Thomas Joseph WHITE OP, Jarosław KUPCZAK OP: Il tomismo e l'evangelizzazione della cultura

Il tomismo e l'evangelizzazione della cultura

Photo of Thomas Joseph WHITE OP

Thomas Joseph WHITE OP

Teologo domenicano americano. Dal 2008 al 2018 è stato direttore del Thomist Institute di Washington, DC, da lui fondato. Nel 2018 è stato nominato direttore dell'Istituto Tomistico di Roma presso la Pontificia Università San Tommaso d'Aquino - Angelicum. Rettore di questa università dal 2021. Membro della Pontificia Accademia di San Tommaso d'Aquino.

vedere i testi di altri autori

Photo of Jarosław KUPCZAK OP

Jarosław KUPCZAK OP

Sacerdote domenicano, teologo, professore di scienze teologiche, docente accademico presso la Pontificia Università Giovanni Paolo II di Cracovia.

vedere i testi di altri autori

Dobbiamo tornare alla tradizione filosofica e teologica della Chiesa

.Padre Jarosław KUPCZAK OP: Rettore, ci parli del suo percorso verso la vita religiosa e il sacerdozio.

Padre Thomas Joseph WHITE OP: Vengo dallo Stato della Georgia, nel sud-est degli Stati Uniti. La mia famiglia non era religiosa: mio padre è un ebreo non praticante e mia madre proviene da una famiglia presbiteriana. Ho studiato alla Brown University nel New England e lì, in un ambiente accademico molto secolarizzato, ho iniziato a pormi domande di natura filosofica e religiosa. Poi è iniziato il mio viaggio alla ricerca di risposte a queste domande, ho letto vari libri, compresi i mistici cristiani, e questo mi ha portato alla Chiesa cattolica.

Ho scoperto che la Chiesa cattolica ha una profonda comprensione dell’esistenza umana e della vita spirituale, oltre a una seria tradizione di riflessione filosofica. Avevo 21 anni e frequentavo l’ultimo anno di università quando decisi di fare un ritiro in un monastero benedettino. Lì ho scoperto la presenza di Cristo nell’Eucaristia e ho preso la decisione di diventare cattolico. Poco dopo sono andato a Oxford per studiare i Padri della Chiesa. È stato all’Università di Oxford che ho incontrato i domenicani e ho pensato per la prima volta che avrei potuto essere chiamato alla vita religiosa.

Come ha accolto la sua famiglia la decisione di intraprendere la vita religiosa?

I miei genitori sono stati molto generosi riguardo alla mia decisione di studiare teologia cattolica. Credo che fossero incuriositi dal fatto che potessi intraprendere questi studi ad alto livello accademico; di certo volevano che trovassi la mia strada nella vita e che fossi felice. La mia decisione di entrare nella vita religiosa e la mia preparazione all’ordinazione sono state una prova importante per loro; a livello emotivo sono stati inizialmente delusi dalla mia scelta. Col tempo, hanno cominciato ad apprezzare che l’Ordine domenicano rispetta una vita intellettuale seria che si occupa di altre persone; hanno cominciato ad apprezzare la mia vocazione e sono diventati compagni del mio cammino vocazionale. Ora non solo hanno accettato la mia scelta, ma credono che in essa si stia realizzando un piano provvidenziale. 

Appartenete alla Provincia americana di San Giuseppe, la più antica degli Stati Uniti, che copre la costa orientale del Paese con le sue grandi metropoli, tra cui New York. Per molti osservatori, il grande mistero è la crescita estremamente dinamica di questa provincia domenicana, che si manifesta, ad esempio, nell’elevato numero di vocazioni.

È vero che negli ultimi 20 anni siamo stati benedetti da molte vocazioni; molti giovani di grande talento si uniscono a noi. È difficile individuare le ragioni precise di questa crescita dinamica nella mia Provincia; non voglio certo pretendere di dare una spiegazione esaustiva. Tuttavia, la mia Provincia sembra aver fatto correttamente due cose. In primo luogo, ha mantenuto la preoccupazione per una seria vita intellettuale e i suoi due obiettivi: il livello accademico della pratica teologica e l’evangelizzazione. È importante sottolineare che siamo uniti nella convinzione che la competenza nel fare teologia vada sempre di pari passo con la fedeltà al Magistero della Chiesa. In secondo luogo, la mia Provincia ha rinnovato la sua decisione di essere fedele alle osservanze religiose tradizionali, come indossare l’abito, curare la liturgia e la vita comunitaria, che è particolarmente importante oggi in una cultura secolarizzata. Questi segni esteriori sono molto importanti perché aiutano i giovani a trovare il loro orientamento spirituale. La fedeltà alla tradizione della Chiesa non significa un atteggiamento difensivo, ma un’apertura e un invito agli altri a scoprire la ricchezza della tradizione cattolica.

Lei è molto conosciuto nell’Ordine domenicano per i suoi studi sul pensiero di San Tommaso d’Aquino. Come è nato questo fascino per Tommaso e l’eredità del tomismo?

Vedo due importanti ispirazioni nel mio incontro con Tommaso d’Aquino. Per quanto riguarda la teologia di San Tommaso, sono sempre stato colpito dai due centri tomistici francesi associati a Tolosa e a Friburgo in Svizzera e dai loro importanti rappresentanti: Charles Journet, Servais Pinkaers OP, Jean-Pierre Torrell OP, Gilles Emery OP. Ciò che accomuna questi grandi tomisti è il tentativo di mostrare come l’Aquinate – in accordo con la natura della ragione umana, ma tenendo conto del carattere soprannaturale della sua riflessione – spieghi i misteri della fede cristiana. Una seconda fonte di ispirazione è stata la tradizione filosofica analitica di lingua inglese. Sono particolarmente debitore nei confronti di Alasdair MacIntyre, che ha mostrato come il pensiero aristotelico e la tradizione scolastica siano urgentemente necessari nella cultura odierna di fronte alla crisi epistemologica postmoderna. Un ritorno alla filosofia tomistica della natura, alla metafisica e all’etica 

Un ritorno alla filosofia tomistica della natura, alla metafisica e all’etica può fornire un punto di orientamento quando gli studi universitari sono caratterizzati da incoerenza. È stato MacIntyre a darmi il coraggio di pensare che le forme classiche di educazione scolastica possano essere di grande aiuto nell’era moderna.

Dopo il Concilio Vaticano II abbiamo assistito a una certa crisi di interesse per San Tommaso d’Aquino, anche nell’Ordine domenicano. Nel 2008, il Padre ha fondato l’Istituto Tomista a Washington, DC, presso la Pontificia Facoltà Teologica Domenicana, e ne è stato il primo direttore per i successivi 10 anni. Questi anni sono stati un periodo di notevole crescita per l’Istituto tomista e di aumento della sua influenza in molti centri accademici degli Stati Uniti.

Certamente i padri conciliari non intendevano allontanarsi dal pensiero di San Tommaso; lo vediamo, ad esempio, nel decreto conciliare sulla formazione sacerdotale, che raccomanda una cura particolare per lo studio dell’eredità dell’Aquinate. Tuttavia, l’atmosfera culturale del dopo-Concilio ha di fatto incoraggiato l’abbandono delle forme difensive di apologetica basata sulla ragione, caratteristiche dell’epoca preconciliare, e le ha sostituite con forme più contemporanee di riflessione filosofica, come la fenomenologia e l’esistenzialismo.

Da una prospettiva odierna, queste scelte dell’epoca appaiono ingenue, in quanto la filosofia continentale si stava sempre più orientando verso il postmodernismo da un lato e la riscoperta della metafisica scolastica da parte della tradizione analitica dall’altro. A causa della crisi epistemologica e della mancanza di unità delle discipline del sapere accademico nel mondo anglosassone, si assiste a un rinnovato interesse per Aristotele e l’Aquinate negli ambienti universitari. In assenza dell’unità del sapere umano, sono l’aristotelismo e il tomismo a presentare un’interessante proposta di coerenza delle varie discipline del sapere nel quadro più ampio della riflessione metafisica. Nel mondo universitario sta emergendo la convinzione che anche le scienze naturali abbiano bisogno di una qualche giustificazione metafisica del realismo cognitivo per non diventare solo una forma di tassonomia della realtà. Una tendenza simile si osserva, ad esempio, nella riflessione sui diritti umani. Per non diventare solo una certa convenzione culturale, richiedono una riflessione filosofica e metafisica sulla natura umana. La mancanza di una metafisica e di una teoria della persona coerenti nel mondo universitario di oggi apre una nuova opportunità per dimostrare l’attrattiva del pensiero tomistico e, più in generale, di quello associato alla tradizione intellettuale cattolica.

Purtroppo, oggi la Chiesa cattolica spesso perde queste nuove opportunità. Da un lato, è ingenua la convinzione che la cultura secolare fornirà convinzioni epistemologiche fondamentali su cui tutti saranno d’accordo. D’altra parte, la Chiesa sottovaluta l’importanza della propria tradizione intellettuale. Abbiamo un problema di amnesia intellettuale e culturale nella Chiesa. Di fronte a una strana mancanza di fiducia nel nostro patrimonio, è ingenuo credere che l’ispirazione arrivi dall’esterno. Non ci aiuterà leggere Nietzsche se abbandoniamo l’Aquinate. Dobbiamo tornare alla tradizione filosofica e teologica della Chiesa. 

Una novità dell’Istituto tomista di Washington è stata l’organizzazione di filiali dell’Istituto nelle università laiche degli Stati Uniti.

L’Istituto tomistico di Washington ha iniziato la sua attività nel 2008. La sua attività principale consiste nell’avviare le sue filiali in varie università laiche degli Stati Uniti. Il loro obiettivo è promuovere nella cultura secolare la tradizione intellettuale cattolica, con particolare attenzione al pensiero di Tommaso d’Aquino. L’Istituto crea una filiale di questo tipo quando si riunisce un numero sufficientemente elevato di studenti disposti a organizzare un lavoro intellettuale sistematico: discussioni e seminari comuni, lezioni e conferenze. 

L’Istituto Tomista facilita i contatti tra questi gruppi di studenti e 200 docenti degli Stati Uniti, dell’Inghilterra e dell’Irlanda, che possono essere invitati nei campus di queste università per presentare singole lezioni, partecipare a seminari e discussioni. Attualmente esistono sedi del Washington Thomist Institute in 83 università degli Stati Uniti. Ogni anno, circa 30.000 studenti e accademici di queste università partecipano agli eventi e, poiché cerchiamo di farli registrare e presentare anche online, il numero di persone che li ascoltano raggiunge i 5 milioni all’anno.

Nel 2018, il Padre si è trasferito a Roma per diventare direttore dell’Istituto Tomistico presso l’Università San Tommaso d’Aquino – Angelicum. Roma offre opportunità di impatto ancora maggiori rispetto a Washington.

A Roma, l’Istituto Tomistico sostiene lo scopo principale dell’Università di San Tommaso, che è quello di formare sacerdoti, religiosi e laici per prepararli a lavorare nelle università cattoliche, nei collegi, nei seminari e in altre istituzioni della Chiesa in tutto il mondo. 

Perché questo sia possibile, dobbiamo ovviamente pensare anche alla prospettiva di una ricerca seria, senza la quale non c’è lavoro di insegnamento ad alto livello universitario. Il loro scopo è quello di affrontare i problemi e le questioni più gravi che ogni epoca pone alla Chiesa. Per questo motivo l’Istituto Tomico Romano, il cui direttore è attualmente Simon Gaine OP, membro della Commissione Teologica Internazionale, si occupa attualmente dei problemi del rapporto tra scienza e religione, nonché della filosofia contemporanea della persona umana. Stiamo anche cercando di spostare il nostro modo di lavorare da Washington a Roma. Siamo stati rallentati dal COVID, ma ora abbiamo diverse sedi dell’Istituto romano in università laiche in varie città d’Europa: Lisbona, Parigi, Cracovia, Barcellona, Zagabria.

Nel 2021, il Padre è diventato Rettore dell’Università di San Tommaso a Roma, una delle università cattoliche più conosciute al mondo.

L’Angelicum conta oggi più o meno un migliaio di studenti provenienti da 100 diversi Paesi del mondo. Saranno tutti missionari ed evangelizzatori della prossima generazione. Nonostante le differenze che li dividono, sono uniti dalla comune motivazione di contribuire alla missione intellettuale della Chiesa e all’evangelizzazione della cultura contemporanea. È qualcosa di estremamente bello e sublime che un’università domenicana possa aiutarli in questa missione di portare la verità di Cristo a tutte le culture e i Paesi da cui provengono.

Al centro del nostro curriculum accademico c’è il pensiero di San Tommaso d’Aquino, attraverso il quale raggiungiamo l’unità filosofica e teologica nel lavoro dei nostri docenti. A questo aggiungiamo un serio studio storico della Scrittura, della tradizione patristica e il confronto con le sfide filosofiche e teologiche di oggi. In quest’ultimo compito, l’Istituto di Cultura Giovanni Paolo II e la Facoltà di Scienze Sociali svolgono un ruolo importante, affrontando tutta una serie di questioni legate ai temi dei diritti umani, della dignità umana e dei problemi legati a soluzioni più specifiche nel campo dell’economia e della politica. Proprio l’influenza della Facoltà di Scienze Sociali si è rivelata molto significativa soprattutto nell’Europa centrale e orientale; molti dei suoi laureati svolgono oggi un ruolo importante in vari tipi di istituzioni che hanno una grande influenza nel plasmare questa parte dell’Europa.

Uno degli obiettivi importanti dell’Angelicum oggi è riflettere sulle relazioni interreligiose. In questo modo, vogliamo aiutare i nostri studenti provenienti da Paesi di cultura induista o buddista non solo a riflettere sulla coesistenza pacifica di religioni diverse, ma anche a creare un orizzonte intellettuale per la missione evangelizzatrice della Chiesa.

Il più noto laureato dell’Angelicum è Karol Wojtyla – Giovanni Paolo II, che qui conseguì il dottorato in teologia nel 1946-48 sotto la guida di uno dei più eminenti teologi romani dell’epoca, Reginald Garrigou-Lagrange OP. Per molti anni, l’Angelicum non sembra aver dato molta importanza a questo fatto. La situazione è cambiata di recente grazie alla fondazione dell’Istituto di Cultura Giovanni Paolo II in collaborazione con il Centro di Teologia Politica di Varsavia, guidato dal suo direttore Dariusz Karłowicz.

Non c’è dubbio che San Giovanni Paolo II sia il nostro più grande ex alunno. Siamo molto grati a Dio che sia stato nostro studente e che attraverso questo ambiente abbia conosciuto la tradizione tomistica, che del resto è stata molto presente nelle realizzazioni intellettuali di tutto il suo pontificato. Oggi, sia i docenti che gli studenti dell’Angelicum sono molto legati all’eredità e ai risultati di Giovanni Paolo II. Per quanto mi riguarda, Giovanni Paolo II ha avuto un’influenza molto forte su di me.

Il compito dell’Istituto di Cultura Giovanni Paolo II dell’Università di San Tommaso non è quello di lavorare storicamente sull’eredità di Karol Wojtyla/Giovanni Paolo II, ma piuttosto di guardare al futuro. Utilizzando le grandi intuizioni del Papa polacco, vogliamo pensare con coraggio all’evangelizzazione della cultura contemporanea, soprattutto in Europa.

L’interlocutore polacco è molto contento quando è un domenicano americano e noto teologo a dire cose così positive su San Giovanni Paolo II. Vorrei concludere questa conversazione proprio con le domande relative alle identità nazionali. Da una decina d’anni visito regolarmente l’Angelicum e ho notato un aumento molto marcato del numero di professori e studenti americani. Come docente dell’Angelicum, sono impressionato da loro, sia per il livello intellettuale che per una certa integrità di vita, una serietà di approccio alla fede e alla propria identità cristiana. In Europa, spesso pensiamo agli Stati Uniti come a un esportatore di cultura pop superficiale; all’Angelicum, la rinascita del cattolicesimo americano è anche chiaramente visibile.

In termini di statistiche, la Chiesa cattolica negli Stati Uniti si sta riducendo. Il numero di cattolici praticanti continua a diminuire nonostante il notevole afflusso di immigrati dal Sud. Allo stesso tempo, possiamo vedere chiaramente l’emergere negli ultimi decenni di un gran numero di giovani laici e sacerdoti profondamente credenti nella Chiesa, che sono ben attrezzati per parlare con coraggio della fede nella sfera pubblica. Di conseguenza, oggi nella Chiesa americana esiste una sana dinamica controculturale. Non si tratta di un atteggiamento reazionario e difensivo, ma di una certezza, che scaturisce da una fede vissuta seriamente, per andare incontro alle persone che vivono in un mondo secolarizzato e aiutarle a trovare un senso alla vita, dei punti di riferimento esistenziali. Grazie a questo atteggiamento coraggioso dei credenti, ogni anno negli Stati Uniti si registrano centinaia di migliaia di conversioni. Molte di queste persone oggi ricoprono ruoli importanti nella vita accademica, nella cultura, nella politica, nell’economia.

Ho lavorato come sacerdote a Washington DC per dieci anni. Sono stato testimone di molte conversioni di giovani; il livello della loro vita intellettuale e morale mi ha spesso impressionato. Tra queste persone ci sono anche molte vocazioni sacerdotali e religiose.

Quando pensiamo all’Europa, abbiamo a che fare con culture che sono state cattoliche per centinaia di anni e che ora stanno radicalmente minando le loro radici, cercando di decostruirle. Pertanto, è necessario un rinnovamento della vita missionaria della Chiesa in Europa. Questo non può essere il compito dei soli vescovi e sacerdoti, che spesso pensano alla vita della Chiesa – e questo è perfettamente comprensibile – solo attraverso il prisma della partecipazione alla vita sacramentale. È compito di laici coraggiosi e intellettualmente preparati vedere la missione evangelizzatrice della Chiesa in senso più ampio come una trasformazione di tutta la cultura, sia quella alta che quella quotidiana che plasma le nostre scelte quotidiane e ne è anche il primo effetto.

Negli ultimi decenni abbiamo notato anche l’importante contributo dei domenicani polacchi al rinnovamento dell’Angelicum.

Negli ultimi decenni, il contributo dei domenicani polacchi alla creazione dell’Angelicum è stato molto significativo e vario. Due rettori dell’università appartenevano alla provincia domenicana polacca: durante il pontificato di Giovanni Paolo II, il recentemente scomparso padre Edward Władysław Kaczyński OP, e il mio immediato predecessore, padre Michal Paluch OP. Entrambi erano leader molto creativi ed energici della nostra università. Oggi, i domenicani polacchi che insegnano all’Angelicum costituiscono il gruppo nazionale più numeroso tra i nostri docenti. Di questo siamo grati.

.Grazie mille per l’intervista. 

Padre Thomas Joseph White OP intervistato da Padre Jarosław Kupczak OP

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 06/12/2022