Andrzej KRAJEWSKI: La rivoluzione del petrolio iniziò con i polacchi

La rivoluzione del petrolio iniziò con i polacchi

Photo of Andrzej KRAJEWSKI

Andrzej KRAJEWSKI

Storico polacco, pubblicista, divulgatore scientifico.

Ryc.Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

La carriera del petrolio come risorsa energetica più importante per la civiltà non sarebbe stata così rapida se non fosse stato per quattro ingegnosi polacchi.

.Quando si parla dei polacchi Ignacy Łukasiewicz e Jan Zehu, viene in mente la lampada a cherosene da loro inventata. Un altro polacco, Witold Zglenicki, scoprì grandi depositi di petrolio vicino al Mar Caspio. Ignacy Moscicki, a sua volta, non fu solo il presidente della Polonia prima della Seconda guerra mondiale, ma anche un chimico che si occupava di fertilizzanti azotati. Le conquiste di questi polacchi hanno avuto un grandissimo impatto sulla nostra civiltà – sono legati alla nascita dell’industria petrolifera.

L’uomo ebbe a che fare col petrolio per migliaia di anni nelle zone in cui fuoriesce spontaneamente da sotto la superficie terrestre. Esso veniva allora chiamato olio di roccia o olio di terra. Tuttavia, il fatto che sia una fonte di energia estremamente efficiente non fu scoperto fino al 1852. Un giovane polacco, Ignacy Łukasiewicz, laureato in farmacia, acquistò diverse bottiglie di olio di roccia da un mercante ebreo Abraham Schreiner, e poi convinse il suo amico Jan Zeh a sperimentare insieme. Nella farmacia di Leopoli „Pod Złotą Gwiazdą” (“Sotto la Stella d’Oro”), dove lavoravano, costruirono un distillatore, in grado di resistere alla pressione dell’olio riscaldato. Poi Łukasiewicz cominciò ad aggiungere varie sostanze al liquame caldo. Infine, l’olio di roccia mescolato con acido solforico e soluzione di sodio ha cominciato a separarsi in frazioni. La benzina infiammabile veniva a galla in cima, il kerosene si posizionava subito sotto, ed infine gli oli e il grasso. Gli strati successivi di liquido avevano sempre più svariate proprietà, e l’asfalto si depositava sul fondo del distillatore.

I nuovi composti chimici derivati dalla raffinazione del petrolio hanno cambiato il mondo. Ma prima che ciò accadesse, le strade dei due farmacisti si divisero. Zeh era continuamente scontento, mentre Łukasiewicz aveva la testa per gli affari. Tra le frazioni di petrolio era più interessato al cherosene, ma le lampade di quel tempo si rivelarono completamente inadatte alla temperatura e alla velocità della sua combustione. Partendo dal presupposto che avendo un nuovo prodotto si debba creare un mercato, il farmacista incaricò il suo amico Andrzej Bratkowski, uno stagnino, di costruire una lampada ideale per il cherosene. Fu creata nel marzo 1853 e dopo diversi decenni di successo, fu eliminata dal mercato dalle lampadine elettriche. Al contrario, la tecnologia di raffinazione del petrolio dimostrò di essere immortale.

Fu grazie al petrolio che il farmacista fece fortuna, costruendo più raffinerie in Galizia. Łukasiewicz capì, anche prima di John D. Rockefeller, che i veri soldi non li fa chi estrae la materia prima, ma l’azienda che la lavora e poi la distribuisce. Il polacco riuscì a dominare il mercato europeo e nel 1874 le raffinerie di sua proprietà lavoravano oltre 21 mila tonnellate di petrolio all’anno. Allo stesso tempo, i costruttori di motori a combustione interna, Nicolaus August Otto e Karl Benz, scoprirono che la benzina raffinata con il metodo di Łukasiewicz era il carburante più efficiente. Ciò generò una domanda crescente di quest’ultimo.

Un altro polacco, Witold Zglenicki, che si stabilì a Baku nel 1891, si inserì perfettamente in questa tendenza. I giacimenti di petrolio furono sviluppati dalla compagnia dei fratelli Nobel, per i quali il geologo polacco si dimostrò un valido collaboratore. Non solo eccelleva nella ricerca di nuovi giacimenti, ma aveva anche progettato uno strumento per misurare la curvatura dei pozzi. L’invenzione ridusse significativamente il numero di esplosioni e incendi incontrollati durante le nuove operazioni di perforazione.

Tuttavia, Zglenicki era più interessato a come estrarre il petrolio da sotto il fondo del Mar Caspio. Così, a partire dal 1896, perfezionò il design della piattaforma per la perforazione di pozzi in corpi idrici. Nel 1904 il diabete in rapido sviluppo di Zglenicki interruppe il suo lavoro. Dopo la morte dell’inventore, le sue idee catturarono l’interesse dei petrolieri americani. Oggi, le piattaforme petrolifere offshore forniscono circa un terzo della produzione mondiale di petrolio.

.L’industria petrolifera utilizza altrettanto intensamente la tecnologia sviluppata da Ignacy Mościcki. Quando lo scienziato, conosciuto come un grande inventore (brevettò 40 tecnologie innovative), si trasferì dalla Svizzera a Lviv, fu contattato dall’Istituto di ricerca scientifica e tecnologica “Metan”. L’industria petrolifera galiziana lottò con il problema della contaminazione dei giacimenti causata dalla salamoia che riusciva a penetrarli. Migliaia di tonnellate di petrolio contaminato e non raffinabile venivano versate nei fiumi ogni anno. Dopo aver appreso il problema, tornando a casa, Moscicki trovò una soluzione: la tecnologia prevedeva l’evaporazione dell’olio pressurizzato con un flusso di gas di combustione riscaldati o aria calda, e poi la condensazione delle singole frazioni. La prima linea tecnologica progettata da Mościcki fu costruita nel 1921 nella raffineria di Jedlicze. Gli investitori americani ne furono subito interessati e presto il brevetto di Mościcki andò negli Stati Uniti. Pochi lo ricordano oggi. E altrettanto pochi ricordano l’inventore delle piattaforme petrolifere offshore ed il fatto che la più grande conquista dei farmacisti della farmacia „Pod Złotą Gwiazdą” non fu affatto la lampada a cherosene.

Andrzej Krajewski

Il testo pubblicato contemporaneamente sulla rivista mensile polacca “Wszystko Co Najważniejsze” nell’ambito del progetto realizzato con l’Istituto della Memoria Nazionale, Instytut Pamięci Narodowej e con la Banca nazionale polacca, Narodowy Bank Polski (NBP).

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 25/06/2021