Andrzej DUDA: 3 maggio - festa polacca ed europea Andrzej DUDA: 3 maggio - festa polacca ed europea

3 maggio - festa polacca ed europea

In un gioioso clima primaverile si celebra una grande festa nazionale in Polonia, la cui genesi risale al XVIII secolo. Essa commemora la Costituzione promulgata il 3 maggio 1791, conosciuta come la Legge Governativa o la Costituzione del 3 maggio. Fu la prima legge fondamentale moderna d’Europa e la seconda del mondo – una legislazione epocale.

.La promulgazione di questo atto epocale da parte del Grande Sejm della Repubblica delle Due Nazioni riunito in seduta a Varsavia fu una svolta storica. L’eredità della Costituzione del 3 maggio, il suo pensiero politico e il suo messaggio di libertà e democrazia è una parte estremamente importante del patrimonio europeo. Per questo motivo, il 230° anniversario della costituzione, che cade quest’anno, dovrebbe essere una celebrazione stimolante per tutta l’Europa contemporanea.

I grandi atti del governo sono spesso il risultato di una svolta politica o culturale, il frutto di un’attenta riflessione sui lati positivi e negativi del corso della storia fino ad oggi. Tuttavia, il trucco sta nel riparare con saggezza e non nel demolire completamente, seguendo un pensiero utopico, distaccato dalla realtà della storia. Il nuovo ordine non può essere decretato arbitrariamente sulla carta; deve derivare da autentiche esperienze umane, desideri e aspirazioni.

La prima Costituzione degli Stati Uniti, una risposta alle sfide della storia, è un esempio della combinazione riuscita di visionarietà e realismo. Anche gli autori della Costituzione del 3 maggio del 1791 riferirono i loro piani di riforma alla specifica situazione politica e sociale. La Costituzione divenne un rimedio ben scelto per la crisi che affliggeva la Repubblica di Polonia in quel momento. La legge fondamentale doveva servire allo scopo di rafforzare sia la libertà dei cittadini e i loro diritti sia il governo e la stabilità dello Stato. Doveva dare all’organismo statale la forza di essere indipendente e di opporsi efficacemente alle azioni ostili delle potenze vicine che volevano dominare la Repubblica ed eventualmente saccheggiare il suo territorio. Non è stata una coincidenza che la Russia della zarina Caterina II e la Prussia del re Federico II abbiano disegnato un’immagine negativa dei polacchi nello spazio internazionale, presentandoli come incapaci di autodeterminazione e di governo effettivo. La Costituzione del 3 maggio fu una testimonianza del contrario; che da qui, dall’Europa centrale e orientale, dalla Repubblica dell’Aquila polacca e dalla Pahonia lituana che è la casa comune di molte nazioni e culture, fluiscono soluzioni moderne – allo stesso tempo visionarie, di buon senso e pionieristiche.

L’anniversario odierno della Costituzione del 3 maggio è anche un’occasione per ricordare tutta la gloriosa tradizione sistemica dell’antica Repubblica di Polonia – la tradizione dello stato di diritto, della democrazia, del parlamentarismo. È una parte importante della nostra identità. Vale la pena sapere che le ricche tradizioni repubblicane, ispirate alle conquiste dell’antica Roma e della Grecia, risalgono al XIV secolo in Polonia. Il privilegio della nobiltà polacca neminem captivabimus (“non imprigioneremo nessuno senza una sentenza del tribunale”) del 1430 precede di gran lunga l’Habeas Corpus Act inglese del 1679. La legge del Sejm nihil novi sine communi consensu (niente di nuovo senza consenso comune) – che proibisce al monarca di introdurre qualsiasi legge non approvata dal parlamento – risale al 1505. Il re, a partire dal 1573, fu eletto a suffragio universale dall’insieme della nobiltà, che rappresentava circa il 10% della popolazione. L’Atto della Confederazione di Varsavia del 1573 è ancora considerato un monumento alla tolleranza religiosa. La creazione della Repubblica delle Due Nazioni nel 1569, uno stato congiunto di polacchi e lituani formato sulla base di un’unione volontaria e paritaria, fu un fenomeno nell’Europa di allora, che oggi può essere considerato il prototipo dell’attuale Unione Europea.

La Costituzione del 3 maggio – che trasformò la Repubblica polacca del XVIII secolo in una monarchia costituzionale, basata sul principio della tripartizione dei poteri, garantendo ai cittadini la protezione della legge – fu quindi uno sviluppo coerente del nostro patrimonio. Vale inoltre la pena notare che questa importante e innovativa riforma costituzionale fu il risultato di un processo politico, non di una rivoluzione armata e di una sanguinosa repressione di intere classi sociali. Il principio guida della costituzione fu l’idea di una comunità civica: Evviva il Re, Evviva il Sejm, Evviva la Nazione, Evviva tutti gli stati. Questo atto storico è una fonte costante di profondo orgoglio per noi.

I nemici della libertà vedevano nella moderna Costituzione del 3 maggio, orientata alla libertà, una minaccia per loro. La Russia imperiale assolutista, con l’appoggio della Prussia, provocò una guerra per la costituzione e fece di tutto per distruggere il suo patrimonio. Ma l’operato della Costituzione del 3 maggio sopravvisse. Nella coscienza delle generazioni rimase il ricordo della riforma politica di svolta, della rivolta del pensiero e dello spirito; una rivolta il cui obiettivo era una salutare modernizzazione che si riferiva ai più nobili valori universali. L’eredità della Costituzione del 3 maggio è parte inseparabile del più grande patrimonio europeo. Non è un caso che durante le celebrazioni per il 50° anniversario dei Trattati di Roma, la Costituzione del 3 maggio sia stata citata come “una delle prime fonti dell’idea dell’Unione Europea”.

Sono convinto che perfino oggi possiamo insieme attingere ai principi ideologici e all’eredità della Costituzione di maggio, riflettendo anche sull’ulteriore forma dell’integrazione europea e sui possibili futuri emendamenti ai trattati europei. Il seguente principio sancito dalla Costituzione del 3 maggio dovrebbe essere un’ispirazione costante: Tutto il potere della società umana prende origine dalla volontà del popolo. Il deficit della democrazia, l’imperfetta articolazione della rappresentanza civica nel dirigere le decisioni dell’Unione Europea, è una delle nostre più importanti sfide comuni (è interessante che la tensione tra la necessità di praticare sia la democrazia che la meritocrazia si trovi anche nelle disposizioni della Costituzione di maggio). Allo stesso modo, essa cercava anche modi per conciliare la tradizione con la modernità – dopo tutto, era una combinazione del pensiero illuminista con la coltivazione dei valori cristiani, considerati come il fondamento dell’unità europea. Bisogna sottolineare che la Legge Governativa del 1791 era guidata da principi che ancora oggi consideriamo come il fondamento della civiltà europea e dell’ordine europeo: il rispetto della dignità umana, la libertà, l’uguaglianza e la solidarietà. Queste sono indicazioni di una bussola assiologica che non dobbiamo mai perdere di vista.

.Ecco perché condivido con voi un grande orgoglio e una grande gioia nel 230° anniversario della Costituzione del 3 maggio. È una grande festa per i polacchi e i lituani, per tutti i popoli dell’Europa centrale e orientale che crearono il patrimonio dell’antica Repubblica; è anche la nostra comune festa europea. Possa essere un’ispirazione per costruire un’Europa integrata ancora migliore. Che sia, come nelle vecchie canzoni, “l’aurora di maggio”.

Andrzej Duda

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 30/04/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam