Prof. Aleksander SURDEJ: L'economia polacca - dalla crescita della produttività alla prosperità sostenibile

Prof. Aleksander SURDEJ: L'economia polacca - dalla crescita della produttività alla prosperità sostenibile

Photo of Prof. Aleksander SURDEJ

Prof. Aleksander SURDEJ

Ambasciatore polacco presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Professore all’Università di Economia di Cracovia.

Ryc.Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

Negli ultimi 30 anni, l’economia polacca è cresciuta a un ritmo elevato, con una media del 4-5% all’anno. Nonostante il COVID-19 abbia interrotto questa crescita, ma solo durante il 2020, la Polonia, in seguito, è tornata sulla via del rapido sviluppo. 

.I risultati di tale sviluppo sono visibili nell’aspetto delle città e dei villaggi polacchi, nelle condizioni delle famiglie, nelle competenze dei lavoratori, nella qualità dei posti di lavoro e nel reddito da lavoro, il quale ha superato l’80% del livello dell’UE. 

Per oltre due decenni, la crescita dei salari reali è stata inferiore alla crescita della produttività del lavoro. Così, i governi polacchi hanno avuto la possibilità di perseguire politiche sociali più generose e di aumentare la ridistribuzione, in modo che le disuguaglianze economiche naturalmente presenti in un’economia di mercato non sfociassero in scioperi e proteste di piazza. Dal 2016, lo sviluppo economico è diventato più solidale, senza compromettere il dinamismo di mercato. 

L’invasione militare dell’Ucraina da parte della Russia è avvenuta in un momento in cui il governo polacco stava iniziando ad agire e a introdurre incentivi che avrebbero dovuto portare a una crescita della produttività ancora maggiore, con la creazione di prodotti e servizi più avanzati nelle aziende che operano in Polonia. Questo è l’unico modo per garantire una prosperità sostenibile. 

Sappiamo già che l’economia polacca si modernizzerà tecnologicamente indipendentemente dall’aumento dei prezzi dell’energia. Fortunatamente, tale aumento sarà rallentato dall’accelerazione degli investimenti nelle fonti di energia rinnovabili: nel Mar Baltico, si stanno costruendo grandi impianti eolici e le celle fotovoltaiche stanno comparendo in massa sui tetti delle case polacche.  

Per ragioni naturali, in Polonia non è possibile fornire energia pulita, stabile e sufficientemente abbondante senza il nucleare. Si tratterà di un investimento pubblico; le agenzie del governo polacco stanno ultimando la preparazione di un contratto per la costruzione di una centrale nucleare che sarà concluso nei prossimi mesi. La realizzazione di questo investimento creerà incentivi per lo sviluppo di molte aziende polacche, che diventeranno subfornitori e appaltatori di molti beni e servizi necessari per un processo di investimento così complesso. 

L’impennata dei prezzi dell’energia si sta traducendo in un aumento percepibile dei prezzi di quasi tutti i beni. Il governo polacco sta mitigando questo colpo al potere d’acquisto della popolazione con misure varate nell’ambito dello scudo antinflazionistico, tra cui la riduzione a zero dell’aliquota IVA sui prodotti alimentari. In situazioni di emergenza, il governo polacco è disposto a, ed è in grado di, intervenire in modo adeguato! 

Parallelamente agli investimenti governativi, sono in corso investimenti privati per preparare la Polonia alla transizione dall’industria delle auto a combustione interna all’era delle auto elettriche. Nel sud della Polonia, è stata costruita la più grande fabbrica europea di separatori per batterie agli ioni di litio per auto elettriche. Anche nel distretto industriale dell’Alta Slesia, verranno prodotte auto elettriche. Questo creerà posti di lavoro remunerativi per gli studenti delle università tecniche polacche, reclutati tra gli studenti polacchi delle scuole secondarie che eccellono nelle indagini OCSE PISA e nelle materie STEM. 

La guerra della Russia contro l’Ucraina sta costringendo la Polonia ad aumentare significativamente il livello di spesa militare – fino al 4% del PIL nel prossimo futuro. Secondo i piani del governo, questa spesa sarà indirizzata in modo tale da innalzare il livello tecnico delle aziende polacche, che diventeranno partner offset e fornitori cooperanti di attrezzature militari. Anche se, inizialmente, i droni polacchi avranno uno scopo diverso, un giorno saranno di certo utilizzati esclusivamente per scopi pacifici. 

In un’economia di mercato, i governi sono i principali responsabili della qualità delle infrastrutture, tra cui soprattutto lo stato delle infrastrutture di trasporto. Dopo aver attraversato il Paese con autostrade dal confine occidentale a quello orientale, la Polonia sta completando la sua rete stradale con un’autostrada chiamata Via Baltica, che accorcerà e faciliterà i viaggi e i trasporti dall’Estonia alla Slovenia. 

La crescente ricchezza dei polacchi è confermata da un aumento di oltre cinque volte del numero di passeggeri optanti per l’aereo. Nel 2018, le compagnie aeree hanno trasportato più di 45 milioni di passeggeri da e per la Polonia e si prevede che questo numero salga a 80 milioni entro il 2030. Gli aeroporti polacchi esistenti non saranno in grado di gestire questo numero di viaggiatori. Di conseguenza, il governo polacco ha deciso di costruire un nuovo grande aeroporto centrale in grado di gestire fino a 30 milioni di passeggeri, che diventerà la componente principale del Porto Centrale di Comunicazione (CPK), nelle cui vicinanze si intersecheranno i più importanti collegamenti stradali e ferroviari della Polonia. La costruzione del CPK è anche un forte incentivo per le aziende polacche e gli investitori stranieri, poiché la sua realizzazione prevede l’acquisto di beni, prodotti e servizi per un valore totale di 19,5 miliardi di euro, in vista del suo completo completamento entro il 2034. 

.Il programma di investimenti pubblici necessari e ben selezionati crea un quadro per lo sviluppo delle imprese polacche e un’occupazione stabile, con salari in crescita, dei lavoratori. Gli imprenditori polacchi comprendono le intenzioni del governo e integrano le sue azioni con la loro creatività, la loro ambizione e la loro diligenza. Questa complementarità è di buon auspicio per lo sviluppo dell’economia polacca. 

Aleksander Surdej 

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 10/11/2022