Clark YOUNG: Lezione di Jan Karski per il nostro mondo

Lezione di Jan Karski per il nostro mondo

Photo of Clark YOUNG

Clark YOUNG

Co-autore del libro “Ricordati di questo. Lezione di Jan Karski”.

vedere i testi di altri autori

L’eredità del polacco Jan Karski, che allertò senza successo il mondo su ciò che i tedeschi stavano facendo ad Auschwitz, è oggi una chiamata morale all’azione per proteggere i diritti umani.

.Tra il 2005 e il 2009 ho frequentato la Georgetown University, dove cinque decenni prima il professore polacco Jan Karski aveva insegnato. Nel corso degli anni, sono passato davanti alla sua statua – una figura elegante e smorzata situata su una panchina vicino a una scacchiera. Nel 2014, il mio ex professore, Derek Goldman, mi ha chiesto di aiutare a scrivere una pièce per commemorare il centenario di Karski a Georgetown (Karski è morto nel 2000). Abbiamo poi visto la sua straziante testimonianza nel film documentario Shoah di Claude Lanzmann, dove ha parlato delle sue esperienze di guerra per la prima volta dopo 35 anni, e abbiamo anche letto il libro di memorie di Karski La mia testimonianza davanti al mondo e l’eccellente biografia di E. Thomas Wood Karski: come un uomo tentò di fermare l’Olocausto. La storia di questo polacco è una meravigliosa storia di coraggio morale.

80 anni fa fu istituito lo Stato clandestino polacco. Il 14 febbraio 1942, durante l’occupazione della Polonia da parte della Germania e della Russia, per ordine del generale Władysław Sikorski, fu istituita l’Armia Krajowa – il più grande esercito clandestino del mondo. Ed è per questo Stato clandestino polacco che Jan Karski faceva da corriere. Il suo compito era quello di ottenere informazioni nella Polonia occupata dai tedeschi e di trasmettere al governo polacco in esilio (in Francia e più tardi in Inghilterra) le informazioni provenienti dalla resistenza che operava in Polonia. Le sue capacità erano perfette per questa attività. Aveva una memoria fotografica, conosceva molte lingue ed era caratterizzato da un grande eroismo. I viaggi di Karski attraverso l’Europa occupata dai tedeschi furono terribilmente pericolosi. Una volta fu catturato e torturato dalla Gestapo. I cospiratori polacchi dello Stato clandestino polacco lo aiutarono a fuggire in circostanze drammatiche.

Agire come parte dello Stato clandestino polacco gli diede uno scopo e speranza. Molti membri della clandestinità diedero la loro vita perché Karski sopravvivesse. È stato sorprendente per me scoprire quante sofisticate attività militari e di intelligence della clandestinità venivano svolte dai polacchi. Anche la grandezza della resistenza, nonostante i pericoli che queste azioni comportavano. Furono l’astuzia, il coraggio e la forza mentale che caratterizzarono Jan Karski.

Nel 1942, i leader ebrei seppero della sua missione in Inghilterra, dove riferì a molti leader influenti sullo stato della Polonia occupata. Lo pregarono di testimoniare gli orrori dell’Olocausto dicendo ai leader stranieri che il popolo ebraico veniva sterminato. Perché la sua testimonianza era molto importante. Sotto mentite spoglie, passò attraverso quei luoghi che i tedeschi avevano organizzato nella Polonia conquistata: il ghetto di Varsavia e poi il campo di transito di Izbica Lubelska. Ovunque fu testimone di disumanizzazione, devastazione e morte. Redasse e poi riferì ai leader mondiali, tra cui il presidente degli Stati Uniti, Franklin D. Roosevelt, il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti, Felix Frankfurter, e il ministro degli esteri britannico, Anthony Eden. Scrisse solo la verità, scrisse di ciò che vide di persona.

Alcuni studiosi sostengono che l’incontro di Jan Karski con il presidente Franklin D. Roosevelt, nel 1943, contribuì in parte alla formazione, promossa dal presidente del Consiglio dei rifugiati nel 1944 che salvò migliaia di vite. Altri (me compreso) credono che l’azione di Roosevelt sia arrivata troppo tardi – molte altre vite avrebbero potuto essere salvate. Roosevelt non fece mai “una domanda specifica sulla questione ebraica” – come riferì Karski dopo averlo incontrato. Il ministro degli esteri Anthony Eden non permise a Karski di informare il primo ministro Churchill. Il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Felix Frankfurter confessò che non credeva alla descrizione di Karski dell’enormità dei crimini nazisti. Semplicemente non poteva comprendere come l’umanità potesse essere capace di un tale crimine.

Le memorie dell’eroico polacco, “La mia testimonianza davanti al mondo”, divennero un bestseller nel 1944, ma questo non cambiò il sentimento pubblico. Karski considerò la sua missione un fallimento. Questo senso di fallimento è una delle tante lezioni importanti che Jan Karski ci trasmette.

.Nel 1981, Jan Karski tenne un potente discorso alla Conferenza internazionale dei liberatori dei campi di concentramento, dove disse: “Gli ebrei furono lasciati soli a perire”. Per me, queste parole sono molto importanti. Disse che leader e intere nazioni contribuirono agli orrori dell’Olocausto attraverso l’ignoranza, la negligenza e l’inazione. L’eredità dell’eroico corriere dell’esercito clandestino polacco è un richiamo alla coscienza e una chiamata morale all’azione. Egli continua a insegnarci “che la comunità umana, non il potere dei governi, è l’unica vera protezione dei diritti umani”.

Clark Young

Il testo pubblicato contemporaneamente sulla rivista mensile polacca “Wszystko Co Najważniejsze” nell’ambito del progetto realizzato con l’Istituto della Memoria Nazionale, Instytut Pamięci Narodowej.

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 11/02/2022