Karol NAWROCKI: Due date, una guerra

Karol NAWROCKI: Due date, una guerra

Photo of Karol NAWROCKI

Karol NAWROCKI

Presidente dell'Istituto della Memoria Nazionale.

Ryc. Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

L’attacco giapponese a Pearl Harbor 80 anni fa spinse gli Stati Uniti a partecipare attivamente alla Seconda guerra mondiale. Questa guerra era piombata sulla Polonia due anni prima, con l’aggressione della Germania e poi dell’Unione Sovietica. Polacchi e americani combattettero dalla stessa parte e per la stessa cosa in questo conflitto: difendere la libertà e l’umanità.

.Le prime bombe e i primi siluri caddero intorno alle 8 del mattino ora locale. Solo pochi istanti dopo, una potente esplosione distrusse completamente la corazzata USS “Arizona”. A quel punto, anche altre grandi navi erano in fiamme. Il bilancio di quella domenica mattina del 7 dicembre 1941 fu tragico per gli americani: molto più di 2.000 morti, diverse corazzate distrutte, quasi duecento aerei da combattimento persi. I responsabili della Casa Bianca e i comuni cittadini rimasero scioccati.

“La notizia di questi attacchi a sorpresa è caduta come una bomba su Washington”, riportò il New York Times il giorno seguente. Il segretario della Marina Frank Knox si era illuso all’inizio che si trattasse delle Filippine. Presto non ci fu più alcun dubbio: Gli Stati Uniti erano in guerra con il Giappone. Quattro giorni dopo i devastanti raid aerei su Pearl Harbor, la Germania di Adolf Hitler e l’Italia dichiararono guerra agli Stati Uniti. Questi furono i punti di svolta di tutta la Seconda guerra mondiale. L’ingresso del potente Stato americano nel conflitto cambiò completamente l’equilibrio di potere delle parti in guerra. Così il dicembre 1941 segnò l’inizio della fine dell’asse del male che allora cercava di impadronirsi del mondo.

I polacchi avevano vissuto la loro Pearl Harbor più di due anni prima. La mattina presto del 1° settembre 1939, la corazzata tedesca “Schleswig-Holstein” aprì il fuoco contro l’avamposto militare polacco a Westerplatte nella città libera di Danzica. Quasi contemporaneamente, la Luftwaffe bombardò la città indifesa di Wieluń, che divenne un simbolo di barbarie paragonabile alla distruzione della Guernica basca nel 1937. Senza una dichiarazione di guerra, quel giorno di settembre la Wehrmacht colpì quasi l’intera lunghezza del confine. Quando, più di due settimane dopo, l’Armata Rossa invase la Polonia da est, il destino del Paese eroicamente difeso era segnato. Ma la guerra iniziata in Polonia aveva ormai un carattere globale, poiché Francia e Gran Bretagna si schierarono contro la Germania.

Proprio come Pearl Harbor occupa un posto speciale nella storia americana, così Westerplatte e Wieluń lasciarono un segno indelebile nella storia polacca. In effetti, si potrebbe dire che il 7 dicembre 1941 e il 1° settembre 1939 furono due inizi della stessa guerra – una guerra in difesa della libertà e dell’umanità. Si può anche dire, senza ombra di dubbio, che sia i polacchi che gli americani combattettero dalla parte giusta in questa guerra fin dall’inizio. Condussero una guerra giusta – come la definì, ad esempio, s. Agostino.

La fratellanza d’armi polacco-americana ha una lunga tradizione. Nel XVIII secolo, i polacchi – guidati da Tadeusz Kosciuszko e Kazimierz Pulaski – furono coinvolti nella Guerra d’indipendenza americana. Quando la Polonia non era sulla mappa dell’Europa nel XIX e all’inizio del XX secolo, centinaia di migliaia di nostri compatrioti emigrarono negli Stati Uniti in cerca di una vita migliore. Quasi 300 mila americani di origine polacca prestarono servizio nell’esercito degli Stati Uniti durante la Prima guerra mondiale. Volontari dagli Stati Uniti con radici polacche si univano all’esercito polacco in Francia, noto anche come Armata Blu, in quel periodo; i suoi soldati giocarono poi un ruolo importante negli anni 1919-1920, quando la Polonia difese la sua indipendenza appena riconquistata nella guerra contro la Russia bolscevica. Vale la pena ricordare che anche gli aviatori americani del 7° squadrone di caccia Tadeusz Kościuszko combattettero contro l’Armata Rossa. Forse il più famoso di questi è Merian C. Cooper, che in seguito divenne produttore, sceneggiatore e regista di Hollywood, co-creatore del famoso King Kong.

Durante la Seconda guerra mondiale, ben un milione di americani mobilitati per il servizio militare aveva radici polacche. Non c’è da stupirsi se troviamo i loro nomi nelle descrizioni di quasi tutte le principali battaglie dell’esercito americano nel Pacifico, in Nord Africa e in Europa.

Una delle vittime più giovani dell’attacco giapponese a Pearl Harbor è il diciassettenne John Stanley Malinowski della USS “Arizona”. Sulla stessa corrazzata morì il ventunenne Henry S. Kalinowski, che quel giorno fatale era a bordo solo perché aveva prestato il suo pass per il weekend a un amico.

Uno dei protagonisti del famoso film Salvate il soldato Ryan di Steven Spielberg potrebbe benissimo essere Edward Wozenski. Questo veterano delle battaglie in Africa e in Sicilia – poi diventato generale – comandò una compagnia che sbarcò e combatté ferocemente sulla spiaggia di “Omaha” in Normandia nel giugno 1944. Chi ha familiarità con il vecchio dramma bellico di John Guillermin Il ponte di Remagen dovrebbe essere interessato alla biografia di Alexander Drabik. Come soldato della 9a Divisione corazzata, divenne famoso per aver conquistato il cruciale ponte Ludendorff vicino a Remagen nel marzo 1945, aprendo la strada agli alleati nel cuore del Reich. La biografia di Francis “Gabby” Gabreski, uno dei più grandi assi della US Air Force, è anche ottimo materiale per una sceneggiatura cinematografica. Abbattette quasi 30 aerei nemici durante la Seconda guerra mondiale e molti altri durante i successivi combattimenti in Corea.

Su molti fronti della Seconda guerra mondiale, i soldati americani, compresi quelli di origine polacca, combatterono fianco a fianco con i soldati delle forze armate polacche in Occidente, organizzate dal 1939 fuori dai confini del Paese occupato. Più volte videro la professionalità e il carattere eccezionale del soldato polacco. Il famoso generale a quattro stelle George S. Patton notò che le truppe polacche “si presentavano meglio di tutte” quelle che aveva visto, “comprese quelle inglesi e americane”.

.Purtroppo, questo sforzo non permise alla Polonia di riconquistare la sovranità nel 1945. Dopo la sconfitta del Reich, il nostro Paese si trovò per molto tempo nella sfera d’influenza dell’Unione Sovietica. Molti soldati polacchi che non volevano vivere in una patria prigioniera si stabilirono negli Stati Uniti. Oggi, quando la Polonia libera e gli Stati Uniti sono alleati nella NATO, possiamo commemorare insieme queste persone coraggiose, proprio come continueremo a rendere omaggio ai caduti nell’attacco a Pearl Harbor.

Karol Nawrocki

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 07/12/2021