Prof. Zdzisław KRASNODĘBSKI: Crimini tedeschi contro i polacchi ancora non accertati

Crimini tedeschi contro i polacchi ancora non accertati

Photo of Prof. Zdzisław KRASNODĘBSKI

Prof. Zdzisław KRASNODĘBSKI

Sociologo, professore all'Università di Brema, membro polacco del Parlamento europeo.

Ryc.Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

La Germania non ha mai reso conto del suo passato nazionalsocialista, né ha effettuato risarcimenti alle sue vittime. Il boia di Varsavia, Heinz Reinefarth, non solo non è mai stato punito, ma ha fatto carriera politica nella Germania occidentale, scrive il Prof. Zdzisław KRASNODĘBSKI

.La Seconda guerra mondiale iniziò in Europa con l’attacco delle truppe tedesche alla Polonia il 1° settembre 1939. Tre giorni dopo, Francia e Gran Bretagna dichiararono guerra alla Germania. L’attacco alla Polonia si rivelò una linea rossa, ponendo fine alla politica di appeasement con la quale furono accettati i successivi passi aggressivi di Hitler – la militarizzazione della Renania, l’annessione dell’Austria, l’occupazione dei Sudeti, lo smembramento e l’occupazione della Cecoslovacchia. Quando Hitler si rivolse alla Polonia, la storia aveva fatto il suo corso. L’Occidente – che allora significava Gran Bretagna e Francia – capì troppo tardi che ulteriori concessioni avrebbero solo rafforzato il Terzo Reich. Purtroppo, al tempo di oggi, questo errore di politica di pacificazione è stato ripetuto in relazione alla Russia di Putin, il che conferma ancora una volta la natura illusoria della speranza di saper imparare dagli errori del passato.

L’attacco della Germania alla Polonia fu possibile solo grazie all’accordo stipulato da Hitler con Stalin il 23 agosto 1939, attraverso un protocollo segreto secondo il quale, ancora una volta, Germania e Russia si dividevano la Polonia. L’aggressione sovietica alla Polonia del 17 settembre 1939 rese vana la resistenza dell’esercito polacco davanti ai tedeschi. Questi due regimi totalitari e criminali, per nulla distanti ideologicamente l’uno dall’altro, come si sostiene, collaborarono all’unisono fino all’estate del 1941, assassinando lo Stato polacco e l’élite intellettuale e combattendo in modo solidale e spietato contro i polacchi.

La guerra terminò dopo cinque anni. Quale fu il suo esito, per il Paese che dovette difendersi? La Polonia perse quasi 6 milioni di abitanti e circa un terzo del suo territorio. Varsavia, la capitale della Polonia, fu quasi completamente rasa al suolo. Fu l’unica città in Europa in cui scoppiarono due rivolte durante la Seconda guerra mondiale: nel ghetto di Varsavia, creato dai nazisti nel 1943, e in tutta Varsavia nel 1944. Questa seconda rivolta, durata 63 giorni, fu il più grande atto di resistenza armata contro Hitler in Europa. Proprio a Varsavia, i tedeschi commisero uno dei più grandi crimini della Seconda guerra mondiale contro la popolazione civile, massacrando 60.000 persone inermi nel quartiere di Wola durante i primi giorni dell’insurrezione. La capitale polacca è, quindi, come nessun’altra città in Europa, un luogo di memoria della Seconda guerra mondiale – una memoria che è ancora repressa, distorta nell’Europa occidentale…

Nel caso della Polonia, ad esempio, furono rispettati i risonanti proclami contenuti nella Carta Atlantica, in cui il Presidente degli Stati Uniti e il Primo Ministro del Regno Unito dichiaravano, tra l’altro, di „rispettare il diritto di tutti i popoli di scegliere da soli la forma di governo sotto la quale desiderano vivere, e di desiderare che i diritti sovrani e le autonomie fossero restituiti a quei popoli, a coloro che ne erano stati forzatamente privati”, ed esprimevano la speranza „che dopo il crollo definitivo della tirannia nazionalsocialista, ci sarebbe stata una pace che avrebbe dato a tutti i popoli l’opportunità di vivere in modo sicuro all’interno dei propri confini e che avrebbe garantito a tutte le persone in tutti i Paesi di condurre la propria vita libera dalla paura e dal bisogno”?

La pace che ne scaturì, i cui artefici a Teheran, Yalta e Potsdam furono il Presidente degli Stati Uniti e il Primo Ministro della Gran Bretagna, in collaborazione con uno dei più grandi criminali della storia moderna, Joseph Stalin, non fu, sorprendentemente, equa con i polacchi. I confini della Polonia furono spostati e la popolazione fu trasferita con la forza su larga scala. A peggiorare le cose, la Polonia si trovò sotto l’occupazione sovietica, sotto l’occupazione di un aggressore totalitario – alleato di Hitler dal 1939. Mentre la Germania era divisa in zone di occupazione, la Polonia divenne di fatto un’unica zona di occupazione sovietica. Ai polacchi non fu dato il diritto di „scegliere la propria forma di governo”, non fu dato il diritto di vivere come popolo „libero da paure e privazioni”. I comunisti massacrarono senza pietà i reduci della resistenza antihitleriana, uccidendoli come fascisti o come spie dell’Occidente, distruggendo ogni segno di esistenza nazionale indipendente. Un’intera generazione di polacchi – come altre nazioni dell’Europa centrale e orientale – fu condannata a vegetare nella sfera d’influenza sovietica. Dal punto di vista polacco, la guerra è finita solo dopo la caduta del comunismo, quando abbiamo riacquistato la capacità di decidere il nostro destino politico. Per noi, la Seconda guerra mondiale è ancora storia recente.

Non deve sorprendere, tuttavia, che la storia polacca non riceva molta attenzione in Europa occidentale. Dopotutto, non si tratta di una storia gloriosa per l’Occidente. Sebbene ai polacchi sia stato generosamente concesso di continuare a combattere al fianco degli Alleati, anche nella battaglia aerea d’Inghilterra, dopo la guerra ci sono stati meticolosamente fatturati i costi di armi e munizioni. I crimini sovietici commessi contro prigionieri di guerra indifesi, contro gli ufficiali polacchi, a Katyn e altrove in Unione Sovietica, sono stati taciuti per non interferire con la cooperazione con l’alleato sovietico. Władysław Sikorski, Primo Ministro del governo polacco in esilio, morì in circostanze mai chiarite a Gibilterra nel 1943. Circa un anno dopo, i nostri alleati occidentali, insieme ai sovietici, iniziarono il processo di formazione di un governo fantoccio di unità nazionale in Polonia, dominato dai comunisti.

Il destino della Polonia durante la Seconda guerra mondiale e nel dopoguerra dimostra anche quanto sia falso il mito della liberazione dell’Europa da parte dell’Armata Rossa, ancora presente in molti Paesi europei – in Francia, in Italia, in Grecia. Il periodo di collaborazione tra i comunisti e la Germania hitleriana è qualcosa che la sinistra cerca di bandire dalla memoria, mentre sfata il mito di un antifascismo coerente di sinistra e comunista, riferendosi al fatto che, dopo che la Germania hitleriana attaccò l’Unione Sovietica, i comunisti si unirono e iniziarono a dominare il movimento di resistenza in molti Paesi europei.

.Il destino della Polonia sfata un altro mito così importante per l’Europa contemporanea: il mito che la Germania, il Paese che oggi domina l’Unione Europea, abbia fatto un resoconto esemplare del suo passato nazionalsocialista, che abbia risarcito le sue vittime. Vale, quindi, la pena ricordare che la Repubblica Federale Tedesca non ha mai riconosciuto il diritto delle vittime polacche al risarcimento. Il denaro versato alle vittime polacche del nazismo tedesco è stato concesso solo come gesto umanitario volontario. Nessuna delle numerose vittime della pacificazione dei villaggi polacchi nell’ambito della „lotta ai partigiani” ha mai ricevuto un simile risarcimento; nessuno è stato condannato per questi crimini. Il boia di Varsavia, Heinz Reinefarth, non solo non fu mai punito, ma fece carriera politica nella Germania occidentale. La Polonia non ha mai ricevuto alcun risarcimento di guerra. Nonostante ciò, i tedeschi ritengono di essere oggi una „superpotenza morale”, che definisce gli standard per gli altri. I polacchi di oggi, invece, non solo devono temere di nuovo l’aggressione militare della Russia, che sta conducendo una guerra brutale in Ucraina, ma si chiedono anche se, nell’Unione Europea di oggi, possano ancora godere del diritto di „scegliere la propria forma di governo” e di prendere da soli le decisioni chiave per il proprio Paese.

Zdzisław Krasnodębski

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 02/09/2022