. Sono rimasto stupito da quanto siamo simili l’uno all’altro. Pensavamo in categorie simili, spesso sapendo più cose sull’altra nazione di quante ne sapesse lei di sé stessa. Ho imparato il polacco attraverso la lingua slovacca e grazie a lunghe discussioni in ambienti internazionali, che a quell’epoca spesso duravano tutta la notte. Questa comunità che abbiamo scoperto ci ha permesso di riconoscere il nostro “gene” comune, il nostro “DNA” comune. Oggi, però, dobbiamo rispondere ad alcune domande. In primo luogo, come affrontare gli antagonismi del nostro passato, soprattutto le ferite non completamente guarite del XX secolo? In secondo luogo, con cosa possiamo sostituire la lunga rivalità dei paesi dell’Europa centrale e quali possono essere i loro interessi comuni? In terzo luogo, che tipo di futuro comune vediamo per la regione? In quarto luogo, come evitare le eterne influenze esterne e le azioni basate sul classico schema del divid et impera? E in quinto luogo, oltre agli interessi politici ed economici, saremo in grado di determinare quali sono i pericoli morali e spirituali che possono minacciare il nostro futuro?

Si tengono ancora conferenze scientifiche per discutere di questo, ma riuniscono soprattutto l’élite. Intanto, è necessario un dialogo tra le nazioni e le comunità che compongono le società. Un buon esempio della comunità ancora attiva dell’Europa centrale è la cooperazione del Gruppo di Visegrad. Vedo speranza anche nell’idea dei Tre Mari. Ma è solo una goccia nel mare. Oggi ci mancano queste discussioni, e questo è dovuto all’orientamento filo-occidentale delle nostre società.

Imre Molnár

Testo pubblicato in contemporanea con la rivista d’opinione mensile polacca Wszystko Co Najważniejsze nell’ambito del progetto realizzato con l’Instytut Pamięci Narodowej (Istituto della Memoria Nazionale).

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 11/12/2020

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam