Marcin JAKUBOWSKI: Scienziati polacchi. Creativi, impegnati, che pensano fuori dagli schemi Marcin JAKUBOWSKI: Scienziati polacchi. Creativi, impegnati, che pensano fuori dagli schemi

Scienziati polacchi. Creativi, impegnati, che pensano fuori dagli schemi

Photo of Marcin JAKUBOWSKI

Marcin JAKUBOWSKI

Fisico all’Istituto Max Planck di fisica del plasma a Greifswald che si occupa delle ricerche sulla fusione termonucleare. Laureato all'Università di Opole e all'Università di Bochum. Ha lavorato in diversi maggiori centri di ricerca sulla fusione, tra cui General Atomics a San Diego e il National Institute for Fusion Science in Giappone.

Ryc.: Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

La scienza polacca non è solo storia, ma anche il presente. Gli scienziati polacchi sono presenti nei più importanti centri scientifici del mondo.

.Dovrei iniziare da Marie Curie-Skłodowska e i suoi due premi Nobel, in fisica e chimica, o da Niccolò Copernico che ribaltò l’astronomia contemporanea. Solo che quasi tutto il mondo pensa che Curie-Skłodowska fosse francese, e un gran numero di europei ritiene che Copernico fosse un astronomo tedesco.

Cominciamo quindi dalla scuola di matematica di Leopoli, senza la quale il mondo della scienza non sarebbe arrivato dove si trova oggi. Hugo Steinhaus, Stanislaw Ulam, Stefan Banach e altri gettarono le fondamenta di matematica su cui si basano molte conquiste in chimica, fisica ed economia. A Leopoli (allora parte della Polonia), all’inizio del XX secolo, il professor Hugo Steinhaus creò l’equivalente per la matematica dell’Università di Gottinga o della Sorbona – un luogo dove i più eminenti matematici polacchi dispiegavano le loro ali. Il numero di scoperte e lavori innovativi nati negli anni ’20 e ’30 è impressionante. Le teorie matematiche, che più tardi furono sfruttate per i calcoli numerici sui computer (Ulam), la meccanica quantistica (Banach) o l’economia (Steinhaus), ebbero inizio a Leopoli. Il fermento intellettuale creato dai matematici di Leopoli è un avvenimento nella storia della scienza polacca, mentre il cosiddetto “Libro scozzese”, in cui i problemi matematici venivano annotati durante gli incontri sociali per potervi tornare in seguito, è avvolto nella leggenda. Purtroppo la seconda guerra mondiale mise brutalmente fine all’attività della scuola di matematica di Leopoli. Le università furono chiuse, parte del personale fu assassinato, alcuni riuscirono miracolosamente a sopravvivere (per esempio Banach fu salvato da Rudolf Weigl, un biologo di Leopoli, inventore del primo vaccino contro il tifo esantematico, che lo incluse nella lista dei nutritori dei pidocchi) o a fuggire fuori dall’Europa dilaniata dalla guerra. Stanisław Ulam divenne Stan Ulam – un importante scienziato americano che influenzò significativamente il successo del Progetto Manhattan.

L’emigrazione dei ricercatori polacchi è un leitmotiv della scienza polacca. Il loro elenco è molto lungo. Comprende Marie Curie-Skłodowska, che dovette lasciare la Polonia spartita per completare i suoi studi e diventare la scienziata più riconoscibile al mondo dopo Einstein. La ricercatrice sulla radioattività divenne una delle quattro persone nella storia a ricevere due premi Nobel nelle scienze naturali. Altri erano attivi anche in esilio. Il primo pianeta fuori dal sistema solare fu scoperto da Aleksander Wolszczan – il professore presso la Pennsylvania State University. Casimir Funk all’Istituto Pasteur di Parigi scoprì le vitamine e condusse ricerche sul cancro. Leopold Infeld, un importante fisico teorico, collaborò con Albert Einstein alla teoria della relatività. Bronisław Malinowski, eminente antropologo, fu un cofondatore della moderna antropologia britannica e mondiale. Mieczysław Bekker fu il progettista del primo rover lunare per la NASA. Comunque, anche chi sta scrivendo queste parole conduce ricerche sulla fusione termonucleare nel tedesco Istituto di Greifswald.

Tuttavia, non pochi furono inventati e creati sul fiume Vistola. Jan Czochralski sviluppò un metodo di crescita dei cristalli, che costituiscono la base per la produzione dei processori utilizzati oggi. Ignacy Łukasiewicz inventò la lampada a cherosene. Marian Smoluchowski contemporaneamente e indipendentemente da Einstein sviluppò la teoria del moto caotico delle particelle, e Leonard Sosnkowski fu il pioniere nel campo dei semiconduttori, senza i quali il XXI secolo non sarebbe quello che è oggi.

È difficile sopravvalutare l’influenza di Niccolò Copernico sulla nostra percezione del mondo. In riconoscimento del suo genio, la National Gallery di Londra presenterà nel 2021 due capolavori associati all’astronomo di Toruń: il dipinto di Jan Matejko “Rozmowy z Bogiem” (Conversazioni con Dio), che raffigura Copernico che esamina i corpi del sistema solare, e una copia dell’opera di Copernico “De revolutionibus orbium coelestium” (Sulle rivoluzioni delle sfere celesti). Copernico fece le sue scoperte misurando minuziosamente il moto dei corpi celesti. Nei tempi in cui la scienza era ancora agli inizi, il canonico di Toruń era uno dei primi veri e propri scienziati, un uomo del Rinascimento. Oltre all’astronomia, si occupò anche di medicina, matematica, filologia ed economia. Con la sua scoperta che la Terra gira intorno al Sole, diede l’inizio a una rivoluzione nella scienza, ma non solo in essa. Forse ancora più importanti erano le implicazioni filosofiche della sua scoperta. Copernico provocò una rivoluzione nella percezione del mondo. La Bibbia cessò di essere una fonte di conoscenza dell’universo e le leggi che governano il mondo naturale cessarono di essere il dominio dell’argomentazione teologica. Niccolò Copernico aprì alla scienza una dimensione completamente nuova della cognizione e sembra che nel quadro di Jan Matejko stia dando le spiegazioni a Dio proprio per questo.

Naturalmente la scienza polacca non è solo storia, sia recente che remota, ma anche il presente. Gli scienziati polacchi sono presenti nei più importanti centri scientifici del mondo. La Prof. Agnieszka Zalewska, come rappresentante della scuola polacca di fisica delle particelle riconosciuta a livello internazionale, è il presidente del Consiglio dell’Organizzazione europea per la ricerca nucleare. Gli archeologi polacchi guidati dall’egittologo prof. Karol Myśliwiec fanno scoperte che si riverberano in tutto il mondo. Gli astronomi polacchi che lavorano al progetto OGLE hanno dimostrato che la nostra Galassia ha una forma molto complessa. Gli studenti delle università tecniche polacche, seguendo le orme di Mieczysław Bekker, vincono regolarmente concorsi per costruire il miglior rover di Marte.

.Il mondo della scienza di oggi è una vasta rete di centri di ricerca sparsi in tutto il mondo, dove, anche grazie alla nostra presenza nell’Unione Europea, stiamo riuscendo molto bene, portando le nostre peculiarità nazionali: creatività, coinvolgimento e capacità di pensare fuori dagli schemi. Il tempo ci dirà se riusciremo ad avere qualcuno della statura di Niccolò Copernico o Marie Curie-Skłodowska.

Marcin Jakubowski

Il testo pubblicato contemporaneamente sulla rivista mensile polacca “Wszystko Co Najważniejsze” nell’ambito del progetto realizzato con l’Istituto della Memoria Nazionale, Instytut Pamięci Narodowej e con la Banca nazionale polacca, Narodowy Bank Polski (NBP).

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 25/06/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam