Prof. Marek KORNAT: Rivoluzione polacca della libertà Prof. Marek KORNAT: Rivoluzione polacca della libertà

Rivoluzione polacca della libertà

L’ordinamento interno del Paese non può arrivare dall’esterno. Deve essere un atto proprio e il frutto del pensiero dell’élite politica autoctona.

.“Tutto il potere della società umana prende origine dalla volontà del popolo. Pertanto, affinché l’integrità dello Stato, la libertà civile e l’ordine della società rimangano per sempre di uguale importanza, il governo della nazione polacca dovrebbe, e per volontà della presente legge, avere tre poteri, cioè il potere legislativo negli stati riuniti, il potere esecutivo supremo nel re e nei guardiani [delle leggi] e il potere giudiziario nelle giurisdizioni stabilite o da stabilire a questo fine” – proclamava la Costituzione polacca del 3 maggio 1791. Come possiamo vedere, essa portava diverse idee fondamentali di importanza rivoluzionaria per l’ordine pubblico. In primo luogo, coloro che sono al potere prendono il loro potere dal consenso dei governati. In secondo luogo, la libertà civile e l’ordine sociale sono valori che dovrebbero bilanciarsi a vicenda in uno Stato. In terzo luogo, il principio della divisione tripartita dei poteri è qui chiaramente enunciato. La Costituzione polacca del 3 maggio 1791 esprime con enfasi l’esperienza polacca della libertà. Non è irrilevante che sia stata la prima Legge fondamentale in Europa, anche se generalmente questo non viene ricordato in Europa.

Il momento storico in cui la Legge fondamentale polacca fu adottata coincide con i tempi di altre grandi codificazioni dell’ordine politico. Mi riferisco naturalmente al grande atto che fu la Costituzione della giovane repubblica americana del 17 settembre 1787 e la Costituzione francese del 3 settembre 1789. Cosa avevano in comune e cosa le divideva? Possiamo parlare qui delle fonti di ispirazione reciproca?

Questa esperienza polacca di libertà fu senza dubbio speciale. Diversa da quella dei francesi o americani. Questo fu espresso nel preambolo della Costituzione del 3 maggio: “(…) riconoscendo che il destino di tutti noi dipende unicamente dal consolidamento e dal miglioramento della costituzione nazionale, avendo appreso attraverso la nostra lunga esperienza i difetti di lunga data del nostro governo (…)”. Mentre gli Stati Uniti stavano per costruire un nuovo ordine da zero – senza alcuna esperienza precedente, dato che la nuova repubblica stava nascendo come una colonia britannica liberata, la Confederazione polacco-lituana stava conseguendo un grande atto di limitazione e di riforma dei suoi principi costituzionali, costituiti dai diritti cardinali – incluso il principio del suffragio unanime, la libera elezione e il diritto di confederazione, ovvero resistenza al governo quando necessario. Inoltre, un confronto tra l’esperienza polacca della libertà e quella francese mostra soprattutto le differenze. Perché i polacchi rafforzarono il governo del loro Paese per dargli una nuova forza, mentre i francesi riuscirono a limitare i poteri del loro governo per garantire i diritti dell’uomo e del cittadino. Il preambolo della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 28 agosto 1789, che divenne parte della Costituzione approvata dall’Assemblea nazionale pochi giorni dopo, affermava: “I rappresentanti del popolo francese, costituiti in Assemblea nazionale, considerando che l’ignoranza, l’oblio o il disprezzo dei diritti dell’uomo sono le sole cause delle sventure pubbliche e della corruzione dei governi, hanno deciso di esporre, in una solenne dichiarazione, i diritti naturali, inalienabili e sacri dell’uomo, affinché questa dichiarazione, costantemente presente a tutti i membri del corpo sociale, rammenti loro continuamente i loro diritti e i loro doveri; affinché gli atti del potere legislativo e quelli del potere esecutivo ritraggano maggior rispetto dal poter essere in ogni istante messi a confronto con il fine di ogni istituzione politica; affinché i reclami dei cittadini, avendo d’ora in poi a proprio fondamento princìpi incontestabili, abbiano sempre per risultato il mantenimento della costituzione e la felicità di tutti”.

È difficile confrontare le tre costituzioni: quella americana, polacca e francese. Penso che uno storico dovrebbe notare che quella polacca era comunque la più conservativa. Se non altro perché mantenne comunque il sistema statale della società, menzionando nel suo testo “nobili-ziemianie (proprietari terrieri)”, “città e mieszczanie (borghesia)” e “contadini-włościanie (contadini)”. I riformatori polacchi non potevano permettersi di più. Ma diedero alla borghesia una rappresentanza nel Sejm. Presero anche i contadini “sotto la protezione del governo”. Non era poco – in un Paese in cui dal XVI secolo si era formato un sistema basato sul dominio della nobiltà, la più numerosa di tutti gli Stati europei, che raggiungeva anche il 10% della popolazione del Paese.

Certamente fu l’Inghilterra – sebbene fosse un Paese senza una costituzione scritta in un solo atto – ad essere oggetto di ispirazione del re polacco Stanislao Augusto, un uomo dell’Illuminismo e il principale creatore della Legge fondamentale polacca. Ma bisogna sottolineare chiaramente che la Costituzione adottata nella storica sessione del Sejm di Varsavia dava al re molto più potere di quello che il sistema britannico dava al monarca. Il governo presidenziale a quel tempo, alla fine del XVIII secolo, era un esperimento isolato. Fu offerto dagli americani per la loro giovane repubblica. E con successo. Nell’Europa di allora non c’erano questi concetti. Né funzionò l’ispirazione del modello americano.

Tutte e tre le costituzioni – sottolineiamo – hanno in comune alcuni principi fondamentali. Questi sono: il principio della supremazia del popolo, l’idea di rappresentanza (i governati dai governanti), la separazione dei poteri e la responsabilità parlamentare dei ministri. Le autorità governative furono separate dal potere del governo come un terzo potere.

In Polonia ci furono degli sforzi per mantenere i confini del potere reale i più rigidi possibile. In Francia fu adottato un parlamento unicamerale (Legislatura) mentre il re, anche se rimase sul trono, fu privato di tutte le prerogative tranne l’autorità suprema sulle forze armate e il diritto di esercitare la clemenza.

Che i membri del parlamento rappresentino tutta la nazione è un’idea espressa con più forza nella prima costituzione francese, ma ha anche il suo posto in quella polacca. Comune alle Costituzioni polacca e francese è anche la convinzione della necessità di un pouvoir constituant, che richiede un mandato separato del popolo per modificare la Legge fondamentale. La Costituzione del 3 maggio espresse questa convinzione nella previsione della necessità di convocare un Sejm straordinario per riformarla 25 anni dopo la sua entrata in vigore.

Come definire il sistema politico polacco – adottato dalla Repubblica di Polonia con l’Atto di Governo del 3 maggio 1791? Penso che sia stata una monarchia moderata, una monarchia a cui fu data la “libertà di governo” – come dicevano i polacchi della fine del XVIII secolo.

“Avete dato un grande esempio al mondo e già questo esempio è stato seguito. Già la nazione, da secoli amica della Francia, dispiega la bandiera della libertà e la celebra senza impedimenti, senza spargimento di sangue e tra la viva gioia di tutte le classi di cittadini. La Polonia deve a voi questa rivoluzione, felice e pacifica allo stesso tempo; appena i vostri sacri principi furono proclamati in Francia, risuonarono immediatamente nelle foreste della Lituania, e la mia Patria, illuminata dai vostri decreti, forte della vostra esperienza, fu onorata di un titolo, non conoscendo l’infanzia della libertà. Così, ponendo fine alla vostra felicità, avete iniziato la nostra, e d’ora in poi i Sarmati rinati non pronunceranno la parola Nazione Francese in altro modo che con un accento di gratitudine”, scrisse il re polacco Stanislao Augusto all’Assemblea nazionale francese dopo aver sentito che aveva adottato la Costituzione del 3 settembre 1791. È importante sottolineare questo fatto significativo.

Ebbene, la monarchia polacca fu riformata attraverso la rinuncia a certi diritti da parte della classe dirigente (nobiltà), il che fu fatto volontariamente, senza spargimento di sangue. La storia non conosce un’operazione del genere.

Edmund Burke si congratulò con Stanislao Augusto per la sua “magnifica uscita dall’anarchia”, ottenuta senza spargimento di sangue. Lo sconvolgimento politico in Polonia sotto forma della Costituzione del 3 maggio fu percepito come una “rivoluzione polacca”. Karl Marx vedeva la Costituzione polacca come un’opera politica epocale di importanza internazionale. “Con tutti i suoi difetti – scrisse – la Costituzione si staglia sullo sfondo della barbarie russo-prussiano-austriaca come l’unica opera di libertà che l’Europa orientale abbia mai prodotto autonomamente. E provenne esclusivamente dalla classe privilegiata – la nobiltà”.

Tuttavia, non fu un atto glorioso per tutti. Dopo tutto, la dichiarazione di Caterina II sulle riforme del Sejm polacco che “i polacchi hanno superato tutte le follie dei rivoluzionari parigini” passò alla storia. Il vilipendio della Polonia come nazione rivoluzionaria doveva aprire la strada alla spartizione. A causa dell’intervento militare della Russia, la monarchia costituzionale polacca durò solo un anno – fino al giugno 1792. La Costituzione polacca cadde di fronte alla violenza straniera. Quella francese si fermò quando la rivoluzione cominciò ad accelerare. Il re Luigi XVI fu arrestato. Arrivò la repubblica. Il terrore e la violenza modellarono il volto della nuova Francia.

E così abbiamo tre esperienze con la Costituzione. Americana, polacca e francese – andando cronologicamente. I fondatori della repubblica americana crearono un nuovo ordine organizzando la libertà in uno Stato forte. Il passato della loro patria era una specie di tabula rasa mentre stava nascendo il giovane Stato. I francesi volevano strappare la libertà abolendo il sistema dell’assolutismo. I polacchi dovettero fare il contrario – limitare i diritti dello stato dominante al fine di creare un governo forte e fare del re il capo dell’esecutivo. Ecco perché Stanislao Augusto dichiarò che “il nostro Atto del 3 maggio è agli antipodi del governo francese”.

Duecentotrenta anni dopo la promulgazione della prima costituzione in Europa, costituita dalla Legge Governativa polacca, rimane naturalmente il ricordo del coraggioso pensiero dell’élite politica polacca. È certamente impressionante che attinsero a modelli stranieri – risalendo al pensiero dell’Illuminismo europeo, ma non distrussero la propria tradizione, così ricca di libertà, cittadinanza e repubblicanità. L’ideale polacco specifico della “libertà ordinata” guidò gli sforzi dei patrioti polacchi. Si riassumeva in un semplice pensiero: né assolutismo né anarchia. Questo pensiero è vero.

La libertà è certamente un grande valore, ma non l’unico tra quelli che formano l’ordine politico. Deve essere una libertà all’interno della legge e non una negazione dell’ordine. È così che va vista la lezione di storia polacca di duecentotrenta anni fa.

Quando ci rivolgiamo a questa pagina della storia, costituita dalla Legge Governativa polacca, è impossibile non menzionare che, nella memoria collettiva polacca, essa è accompagnata da un intervento straniero sostenuto da una parte dell’élite politica del Paese. Coloro che chiedevano l’aiuto russo, proclamavano slogan sulla libertà e chiamavano tirannia il sistema offerto dall’Atto del 3 maggio 1791. Rimane un monito della storia, a cui tornavano le generazioni successive, compresa quella di oggi. L’ordinamento interno del Paese non può arrivare dall’esterno. Deve essere un atto proprio e il frutto del pensiero dell’élite politica autoctona.

.Tra gli storici polacchi appare ancora oggi un’osservazione secondo cui la Costituzione del 1791 era solo un testamento della patria e niente di più. Provocò la reazione delle potenze assolutiste nemiche. Emise una condanna a morte nei confronti della Polonia. La risposta deve essere che, se lo Stato polacco-lituano doveva essere annientato – in un modo o nell’altro, prima o poi, come molti indicano – allora fu meglio che l’élite politica del Paese sia riuscita ad elaborare un tale testamento. Esso animò l’immaginazione dei posteri e forma l’identità liberata della nazione oggi.

Marek Kornat

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 03/05/2021
Fot. Mariusz Cieszewski / MSZ

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam