Prof. Piotr GLIŃSKI: Polonia. Sempre dalla parte della libertà 

Polonia. Sempre dalla parte della libertà 

Photo of Prof. Piotr GLIŃSKI

Prof. Piotr GLIŃSKI

Ministro della cultura e del patrimonio nazionale.

Ryc.Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

.Quando, alla fine di febbraio dell’anno scorso, i media hanno diffuso le immagini dei confini polacchi, delle stazioni ferroviarie, delle città, dei paesi e delle strade, quando gli ucraini colpiti dalla guerra – donne, bambini, anziani – affluivano nel nostro Paese in un ampio fiume, quando i polacchi aprivano loro le proprie case, quando, giorno e notte, volontari, operatori comunitari, rappresentanti di organizzazioni non governative, autorità locali e centrali, servizi polacchi, uomini d’affari e semplici cittadini sostenevano i rifugiati, organizzavano aiuti per loro, alloggi, forniture di cibo, assistenza, lavoro – il mondo guardava con grande stupore. 

Dopo tutto, il mondo non conosceva la storia polacca, non sapeva che la libertà e l’esperienza della comunità erano i valori più importanti per i polacchi. Che di fronte a un’aggressione criminale senza precedenti contro un Paese con cui abbiamo una storia di torti, la cosa più importante è la solidarietà in difesa dei valori. Eppure, un simile atteggiamento ha caratterizzato i polacchi per generazioni. Il senso del destino comune e il senso della libertà si sono formati precocemente nella formazione dell’identità polacca. Sono nate istituzioni sociali basate su principi liberi, che proteggono i diritti civili e rispettano la dignità umana. 

A partire da Paweł Włodkowic e dal Concilio di Costanza nel XV secolo, i polacchi furono caratterizzati dalla consapevolezza dell’interdipendenza nel processo di realizzazione della libertà. Il determinismo e le limitazioni erano mal sopportati. La libertà di coscienza era sacra. Dal repubblicanesimo romano, la Repubblica prese il concetto di libertà dal dominio, l’accentuazione dei costumi, la libertà di scelta e di decisione, il senso del giusto e il dovere verso la comunità di un uomo libero come condizione della vita politica. Lo spirito repubblicano e libertario creò il genotipo della polonità. La Costituzione del 3 maggio 1791 passò alla storia come un grande atto di libertà. I suoi oppositori, invocando antiche libertà, si appellarono ai despoti, che abolirono lo spazio di libertà che era stato creato. 

Per 123 anni, tra la fine del XVIII secolo e il 1918, la Polonia fu privata della statualità e della sovranità, rimanendo soprattutto una comunità di idee – di tradizione, cultura e lingua. Le aspirazioni a ripristinare l’indipendenza si sono espresse nella tradizione positivista e insurrezionalista. La mentalità nazionale era costituita dalla tendenza a rispondere militarmente alla violenza. Nel XX secolo, ciò si manifestò nell’irredentismo della Prima guerra mondiale, nel ritorno alla Madrepatria (1918-21), nella soppressione dei bolscevichi (1920) e nella resistenza al Terzo Reich (1939). Nella coscienza dei polacchi persisteva il “sogno di libertà”. Il socialismo reale divenne la prova del fuoco, smantellando le strutture sociali basate sui valori nazionali e sulla priorità della famiglia, colpita da migrazioni di massa e dalla negazione della soggettività umana. Ma anch’esso alla fine cedette al movimento per la libertà (1980, 1989). In queste circostanze, la concezione polacca della difesa coerente della libertà, del diritto di decidere per sé stessi, appare ovvia. 

Anche l’antagonismo culturale-civile, che il mondo ha visto con tutta la sua chiarezza in relazione all’aggressione russa all’Ucraina, ha le sue radici nell’esperienza storica. Quando nel XVI secolo la Mosca periferica intendeva espandersi nell’ex Rus’, la disputa con la Repubblica sulle terre delle attuali Bielorussia e Ucraina si estendeva dall’appartenenza politica all’identità religiosa, civile ed etnica. L’esperimento polacco di unione politica con la Lituania mise in luce una cultura politica associata agli ideali di partecipazione e libertà civica. Mosca stava già praticando un modello sistemico radicalmente diverso, basato sull’espansione geografica e sull’imposizione del dominio politico, militare ed economico. Fin dall’inizio, questa supremazia fu identificata (giustamente!) come una minaccia per l’esistenza della Repubblica. In opposizione a queste aspirazioni imperiali, il pensiero politico polacco era intriso di echi dell’idea del diritto delle nazioni all’autodeterminazione, che divenne l’ordito della politica orientale polacca nella sua dimensione antimperiale. 

Dopo aver riconquistato l’indipendenza nel 1918, la Polonia attuò una dottrina di politica estera inter-mediterranea, che risale alla multiculturale Repubblica delle Due Nazioni, postulando un’alleanza di Stati dell’Europa centrale e orientale per evitare il dominio di Russia e Germania. Presupponeva una cooperazione tra i partecipanti basata sulla solidarietà, la difesa della sovranità e la costruzione della soggettività, nonché la realizzazione di interessi comuni ispirati dalla Polonia nei Paesi dell’Europa centrale e orientale. Dopo il 1945, l’Intermarium fu invocato in esilio (la Lega per l’indipendenza polacca) e nei circoli di opposizione della Repubblica Popolare di Polonia. 

Avendo riacquistato soggettività, lo Stato polacco sembrava troppo debole materialmente, mentalmente, economicamente e politicamente per plasmare il cambiamento regionale, ma un senso di esperienza e di obbligo, derivante dalla storia, dalla geopolitica del vicinato e dalla comprensione della raison d’état, era all’opera. Delusa dagli effetti del riavvicinamento all’Occidente, la Russia ricostruì un’identità separata, riprendendo la sua politica neoimperialista. Nella nuova realtà, la Polonia era persino obbligata ad essere attiva a Est. Un posto di rilievo nel pantheon della politica orientale polacca fu allora occupato da Lech Kaczyński, un praticante della dottrina antimperialista, costruita su una lunga tradizione di pensiero sul posto della Polonia nel mondo. Essa proclama che l’imperialismo minaccia la pace e che gli interessi strategici dello Stato polacco includono la libertà, la sovranità e l’indipendenza dei suoi vicini orientali.

Torniamo ancora alla storia e ai valori. Nel loro ruolo di baluardo della cristianità, i polacchi protessero ripetutamente la civiltà europea dal pericolo orientale nel corso della storia – nel XIII secolo (Legnica 1241), nel XVII secolo (Vienna 1683), nel XX (Varsavia 1920). Durante la Grande guerra con l’Ordine teutonico (1409-11), fu invocata la civiltà della solidarietà, della libertà e della dignità umana. A Grunwald, polacchi, lituani e ruteni difesero il loro diritto all’autodeterminazione. Alla fine dell’età moderna, si riteneva che “la Polonia è ovunque dove si difende la libertà”. Il 25 gennaio 1831, durante una manifestazione a Varsavia, apparve lo slogan “In nome di Dio per la nostra e vostra libertà”. Questo motto è diventato il motto nazionale dei polacchi che, come nessun altro, si identificano con coloro che sono pronti a pagare il prezzo più alto per la libertà. 

Durante la Seconda guerra mondiale, da Września fino a Berlino, nel movimento di resistenza, sui mari e sugli oceani, nell’aria, “dove c’era il nemico, i polacchi combattevano”. Poi sfidarono il sistema comunista imposto con la forza. Fu Solidarność – un fenomeno polacco, un movimento insurrezionale, civico-lavorativo, postmoderno, religioso-morale, repubblicano, rivoluzionario e di libertà sociale – ad avviare il processo vittorioso di smantellamento della dominazione sovietica nell’Europa centrale e orientale. 

.Per i polacchi, quindi, la solidarietà e l’amore per la libertà non sono uno slogan vuoto, ma un concetto geopolitico, uno dei pilastri fondamentali della politica estera. È un orgoglio, ma anche un dovere. Per evitare che gli ucraini vengano sconfitti sono necessari uno sforzo congiunto e la solidarietà. La Polonia non demorde in questo sforzo e sarà sempre solidale in difesa della libertà. 

Piotr Gliński

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 24/02/2023