Prof. Adam GLAPIŃSKI: Stabilizzazione e sfide post-pandemia Prof. Adam GLAPIŃSKI: Stabilizzazione e sfide post-pandemia

Stabilizzazione e sfide post-pandemia

La banca centrale dimostrò la sua efficacia nel limitare gli effetti economici della pandemia e lo dimostrerà di nuovo conducendo una politica prudente di ripristinare l’economia su un percorso di rapida crescita, mantenendo la stabilità dei prezzi e l’equilibrio macroeconomico – scrive il Prof. Adam GLAPIŃSKI.

.Gli antichi greci avevano ragione sulla maggior parte delle cose, ma purtroppo non conoscevano il concetto di accelerazione, o almeno non avevano lo strumento matematico per descriverlo formalmente. Ci vollero secoli prima che, grazie a Galileo, e in effetti solo grazie a Newton, si capisse che l’accelerazione – cioè un cambiamento di velocità nel tempo – è invariabilmente associata all’applicazione di una forza. Gli ultimi mesi ci insegnano che la seconda legge della dinamica è utile non solo quando vogliamo mettere in orbita un satellite, ma anche quando cerchiamo di capire gli eventi economici in Polonia e nel mondo durante una pandemia, per la quale la chiave di interpretazione è il fenomeno dell’accelerazione.

Questo perché in poche settimane, a causa della forza esterna delle restrizioni pandemiche e del panico causato dal coronavirus, le economie di molti Paesi passarono rapidamente da un’espansione economica consolidata a un crollo drammatico. L’ondata di dati negativi accelerò senza pietà, e sullo sfondo c’era spesso una lotta drammatica per la salute e la vita dei cittadini. 

La situazione richiedeva un’azione altrettanto rapida e decisiva – volta a limitare non solo la trasmissione del virus ma anche l’impatto negativo dello shock pandemico sull’economia. La Banca Centrale polacca, Narodowy Bank Polski (NBP) reagì come una delle prime banche centrali con un forte allentamento della politica monetaria. Grazie al fatto che negli ultimi anni perseguimmo una politica monetaria tradizionale e conservatrice, avemmo il necessario spazio di manovra e non esitammo a tagliare i tassi d’interesse quasi a zero e ad iniziare a comprare obbligazioni emesse e garantite dal Tesoro di Stato.

Anche se le decisioni furono prese molto rapidamente e in condizioni di grande incertezza, oggi possiamo già affermare che fornirono senza dubbio un sostegno efficace all’economia polacca. Questo successo si rifletté in particolare nelle cifre del PIL, secondo le quali il calo del prodotto interno in Polonia fu minore più del doppio della media europea. Riuscimmo anche a evitare il peggioramento della situazione sul mercato del lavoro, che viene mostrato, tra l’altro, dal tasso di disoccupazione più basso di tutta l’Unione europea.

Ma proprio come la forza delle restrizioni pandemiche costrinse interi settori dell’economia a un arresto improvviso, causando in molte regioni del mondo la più grande recessione della loro storia moderna, il netto miglioramento della situazione epidemica e il graduale rilascio delle restrizioni si stanno traducendo in una significativa ripresa economica, che si nota anche in Polonia. E mentre la direzione del cambiamento è – per fortuna – l’opposto dell’anno scorso, il ritmo sembra altrettanto vertiginoso.

I dati dell’economia statunitense ne sono una buona illustrazione. Gli economisti stimano che negli ultimi 70 anni ci volle una media di quasi 14 trimestri per coprire la distanza dal fondo della recessione al pieno potenziale. Questa volta, potrebbe richiedere solo sei mesi – persino nonostante il fatto che la scala del declino del PIL indotto dalla pandemia sia stata la più alta negli Stati Uniti nella sua storia del dopoguerra.

Questa ripresa economica accelerata, visibile in molte aree anche in Polonia, è comprensibilmente gioiosa, ma – proprio come il forte rallentamento di un anno fa – pone anche alcune sfide. Per esempio, ci sono preoccupazioni sul fatto che le banche centrali siano in ritardo nel rispondere al miglioramento dei dati e delle previsioni macroeconomiche, il che comporterebbe rischi per una crescita economica sostenibile.

Anche se il contesto di queste dichiarazioni è contemporaneo, non sono nulla di nuovo nella storia della politica monetaria. Dopo tutto, William McChesney Martin, il presidente della Fed che supervisionò la ripresa postbellica dal 1951 al 1970, aveva già giustamente osservato che il vero lavoro di una banca centrale è “essere in grado di mettere giù la brocca del punch proprio quando il divertimento sta iniziando”. Naturalmente, determinare la strategia di uscita ottimale per le azioni di politica monetaria non convenzionale è difficile. Tuttavia, si può dire con certezza che questo processo – sia a livello globale che in Polonia – dovrebbe essere saggiamente temporizzato e percepito come un elemento di continuità della politica della banca centrale che, da un lato, non può minare le basi della crescita post-crisi e, dall’altro, permettere l’accumulo di squilibri macroeconomici e finanziari.

L’esperienza acquisita dalla NBP, soprattutto nell’ultimo anno, gli strumenti di analisi sviluppati e i canali di comunicazione con il mercato ci rendono pronti per questa sfida. La banca centrale dimostrò la sua efficacia nel limitare gli effetti economici della pandemia e lo dimostrerà di nuovo conducendo una politica prudente di ripristinare l’economia su un percorso di rapida crescita, mantenendo la stabilità dei prezzi e l’equilibrio macroeconomico. Tuttavia, non possiamo permettere che rapidi cambiamenti nel tasso di cambio o nei rendimenti obbligazionari limitino le nostre prospettive di crescita, poiché si tratta del potenziale di crescita dell’economia polacca per molti anni a venire. Ecco perché abbiamo la nostra moneta, lo zloty polacco, per poter condurre una politica monetaria indipendente e autonoma, che è un importante ammortizzatore per noi.

E quando avremo sconfitto definitivamente la pandemia e superato le sue conseguenze economiche? Abbiamo piani ambiziosi per il futuro, il cui denominatore comune è recuperare il ritardo rispetto ai Paesi con il più alto livello di ricchezza. Nel perseguire questo obiettivo, dobbiamo non solo perseguire una politica monetaria prudente, ma anche sfruttare appieno le opportunità che ci offre la crescita delle nostre riserve di valuta estera. 

Come banca centrale, la NBP è la custode di un vasto patrimonio nazionale sotto forma di riserve, per un valore di 133,4 miliardi di euro. Grazie alla sua saggia gestione delle riserve in valuta estera, la NBP generò dei profitti negli anni 2016-2020, il cui pagamento totale al bilancio statale superò 32 miliardi di PLN, che corrisponde a quasi il 5% del totale del bilancio della NBP alla fine del 2020. Al fine di garantire un’elevata sicurezza dei fondi investiti, la loro liquidità e la loro redditività a lungo termine, il consiglio di amministrazione della NBP adottò nel 2020 una nuova strategia di gestione delle riserve, particolarmente importante in un mondo di tassi d’interesse bassi o negativi nelle principali economie. Uno dei pilastri della nostra strategia d’investimento è quello di aumentare progressivamente le nostre partecipazioni in oro delle banche centrali, il che diversifica efficacemente il rischio degli altri investimenti. Negli anni 2018-2019, la NBP acquistò già 125,7 tonnellate di oro, aumentando le sue riserve di lingotti a 228,7 tonnellate, vale a dire circa l’8% delle riserve ufficiali. La portata e il ritmo di ulteriori acquisti di oro dipenderanno dalla dinamica di crescita delle riserve di valuta estera della NBP, nonché dalle future condizioni macroeconomiche e di mercato.

.Abbiamo fatto molto, ma c’è ancora molto da fare. Pertanto, non possiamo riposare sugli allori – dobbiamo prudentemente condurre la Polonia sulla strada della crescita sostenibile e della convergenza, e investire saggiamente le crescenti riserve patrimoniali. La posta in gioco è un futuro sicuro e un ulteriore miglioramento delle condizioni di vita materiali per milioni di donne e uomini polacchi.

Prof. Adam Glapiński

Il testo pubblicato contemporaneamente sulla rivista mensile polacca “Wszystko Co Najważniejsze” nell’ambito del progetto realizzato con l’Istituto della Memoria Nazionale, Instytut Pamięci Narodowej e con la Banca Centrale polacca, Narodowy Bank Polski (NBP).

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 25/06/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam