Marek DIETL: Mercati dei capitali dei Tre Mari - potenziale (non) sfruttato Marek DIETL: Mercati dei capitali dei Tre Mari - potenziale (non) sfruttato

Mercati dei capitali dei Tre Mari - potenziale (non) sfruttato

Ci sono due aree di rapida crescita economica nell’Unione europea – l’Irlanda a ovest e i dodici Paesi dei Tre Mari a est, che sono cresciuti a un tasso annuo del 2,8% dall’adesione all’UE. Gli investitori internazionali non hanno ancora approfittato pienamente delle opportunità offerte dal rapido sviluppo di questa regione.

.Non occorre essere un attento osservatore della vita economica per notare il legame tra la crescita economica e i prezzi delle azioni nelle borse. Nonostante centinaia di studi che cercano di spiegare queste relazioni, non sappiamo ancora se è il mercato dei capitali ad alimentare lo sviluppo o se l’effetto della crescita economica è un mercato azionario forte. Sembra più appropriato constatare che è una specie di feedback. I mercati dei capitali pubblici convertono i risparmi in investimenti nel modo più efficiente, ma investire ha senso solo se ci si possono aspettare rendimenti interessanti, e questi sono legati alla crescita economica.

Analizzando la relazione tra il PIL pro capite e la quota di capitalizzazione delle società pubbliche nel PIL dei Paesi dello Spazio economico europeo, possiamo vedere chiaramente che i Paesi “ricchi” hanno anche mercati di capitali “più grandi”. Nei Paesi dei Tre Mari, il mercato dei capitali è generalmente meno sviluppato di quanto indicato dal livello di sviluppo economico. 

Fonte: FESE, CEICData, siti web delle borse, Banca Mondiale

Un Paese che è cresciuto rapidamente e ha un mercato dei capitali abbastanza grande in relazione al PIL è la Polonia. Negli ultimi 30 anni, il PIL è più che triplicato, il che implica una crescita economica reale media del 4% all’anno. La crescita nominale era ovviamente più alta, oltre l’11,5% annuo. Allo stesso tempo, il principale indice borsistico WIG è salito ad un tasso medio di oltre il 15% in questi 30 anni. È qui che probabilmente risiede il segreto del successo. Le aziende che crescono meglio della “media nazionale” sono quotate alla Borsa di Varsavia, il che attira gli investitori, e la presenza degli investitori incoraggia altre buone aziende a debuttare.

Nonostante il suo indiscutibile successo, il mercato dei capitali polacco ha ancora un grande potenziale di crescita. La quota di capitalizzazione nel PIL varia tra il 30 e il 40%, che è due volte più bassa rispetto ai Paesi della cosiddetta vecchia Unione. C’è ancora più potenziale negli altri Paesi dei Tre Mari. Se escludiamo l’Austria e la Polonia, il rapporto medio tra le dimensioni del mercato dei capitali e il PIL è tra il 15 e il 20%, nonostante le ottime prestazioni economiche degli ultimi tre decenni.

Anche se le società quotate nelle borse dei Tre Mari si stanno sviluppando in modo dinamico, attirare gli investitori, e quindi più società, incontra una barriera di scala. Quasi l’85% del trading è concentrato nei tre maggiori mercati della regione, per cui una più stretta cooperazione tra di essi sembra necessaria. Costruendo un’offerta comune per gli investitori globali, le aziende dinamiche avranno la possibilità di raccogliere capitali nella regione che non cercherà di prenderne il controllo.

Fonte: FESE, borse
Fonte: FESE, borse

Un esempio di cooperazione è la creazione dell’indice CEEplus nel 2019, che comprende 153 aziende di sette Paesi della regione: Polonia, Croazia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia e Ungheria. La diversità, sia in termini di Paese che di settore, sta portando a un crescente interesse da parte di fondi e investitori di tutto il mondo.

L’indice è anche seguito da attività di marketing congiunte e dalla presentazione di una posizione comune sulle soluzioni normative dell’UE per i mercati dei capitali. Fino ad ora, i grandi player hanno avuto il sopravvento nei negoziati, il che, nel caso di alcune proposte della Commissione europea, ha persino minacciato di annientare le piattaforme commerciali più piccole.

La tecnologia è un’area di cooperazione estremamente importante per la WSE. Già oggi, le borse della regione stanno testando alcune delle nostre soluzioni. In futuro, il nostro prodotto di esportazione diventerà un sistema di trading unico adattato alle specificità delle borse più piccole e che permetterà la creazione di un unico ecosistema tecnologico per i mercati dei capitali in questa parte d’Europa.

La Conferenza delle Borse Valori dei Tre Mari organizzata dal WSE è una piattaforma speciale per lo scambio di esperienze. Siamo lieti che l’edizione di quest’anno riunisca scambi azionari in Bulgaria e Austria, così come ospiti esterni all’Iniziativa dei Tre Mari: Armenia, Grecia e Georgia. 

La Borsa di Varsavia è attualmente il leader indiscusso di questo gruppo. Due decenni fa, la Borsa di Atene era quattro volte più grande della WSE in termini di capitalizzazione e più del doppio in termini di trading. Oggi, la Borsa di Varsavia è quattro volte più grande della borsa greca. Questo rapido ritmo di sviluppo ha fornito alla Polonia un know-how unico su come sviluppare i mercati dei capitali. Tuttavia, non vediamo la nostra posizione nella regione come un privilegio da dominare, ma come un impegno a sostenere lo sviluppo dei mercati dei capitali nella regione più ampia.

L’Iniziativa dei Tre Mari è nata come risposta alle lacune nelle infrastrutture di trasporto e trasmissione lungo l’asse nord-sud. Con il suo sviluppo, abbiamo anche visto che esiste una situazione analoga per il mercato dei capitali. Mentre ci sono molte interfacce tra gli scambi azionari della regione e i grandi mercati dell’ovest, le relazioni tra il nord e il sud della regione erano molto deboli.

.È ora di cambiare le cose. A beneficio di migliaia di aziende della regione in cerca di capitale e di investitori che desiderano trovare opportunità per moltiplicare i loro risparmi. Come leader regionale, la WSE sta assumendo questo compito con coraggio e prudenza. 

Marek Dietl

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 08/10/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam