Mateusz MORAWIECKI: Un’economia forte è importante per la sicurezza Mateusz MORAWIECKI: Un’economia forte è importante per la sicurezza

Un’economia forte è importante per la sicurezza

Il mondo si sta lentamente riprendendo dalla pandemia del coronavirus, ma allo stesso tempo sta entrando in una nuova era di incertezza. Di fronte alle nuove minacce e sfide, è necessaria una nuova visione delle realtà geopolitiche. È la forza delle economie nazionali che sarà la chiave per fornire sicurezza ai cittadini.

.La Polonia è stata uno dei primi Paesi in Europa a ritornare sulla strada di una rapida crescita economica. Già nel secondo trimestre del 2021, i livelli del PIL hanno superato quelli di prima della pandemia. Il rimbalzo è arrivato anche più velocemente di quanto avevamo previsto, ma questo conferma solo quanto siano stati efficaci gli strumenti anticrisi implementati. La situazione stabile delle finanze pubbliche ha permesso di generare un cuscino finanziario che ha assicurato gli interessi di migliaia di imprese polacche e di milioni di lavoratori. Non solo sono stati mantenuti i posti di lavoro, ma sono stati mantenuti gli aumenti salariali. E senza salari reali più alti, la crescita del PIL sarebbe un indicatore vuoto, una trappola che genera rischi sia nella politica sociale che nell’economia.

In Polonia, dopo il rovesciamento del comunismo, la crescita economica per molti anni si è tradotta solo marginalmente in aumenti salariali. Invece di un’economia solidale, avevamo un’economia orientata al dominio dei guadagni di capitale e quindi destinata a generare disuguaglianza. Il programma del “Polish Deal” preparato dal governo è una proposta per rimediare a questa situazione. Vogliamo che i frutti della crescita siano condivisi equamente e che i lavoratori polacchi guadagnino finalmente salari di livello europeo. La Polonia è desiderosa di unirsi alla schiera dei leader europei dello sviluppo. Pertanto, un modello di sviluppo basato sull’abbassamento del costo del lavoro e sulla costruzione della competitività della nostra economia sulla manodopera a basso costo deve essere un ricordo del passato.

Una gran parte questo lavoro è già stata fatta negli ultimi anni. La Polonia è all’avanguardia tra i Paesi dell’OCSE in termini di crescita dei salari. Il salario medio è aumentato del 25% in Polonia rispetto al 2015, mentre nei Paesi OCSE era solo del 5%. Rimaniamo anche un Paese con uno dei più bassi livelli di disoccupazione nell’UE. Allo stesso tempo, sta aumentando la produttività del lavoro – è cresciuta di circa il 5 per cento all’anno tra il 2015 e il 2019 – la più alta di tutti i Paesi dell’OCSE.

La velocità del rimbalzo dopo la recessione pandemica è un segno che l’economia polacca si è evoluta nella giusta direzione di fronte alle sfide poste dal mondo moderno. L’avvio di processi di reindustrializzazione nell’ambito della Strategia per lo Sviluppo Responsabile si è rivelato salutare nel contesto dell’epidemia che ha colpito più duramente il settore dei servizi.  Tuttavia, dobbiamo essere consapevoli che si profilano ulteriori sviluppi globali negativi, che potrebbero effettivamente rallentare il rimbalzo post-Covid. La destabilizzazione della situazione in Medio Oriente, in particolare, comporta grandi rischi e potrebbe innescare una cascata di cambiamenti in tutta la regione e influenzare il mondo intero. Si deve supporre che il periodo dell’egemonia statunitense stia per finire, e la geopolitica non conosce il concetto di vuoto. Il posto occupato dagli americani sarà certamente preso da qualcun altro, e questo significa un cambiamento nella costellazione degli interessi globali.

Non sorprende che oggi ci sia una restaurazione del pensiero dell’economia come una delle basi della sicurezza dei sistemi politici e degli Stati moderni. Proprio come nella prima metà del XX secolo la forza di uno Stato era determinata dal suo potenziale militare, così nel XXI secolo questa forza sarà definita dal livello di avanzamento tecnologico.

Tuttavia, sarebbe un errore credere che lo sviluppo delle capacità economiche possa avvenire nuovamente in termini neoliberali. Mettere l’economia al centro del pensiero della sicurezza deve basarsi sulla sinergia del mercato e dello Stato. A cosa può portare la diserzione dello Stato dall’economia mentre molte istituzioni sono deboli? La risposta si trova nell’esempio della Polonia, che è stata sottoposta per anni al rigore neoliberale. La passività dello Stato non solo non ha incoraggiato lo sviluppo di un libero mercato, ma ha generato distorsioni nella concorrenza e una libera fioritura della criminalità fiscale. Questo è stato il caso, per esempio, delle attività delle cosiddette “mafie dell’IVA”. 

Il tallone d’Achille della Polonia è stato praticamente sempre costituito dalla debolezza del suo sistema tributario e una serie di buchi nel suo sistema fiscale. Siamo usciti dal nostro torpore in questo settore solo pochi anni fa, dimostrando che è lo Stato la chiave per ripristinare l’efficienza economica. La portata della negligenza è testimoniata dal fatto che alcuni erano pronti a considerare il semplice pagamento onesto delle tasse in Polonia un’aberrazione. Ma per riparare le finanze pubbliche, non basta cambiare l’atteggiamento. Abbiamo semplicemente bisogno di attuare soluzioni concrete per rendere più severo il sistema tributario. A tal fine, abbiamo creato la “Krajowa Administracja Skarbowa” (ovvero “Amministrazione Nazionale Fiscale”, N.d.T.), ponendo allo stesso tempo l’accento sulla digitalizzazione del processo di controllo del pagamento delle imposte. Effetti? Il gap dell’IVA si è dimezzato dal 24% al 12%. Un’amministrazione efficiente delle entrate ha a sua volta aumentato la capacità operativa dello Stato a livello di politica sociale. La Polonia è stata in grado di raggiungere tre obiettivi apparentemente contraddittori allo stesso tempo: perseguire una politica sociale e d’investimento ambiziosa nonché tagliare le tasse e ridurre il deficit di bilancio.

.La riduzione dei livelli di debito e un sistema funzionante di finanze pubbliche hanno anche permesso allo Stato di rispondere adeguatamente alla crisi economica e gli hanno permesso di costruire strumenti di sostegno ai lavoratori e alle imprese, i cosiddetti Scudo anticrisi e Scudo finanziario. È così che sono stati salvati milioni di posti di lavoro, mantenendo i programmi sociali fondamentali e gli investimenti nelle infrastrutture. È pressoché una prova di laboratorio che sistemare il sistema tributario si traduce automaticamente nel rendere il Paese più sicuro.

Mateusz Morawiecki

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 08/10/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam