Prof. Zdzisław KRASNODĘBSKI: La tradizione della libertà Prof. Zdzisław KRASNODĘBSKI: La tradizione della libertà

La tradizione della libertà

I cittadini della Repubblica di Polonia erano, si può dire senza esagerare, il popolo più libero d’Europa.

.La Costituzione del 3 maggio passò alla storia come la seconda costituzione scritta dopo quella americana e come il grande atto di libertà di quell’epoca – la fine del XVIII secolo. Essa riordinò i principi costituzionali dello stato, affermando allo stesso tempo che “tutto il potere della società umana trae origine dalla volontà del popolo”. Proclamava l’uguaglianza dei diritti dei cittadini, anche se non rendeva ancora cittadini tutti gli abitanti della Polonia. Era cauta nel trasformare la struttura sociale, il che era considerato un vantaggio nell’epoca rivoluzionaria, quando l’uguaglianza sarebbe stata presto introdotta per mezzo della ghigliottina. Garantiva le libertà civili: “la sicurezza personale e tutte le proprietà, appartenenti a chiunque per legge, come il vero nodo della società, come la pupilla della libertà civica, noi rispettiamo, assicuriamo e rafforziamo, e affinché siano rispettate, assicurate e intatte per i posteri, desideriamo averle”.

A differenza della Costituzione degli Stati Uniti, tuttavia, non era un atto che istituiva lo Stato, un conferimento di diritti fondamentali a se stesso da parte della nazione appena formata. Nel caso della Polonia, un atto di fondazione di questo tipo fu l’Unione di Lublino del 1569. Ed essa può essere considerata la prima costituzione polacca, poiché creò una nuova unità politica, la Repubblica, e stabilì i principi del suo governo. Ma anch’essa riassunse solo le tappe di una lunga unificazione del Regno Polacco e del Granducato di Lituania.

A differenza di altri paesi europei, la Polonia non si evolse da una monarchia di stato verso una monarchia assoluta, ma verso una Repubblica, con un sistema misto, essendo sia una monarchia elettorale che una repubblica, in cui circa il 10% della popolazione aveva il diritto di eleggere il re e i loro rappresentanti alla camera dei deputati e alla dieta.

La nozione di libertà che prevaleva in questa territorialmente estesa Repubblica delle Due Nazioni, come veniva chiamata, assomigliava a quella che gli storici delle idee trovano nelle repubbliche urbane italiane. I suoi cittadini la confrontavano volentieri con l’antica repubblica romana. Lo Stato nella loro comprensione non era un “Leviatano” – una creazione elevata sopra la nazione politica, sopra la società, ma una “cosa comune”, sostenuta dall’azione comune, e la libertà era intesa non solo come la libertà dell’individuo, ma come la possibilità di decidere collettivamente sulle leggi stabilite. Non c’era nessuna inquisizione in Polonia, nessuna persecuzione dei dissidenti – solo in risposta alla devastante invasione della Svezia protestante nel 1655 la tolleranza cominciò ad essere limitata. I cittadini della Repubblica di Polonia erano, si può dire senza esagerare, il popolo più libero d’Europa. E si consideravano tali. Dal loro punto di vista, le monarchie assolute non erano Paesi liberi, ma esempi deterrenti di schiavitù, dove non c’era libertà di parola, dove un nobile poteva essere gettato in prigione senza processo, e dove il governo interferiva con l’agricoltura.

 Per i luminari intellettuali dell’Europa del XVIII secolo come Diderot o Voltaire, ammiratori di despoti illuminati come Caterina II o Federico II, questa libertà polacca era un eccesso, contrario alla ragione. Pure Kant si lamentava del fatto che la Polonia è un paese dove tutti vogliono essere padroni e nessuno vuole essere suddito. Allo stesso tempo, ai polacchi veniva rimproverato il fatto che questa libertà riguardava solo una classe – la nobiltà.

L’esperimento polacco con la libertà stava infatti diventando sempre più rischioso, minacciando la sopravvivenza dello Stato. Questo sistema richiedeva molte virtù ai suoi cittadini per evitare che la libertà si trasformasse in arbitrio e anarchia. La Costituzione del 3 maggio fu un tentativo di riprendere il timone e allo stesso tempo doveva proteggere lo stato dall’invasione esterna e dalla decadenza interna. Limitò la libertà per salvarla – introducendo una monarchia ereditaria, togliendo i diritti politici ai nobili senza proprietà, espandendo i diritti della borghesia.

Coloro che si espressero contro di essa, chiedendo alla zarina Caterina II di intervenire, invocavano “diritti cardinali” e antiche libertà. Per paura di un presunto dispotismo interno, fecero ricorso al più grande dispotismo d’Europa. Gli eserciti stranieri – prussiani e russi – “ristabilirono prontamente l’ordine” e “lo Stato di diritto”, distruggendo questo spazio unico di libertà.

Se la Repubblica di Polonia fosse sopravvissuta, la storia dell’Europa sarebbe stata diversa: le tradizioni del repubblicanesimo classico non sarebbero state dimenticate così facilmente, il dispotismo russo sarebbe rimasto oltre i suoi confini e il militarismo prussiano sarebbe stato frenato.

.Avendo perso la loro indipendenza e avendo capito che senza di essa non ci può essere piena libertà personale, i polacchi lottarono per essa durante tutto il XIX secolo, a partire dall’insurrezione di Kościuszko nel 1794. Questo attaccamento polacco alla libertà si manifestò anche nel XX secolo: nel 1920 fermò l’invasione bolscevica dell’Europa, nel 1939 prese le armi contro il Terzo Reich, nel 1980 con la creazione di Solidarność e nel 1989 con il superamento del comunismo.

Zdzisław Krasnodębski

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 30/04/2021
Piotr Mecik / Forum

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam