Jan ROKITA: Assassinati per bontà umana

Assassinati per bontà umana

Photo of Jan ROKITA

Jan ROKITA

Filosofo in politica. Attivista dell'opposizione in epoca comunista, in seguito deputato del Sejm.

Ryc.: Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

La legge nella Polonia occupata dai tedeschi imponeva che ogni ebreo fosse consegnato alle autorità tedesche. Infrangere questa legge significava condannare a morte l’intera famiglia.

.Il 10 settembre 2023, una famiglia polacca composta da un marito, una moglie e i loro sette figli piccoli viene dichiarata beata. Si tratta di Józef e Wiktoria Ulma che, insieme a tutti i loro figli, furono giustiziati nel marzo 1944 nel cortile della loro casa nel villaggio polacco di Markowa, oggi al confine tra Polonia e Ucraina. La loro unica colpa era quella di aver nascosto e sfamato due famiglie di ebrei nella loro casa per un anno e mezzo, infrangendo così la legge tedesca, che nella Polonia occupata dai tedeschi ordinava di consegnare ogni ebreo alle autorità perché lo privassero immediatamente della vita.

Non è mai stato stabilito chi abbia riferito alle autorità tedesche che la famiglia Ulma non rispettava questa legge. In ogni caso, i gendarmi arrivati a Markowa accertarono la presenza di otto ebrei in una casa polacca e uccisero sul posto entrambe le famiglie ebree come fuorilegge. Spararono poi a Józef e Wiktoria Ulma, dopo di che (come ha raccontato un testimone) pensarono per un po’ a cosa fare con i loro numerosi figli. A quanto pare, però, giunsero alla conclusione che “affinché il villaggio non avesse problemi con loro”, era meglio uccidere anche tutti loro. Il principale carnefice – il tenente tedesco Eilert Dieken, incaricato dell’esecuzione – non era nemmeno un membro del partito nazista NSDAP, quindi dopo la Seconda guerra mondiale, da “tedesco comune”, prestò servizio nella polizia della Germania occidentale democratica e morì molti anni dopo, circondato dalla sua famiglia e dal rispetto dei suoi vicini tedeschi.

Le circostanze storiche di quell’evento sono spesso dimenticate o travisate. Nell’estate del 1941, dopo l’invasione dei sovietici da parte di Hitler, i tedeschi decisero di sterminare per primi gli ebrei che vivevano da secoli nei vasti territori dello Stato polacco occupato. Le esecuzioni di massa di intere città e villaggi ebraici iniziarono dai confini orientali dello Stato e presto furono istituiti i primi campi di sterminio a Bełżec, Sobibór e Treblinka, situati nell’allora centro del territorio polacco occupato. Ben presto, però, gli occupanti si accorsero che i popoli conquistati cominciavano a comprendere tutto l’orrore della nuova politica tedesca e grazie all’aiuto di polacchi, bielorussi e ucraini – cittadini dello Stato polacco occupato – sempre più ebrei riuscivano a salvarsi.

Le autorità tedesche riconobbero allora che lo sterminio di tutti gli ebrei europei in territorio polacco, pianificato nel gennaio 1942 (nella famigerata Conferenza di Wannsee del governo tedesco), non sarebbe riuscito senza aver terrorizzato allo stesso tempo anche i cittadini non ebrei del Paese occupato. Pertanto, il governatore tedesco Hans Frank istituì una legge eccezionale nell’ottobre del 1941, ordinando la pena di morte per chiunque avesse offerto aiuto agli ebrei banditi. Ma anche questo livello di terrore non si rivelò sufficientemente efficace, perché l’anno successivo, nel 1942, la pena fu estesa a chiunque non avesse segnalato alle autorità nemmeno un caso noto di aiuto a un ebreo.

Probabilmente nessuno aveva mai introdotto leggi simili che punissero con la morte casi di elementare bontà umana: dare pane o riparo. Nemmeno i tedeschi avevano imposto leggi del genere al di fuori della Polonia. Ma la Polonia occupata aveva ancora il suo esercito interno che combatteva contro i tedeschi e le sue autorità clandestine che si nascondevano. Queste ultime, a loro volta, si appellavano alla popolazione affinché non cedesse agli ordini tedeschi, nonostante il terrore estremo, volto a imprigionare gli ebrei e a costringere tutti i cittadini a partecipare a qualche forma di genocidio. Le autorità polacche clandestine crearono persino un’istituzione speciale, chiamata Consiglio per l’aiuto agli ebrei, che permise a migliaia di ebrei di ottenere alloggi, documenti falsi e il denaro necessario per sopravvivere.

Un ricercatore rigoroso di quella storia, il professor Grzegorz Berendt di Danzica, nota purtroppo che di fronte a tali leggi stabilite dai tedeschi, furono solo “relativamente poche” le persone che decisero di aiutare gli ebrei. Berendt stima questo numero (in un Paese di oltre trenta milioni di abitanti) in alcune decine di migliaia, soprattutto polacchi, ma anche ucraini e bielorussi che erano cittadini polacchi. Diecimila di loro sono oggi conosciuti per nome, soprattutto grazie alle testimonianze degli ebrei salvati con l’aiuto di queste persone straordinarie. Settemila di loro hanno il loro albero d’onore nel museo Yad Vashem di Gerusalemme. E tra i sopravvissuti ebrei ci sono personaggi come la signora Stella Zylbersztajn, che riuscì a sopravvivere grazie all’aiuto di quasi sessanta polacchi dell’epoca.

In termini cristiani, dichiarare qualcuno “benedetto” significa riconoscerne la santità. Così un cristiano può ora pregare Józef, Wiktoria e ciascuno dei loro sette figli, o rivolgersi a Dio attraverso la loro mediazione spirituale. Le loro immagini e le loro statue saranno presto sugli altari di molti santuari, e probabilmente non solo in Polonia. Va ricordato che i martiri sono santi di tipo speciale, e non solo nella tradizione cristiana. L’idea che la morte di un martire giustifichi la vita e che un uomo che dà la vita come risultato di una pratica radicale di amore verso un altro essere umano sia un eroe, un campione, un santo, è profondamente radicata nella civiltà umana da tempo immemorabile.

.È Socrate (come ce lo mostra Platone nel Fedone) lo scopritore della verità che la disponibilità a morire in nome della giustizia è la prova più forte e definitiva del valore della nostra vita. E il Fondatore del Cristianesimo vi aggiunse l’insegnamento che “non c’è amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici”. Come dimostrano chiaramente le testimonianze raccolte nel corso del cosiddetto processo di beatificazione, gli Ulma erano una famiglia di cristiani ferventi e conducevano una vita onesta, laboriosa e pia. Probabilmente erano ben consapevoli della legge tedesca che condannava a morte immediata chi avesse aiutato un ebreo, tanto più che le autorità di occupazione la annunciavano con insistenza ogni giorno, pubblicando allo stesso tempo liste di polacchi già giustiziati per questo motivo. Eppure, consapevolmente, per un lungo anno e mezzo, essi rischiarono la morte ogni giorno, in nome del comandamento di amare il prossimo. Il loro martirio li ha resi testimoni della giustezza di questo comandamento e ha aperto loro la porta dell’immortalità.

Jan Rokita

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 07/09/2023