Prof. Jerzy MIZIOŁEK: Il trionfo della costituzione e del maresciallo Małachowski Prof. Jerzy MIZIOŁEK: Il trionfo della costituzione e del maresciallo Małachowski

Il trionfo della costituzione e del maresciallo Małachowski

La Costituzione del 3 maggio 1791 rimane uno di quegli eventi nella storia della Polonia che ci permettono di credere nella saggezza e vitalità della nazione. La sua potenza e dimensione trionfale fu espressa al meglio da Jan Matejko – scrive il prof. Jerzy MIZIOŁEK.

.Il processo di creazione della Costituzione del 3 maggio, l’ultimo grande capolavoro di Matejko (morì nel 1893), è ben documentato nelle fonti scritte e nelle dichiarazioni dell’artista stesso. Marian Gorzkowski nel 1898 scrisse: “Matejko scelse il momento più caratteristico per la Costituzione del 3 maggio, cioè la sua proclamazione nelle strade della città e nel momento in cui la folla stava facendo la sua processione per fare il giuramento in chiesa”. L’enorme dipinto (2,5 × 4,5 m) mostra effettivamente una processione trionfale. Prima di descriverlo, vale la pena ricordare un altro prezioso ricordo di un altro trionfo legato alle sessioni del Grande Sejm e del suo famoso Maresciallo Stanisław Małachowski. Egli fu chiamato, per la sua grande rettitudine e saggezza, Aristide polacco. Nei momenti di vera gioia che accompagnavano le sessioni del Sejm quadriennale, nel 1789, uno stendardo a forma di arco di trionfo fu fatto in suo onore nel giardino del Palazzo Krasiński (della Repubblica). Era accompagnato da questa eloquente quartina e da una scena di incoronazione, posta nell’arcata dell’arco:

Attraverso le tue mani, la libertà
Sorge dai frantumi,
Prendi con gioia questa corona di fiori,
Offerta dalla Patria.

L’incisione di Józef Czechowski permette di immaginare il valore artistico di questo arco, con la sua decorazione e le sue iscrizioni, che non solo onorò un politico e patriota eccezionale, ma commemorò anche il trionfo dell’idea di riforma dello Stato. Non si conservò, purtroppo, l’immagine di un altro arco, eretto nella piazza cittadina della Città Vecchia, dopo l’adozione e il giuramento della Costituzione del 3 maggio.

Sulla strada della riforma della Repubblica

.L’eminente storico, il rev.  Walerian Kalinka, esperto del Sejm quadriennale, riteneva che l’adozione della costituzione fosse un’azione condotta sulla base di una falsa diagnosi della situazione politica. In effetti, c’era un’eccessiva fiducia nelle buone intenzioni della Prussia sotto Federico Guglielmo e Leopoldo II, l’imperatore d’Austria, che era benevolo alla Polonia, e che cercò – come è noto, invano – di convincere della necessità di riforme in Polonia. Francia e Inghilterra avevano i loro problemi. Tuttavia, il periodo di disaccordo tra Prussia e Russia fu saggiamente sfruttato a Varsavia. Il lavoro di riparazione dello Stato era già iniziato molto prima del 1788. Prima c’era il Collegium Nobilium, dove, sotto la tutela di Konarski, furono educati migliaia di polacchi, tra cui cofondatori della Costituzione del 3 maggio come Ignacy e Stanisław Kostka Potocki. Poi, già ai tempi di Stanislao Augusto, fu fondata la Scuola dei Cadetti, un’altra fucina di patriottismo, dalla quale emerse Julian Ursyn Niemcewicz, immortalato da Matejko – così come Ignacy Potocki – nel suo famoso quadro. Infine, ci sono le imprese della Commissione dell’Educazione Nazionale, il primo ministero dell’educazione al mondo, e la riforma dell’Università Jagellonica portata avanti da Hugon Kołłątaj, coautore della costituzione, anche lui apparso nel quadro di Matejko. Nelle assemblee scolastiche, per bocca dei suoi collegiali, Konarski chiedeva la libertà personale per i contadini e i diritti politici per la borghesia. Proclamava le sue idee patriottiche e progressiste anche dal palcoscenico, per esempio nella Tragedia di Epaminonda (Epaminonda) dove, tra tanti altri, troviamo il seguente slogan: “Anche la legge più sacra cessa di essere tale se diventa contraria alla felicità della patria”.

Senza ombra di dubbio, questo grande maestro della nazione intendeva le aberrazioni nel sistema politico polacco (legge) come il liberum veto, finalmente abolito dalla Costituzione del 3 maggio. Così, i famosi greci – i già citati Aristide e Epaminonda, ben noti, grazie anche all’opera di Cornelio Nepote, ai polacchi istruiti – furono scelti come immagini esemplari dei cittadini moderni. Il primo visse ad Atene al tempo delle guerre persiane; il secondo fu uno stratega di Tebe nel IV secolo a.C. La rettitudine di Aristide, uomo politico di spicco, era proverbiale, eppure, a causa delle calunnie, fu ostracizzato e fu bandito dalla sua patria. Nonostante l’insulto, tornò a difendere Atene quando si presentò la minaccia persiana. Epaminonda infranse una legge ridicola che gli imponeva di dimettersi dalla carica di stratega il giorno prima di una grande battaglia con gli eserciti di Sparta. Per giusta causa, estese il suo status di comandante in capo per quel giorno e vinse la battaglia. I ritratti di questi due grandi greci, realizzate da Franciszek Smuglewicz intorno al 1790, probabilmente su ordine di Kołłątaj, si possono ammirare sulle pareti del Palazzo Presidenziale e del Castello Reale di Varsavia, cioè non lontano dai capolavori di Matejko – Rejtan e la Costituzione del 3 maggio. Il numero di versioni conservate dei ritratti di Aristide ed Epaminonda ci permette di ipotizzare che si tratti di un tentativo di far “ragionare”, attraverso le loro immagini, i deputati. Il primo mostra una scena di ostracismo, il secondo la morte di uno stratega coraggioso nel cui petto è conficcata una lancia. Fra un momento, quando saprà della vittoria, il ferro assassino verrà tolto e lui morirà. L’amore per la patria è il più grande diritto.

Franciszek Smuglewicz (1745-1807). Ostracismo su Aristide, c.1800.
Il Museo Nazionale di Cracovia; foto: Studio fotografico del Museo Nazionale di Cracovia.
Franciszek Smuglewicz (1745-1807). Morte di Epaminonda.
Museo Nazionale di Varsavia.

Il trionfo della Costituzione del 3 maggio

.Matejko si preparò con grande diligenza per l’esecuzione di quest’opera memorabile che doveva essere consegnata al Castello Reale. Dopo un lungo e scrupoloso studio, si mise a dipingere. Mostrò un affollato corteo trionfale raffigurato nello spazio tra il Castello Reale e la Chiesa di San Giovanni (l’attuale cattedrale). La figura centrale è il maresciallo Małachowski, portato sulle spalle da due deputati, che tiene nella mano destra la seconda – dopo quella americana – costituzione del mondo. Accanto a lui in alto c’è Kazimierz Sapieha, maresciallo della confederazione del Granducato di Lituania. Nello spazio affollato tra Małachowski e il re Stanislao Augusto, che sale i gradini della chiesa, si possono avvistare, tra gli altri, Ignacy Potocki, Adam Kazimierz Czartoryski e Hugon Kołłątaj. Sulle scale del tempio, sotto un baldacchino, Matejko raffigurò la duchessa Dorotea Biron di Curlandia con Elżbieta Grabowska, amica del re, subito dietro di lei. La composizione del quadro e il posizionamento di tutti i personaggi sono estremamente ben pensati. Il re è accolto dal famoso Jan Dekert, il presidente della Vecchia Varsavia e rappresentante della borghesia, che finalmente ottenne il suo giusto posto nella Legge Governativa. A sua volta, dietro il maresciallo Małachowski, vediamo Andrzej Zamoyski, benefattore dello stato contadino, che cerca di attirare i contadini come rappresentanti dello stato, che la nuova legge purtroppo non trattò molto bene. In basso all’estremità destra della tela vediamo anche degli ebrei – un vecchio e un giovane.

.Una scena estremamente interessante si svolge nella parte centrale e inferiore del quadro: qui, Jan Suchorzewski, un deputato della regione di Kalisz, contrario alla Costituzione e a qualsiasi riforma, cerca di uccidere suo figlio con un coltello. Minacciò che l’avrebbe fatto, se la costituzione fosse stata promulgata. Il ragazzo cerca di staccarsi dal suo crudele padre, la cui mano dotata di un coltello viene efficacemente afferrata da Stanisław Kublicki, un deputato di Livonia, uno dei più attivi attivisti del partito pro-riforma nel Sejm. Dalle tasche del mancato assassino e deputato corrotto cadono le carte; era un giocatore d’azzardo e quindi per gli agenti russi era facile corromperlo. Ma il nostro grande pittore non dimenticò nemmeno Kościuszko e il principe Józef. Così fu creato un racconto dipinto su uno degli eventi più gloriosi della storia della Polonia, che il genio dell’artista iscrisse nella formula del trionfo. Il vero trionfo però, lo dovemmo purtroppo aspettare fino al 1920.

Jerzy Miziołek

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 30/04/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam