Mateusz MORAWIECKI: Nuovo Polish Deal Mateusz MORAWIECKI: Nuovo Polish Deal

Nuovo Polish Deal

La Polonia sta sfruttando il tempo dopo la pandemia per ricostruire il suo sistema economico e sociale, in modo che sia più resistente alle crisi future, più equo, e ci permetta di entrare in un nuovo livello di sviluppo.

.Viviamo in tempi incredibili. Gli ultimi mesi sono stati segnati da paure per la salute e la vita, e dall’ansia per il futuro. Molti polacchi si chiedevano non solo se sarebbero stati in grado di evitare il coronavirus, ma anche se avrebbero continuato ad avere un lavoro, se le loro famiglie sarebbero state finanziariamente sicure e i loro figli non avrebbero dovuto dire addio alle loro speranze per un futuro migliore.

La pandemia di coronavirus avrebbe potuto davvero riportarci indietro nello sviluppo agli anni ‘90. Basta guardare i lugubri dati economici di alcuni Paesi – anche in Europa – per vedere che il cupo scenario non era solo una fantasia di un film catastrofico. Tuttavia, questo non è successo e questo perché oggi, a differenza degli anni ‘90, i polacchi possono contare sul fatto che lo Stato si unisce attivamente nell’organizzazione dell’aiuto per tutti coloro che ne hanno bisogno. Un sostegno senza precedenti nell’ambito dello Scudo anti-crisi e dello Scudo finanziario ci ha permesso di arginare le conseguenze disastrose della crisi COVID-19 e di fermare il declino del PIL per il 2020 a meno del 3%, la terza migliore performance in Europa, mentre nel gruppo di grandi Paesi con una popolazione di più di 10 milioni, non abbiamo avuto concorrenza. Un successo ancora maggiore è mantenere la disoccupazione intorno al 3% – e qui abbiamo già il miglior risultato in assoluto nell’Unione Europea.  

I dati successivi non fanno che confermare che l’economia polacca sta andando molto bene durante la crisi. Oltre 110 miliardi di valore delle esportazioni nel marzo 2021 è un record assoluto. A maggio, l’indice PMI ha sfondato il livello di 57 punti, che è anche il miglior risultato nella storia delle misurazioni. Pochi mesi prima, la Commissione europea aveva indicato che la Polonia era uno dei soli quattro stati membri dell’UE ad avere la stabilità delle finanze pubbliche assicurata sia a breve che a lungo termine. C’è solo un errore che si può fare in una situazione come questa: decidere che le cose stanno andando nella giusta direzione e smettere di agire.

Crisi – opportunità o disastro?

.Una crisi da cui non si impara è un disastro. Ma una crisi che viene letta e compresa correttamente non è solo un’opportunità, ma anche un acceleratore del cambiamento – ecco come si può riassumere in due frasi l’idea alla base del “Polish Deal”.

L’unicità della crisi di oggi sta nel fatto che è inutile cercare soluzioni da manuale per essa. Che si guardi a Hayek o a Lassalle, nessuna teoria della crisi economica ha previsto una situazione in cui l’attività economica e sociale è paralizzata in quasi tutto il mondo da un giorno all’altro.

Quindi, di fronte alla crisi del COVID-19, dobbiamo agire come farebbero i medici di fronte al coronavirus stesso. Non abbiamo una cura specifica, ma l’esperienza ci dice di agire sui sintomi. L’esperienza storica ci insegna che la risposta a una crisi deve essere una maggiore attività statale, perché una crisi, qualunque essa sia, deve essere gestita e non lasciata a se stessa.

Nel 1933, il presidente americano Franklin D. Roosevelt annunciò il New Deal – una risposta alla Grande Depressione, un programma di riforma di stimolo economico, rilancio del commercio estero e massicci investimenti pubblici – furono costruiti 120.000 edifici pubblici e 77.000 ponti. Nel decennio successivo, gli Stati Uniti furono circondati da una rete di autostrade. Questo è lo scenario che ispira la Polonia oggi.

“Polish Deal”, ovvero una nuova qualità

.Gli obiettivi del “Polish Deal” includono non solo il recupero dalla pandemia, ma anche la ricostruzione del sistema economico e sociale polacco in modo che sia più resistente nei futuri momenti di crisi, più equo e allo stesso tempo permetta alla Polonia di entrare in un nuovo livello di sviluppo.

La diagnosi dei mali pandemici doveva iniziare dallo stato dell’assistenza sanitaria. Il COVID-19 ha messo i sistemi sanitari di tutti, anche dei Paesi più ricchi, sull’orlo del collasso. Non era diverso in Polonia. Se non fosse stato per la decisa politica restrittiva e per la costruzione di una rete di ospedali temporanei, portata avanti ad un ritmo straordinario, si sarebbe verificata una catastrofe epidemica anche nel nostro Paese. È persino difficile immaginare la sua portata e il caos che sarebbe potuto derivarne, se non avessimo digitalizzato significativamente l’assistenza sanitaria prima.

Negli ultimi 5 anni, le spese per l’assistenza sanitaria hanno superato i 100 miliardi di PLN, eppure la sua qualità è ancora al di sotto degli standard attesi dai polacchi. Questo manda un chiaro segnale che il sistema di finanziamento dell’assistenza sanitaria con cui abbiamo a che fare ha raggiunto il suo massimo. È ora di porre fine alla filosofia della riorganizzazione. Se vogliamo fare un salto di qualità che porti la Polonia al livello dell’Occidente, dobbiamo accelerare rapidamente la marcia verso l’assegnazione del 7% del PIL alla salute.

Paradosso fiscale polacco

.Ciò significa un cambiamento nel modello di finanziamento dell’assistenza sanitaria, e quindi un cambiamento nel sistema fiscale. Fino ad ora, la Polonia era l’unico Paese in cui una parte del contributo sanitario era deducibile dalle tasse. La costruzione dell’intero sistema ha fatto sì che coloro che guadagnano di più avevano anche la possibilità relativamente più semplice di ottimizzare le loro tasse. Anche se il sistema fiscale polacco è nominalmente progressivo, è diventato de facto regressivo. Le persone con redditi più bassi pagano proporzionalmente più tasse di quelli con redditi più alti.

Il non-ordine fiscale polacco non ha solo colpito il senso di giustizia e impedito la costruzione della coesione sociale. Soprattutto, ha favorito l’approfondimento delle disuguaglianze, e in una situazione di crisi questi fenomeni si sono rafforzati.

Una crisi è come una potente onda nel mare. Fa traballare le navi enormi, ma minaccia di far affondare quelle piccole. Una recente ricerca mostra chiaramente che la pandemia 2020 ha esacerbato la disuguaglianza di reddito. I più ricchi hanno guadagnato indipendentemente dalla crisi, mentre i più poveri hanno perso proprio a causa delle circostanze difficili.

Verso una Polonia di solidarietà reale

.Il “Polish Deal” affronta queste sfide perché nasce dallo spirito di autentica solidarietà, che deve essere intesa in modo molto ampio. Questa è la solidarietà nella dimensione orizzontale, che significa preoccupazione per la giustizia sociale, eliminazione delle disuguaglianze di reddito e sostegno a coloro che guadagnano meno. In questa dimensione, abbiamo proposto un importo esentasse di 30.000 PLN, cioè ad un livello paragonabile ai Paesi occidentali – più alto che in Francia, paragonabile alla Danimarca. Ma il “Polish Deal” riguarda anche la solidarietà nella dimensione verticale, che può essere chiamata solidarietà intergenerazionale. Da un lato, è un ritorno al passato, un sostegno materiale per gli anziani sotto forma di una pensione esentasse, un ritorno ai valori senza i quali è difficile immaginare il futuro della società polacca e di tutta l’Europa. Dall’altro, è anche la capacità di prendersi cura delle generazioni future, di costruire basi di sviluppo che permettano ai nostri figli di guadagnare meglio e lavorare in condizioni migliori e, ultimo ma non meno importante, di vivere in un ambiente dove si possa respirare aria pulita, invece di leggerne come qualcosa di razionato, solo per gli eletti.

.L’inizio degli anni ‘20 è stato un momento estremamente importante per la Polonia. Siamo alle soglie di un cambiamento di civiltà su una scala senza precedenti. La storia ha fatto sì che abbiamo visto i precedenti cambiamenti solo come spettatori. Ora abbiamo la possibilità di essere gli attori principali di questa trasformazione. La trama è già pronta. Ora abbiamo solo bisogno di realizzare insieme il “Polish Deal”. Cercheremo la sua più ampia accettazione possibile, perché solo allora tali strategie potranno essere considerate di successo.

Mateusz Morawiecki

Il testo pubblicato contemporaneamente sulla rivista mensile polacca “Wszystko Co Najważniejsze” nell’ambito del progetto realizzato con l’Istituto della Memoria Nazionale, Instytut Pamięci Narodowej e con la Banca nazionale polacca, Narodowy Bank Polski (NBP).

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 25/06/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam