Prof. Wojciech ROSZKOWSKI: L'antipolonismo deve avere i suoi limiti Prof. Wojciech ROSZKOWSKI: L'antipolonismo deve avere i suoi limiti

L'antipolonismo deve avere i suoi limiti

Photo of Prof. Wojciech ROSZKOWSKI

Prof. Wojciech ROSZKOWSKI

Professore ordinario di discipline umanistiche, insegnante accademico, professore presso l'Istituto di studi politici dell'Accademia delle scienze polacca.

Ryc.Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

Secondo la legge dei Paesi civilizzati, il risarcimento delle perdite è pagato dall’autore di queste perdite. Nel nostro caso i colpevoli sono ben noti.

.La base della propaganda aggressiva è la ripetizione costante di bugie secondo il principio che, nonostante le rettifiche, ne rimarrà sempre qualcosa nella memoria del destinatario e il principio che pochi credono alle piccole bugie ed è difficile difendersi da quelle grandi.  Se sentiamo costantemente dire che la Polonia è responsabile dell’Olocausto o anche dello scoppio della Seconda guerra mondiale, dobbiamo dire che abbiamo a che fare con una propaganda antipolacca coerente e aggressiva, cioè l’antipolonismo.  Vale anche la pena di chiedersi quale sia lo scopo di queste azioni, ma questa domanda dovrebbe essere posta prima di tutto ai mittenti di tutta questa propaganda menzognera.

Per coloro che hanno meno familiarità con la storia della Seconda guerra mondiale, ricordiamo i fatti fondamentali. Nel settembre 1939, gli eserciti del Terzo Reich tedesco e dell’URSS effettuarono un’aggressione non provocata contro la Polonia sulla base di un accordo bilaterale, firmato il 23 agosto 1939 dai ministri Joachim von Ribbentrop e Vjačeslav Molotow La Polonia aveva precedentemente concluso patti di non aggressione con entrambi questi vicini e aveva costantemente rifiutato di cooperare bilateralmente con uno di loro contro l’altro.  Come risultato dell’aggressione tedesca del 1° settembre 1939 e dell’aggressione sovietica del 17 settembre dello stesso anno, lo Stato polacco sopravvisse solo sotto forma di un governo d’esilio, prima in Francia e, dopo il 1940, a Londra. Le terre polacche della Seconda Repubblica furono occupate e i suoi cittadini furono sottoposti a un terrore senza precedenti – furono assassinati, espropriati e portati nei campi di concentramento, e come risultato della guerra, la proprietà nelle terre polacche fu distrutta in una misura inimmaginabile in Occidente. Per di più, dopo la guerra, la Polonia si ritrovò come Stato alleato, ma sconfitta da uno dei suoi alleati – l’URSS stalinista. Uno dei responsabili della tragedia della guerra si trovava tra i vincitori, e alla Polonia fu imposto con la forza un sistema totalitario, in cui fu effettuata una nazionalizzazione diffusa, mentre la ricostruzione delle devastazioni fu realizzata con gli sforzi dei cittadini, ma con fondi statali ottenuti non solo dalle normali tasse, ma spesso dal saccheggio della popolazione.

Il destino delle proprietà esistenti sul territorio della Seconda Repubblica Polacca era estremamente complicato. Furono distrutte durante la guerra dagli eserciti del Terzo Reich e dell’URSS e saccheggiate dalle autorità di questi Paesi e dai loro rappresentanti. Dopo la guerra, né i proprietari, che erano cittadini della Seconda Repubblica polacca, né i loro eredi furono risarciti dai comunisti. Sulla base dell’accordo di Potsdam, lo Stato polacco comunista, cioè la Repubblica Popolare Polacca (PRL), doveva ottenere piccoli risarcimenti dalla Germania attraverso l’URSS, il che mostra bene l’atteggiamento vassallo della PRL verso l’URSS. Le fonti tacciono sull’entità di questi risarcimenti ottenuti da Mosca. Anche la tesi che le autorità della Repubblica Popolare di Polonia abbiano rinunciato a questi risarcimenti può essere messa nel regno delle favole. Le tracce di una tale decisione sono molto dubbie, e la sua base – il diritto ad una tale decisione – è ancora più dubbia. A peggiorare le cose, alla fine del dominio comunista ci fu una privatizzazione spontanea e spesso illegale delle proprietà che erano state nazionalizzate dai comunisti e ricostruite dal popolo dopo la guerra.

Come risultato della guerra perirono circa 6 milioni di cittadini della Seconda Repubblica Polacca, compresi circa 3 milioni di ebrei, che erano suoi cittadini. Lo Stato polacco non è in alcun modo responsabile della morte dei suoi cittadini per mano dei tedeschi o dei sovietici, perché non ha avuto alcuna influenza su ciò che gli occupanti hanno fatto sul suo territorio. L’atteggiamento dei cittadini della Seconda Repubblica polacca di fronte alla tragedia dell’Olocausto è difficile da valutare con precisione, poiché non ci sono fonti precise per provarlo. Alcuni di questi cittadini si comportarono eroicamente, dando rifugio ai loro concittadini ebrei dai tedeschi, altri si comportarono vergognosamente, consegnandoli ai persecutori, ma la maggioranza si comportò passivamente perché temeva per la propria vita, perché, per aver protetto gli ebrei, i tedeschi punirono con la morte intere famiglie dei protettori. Fu il caso della famiglia Ulma di Markowa, tra gli altri. Se qualcuno oggi vede solo quelli che si sono comportati in modo vergognoso, e non vede gli eroi commemorati nel museo Yad Vashem, è guidato dalla cattiva volontà.

Se la ragione della costante ripetizione di bugie sui “campi di concentramento polacchi”, sul fatto che i nazisti e non i tedeschi siano gli autori dei crimini in terra polacca, e anche dell’accusa della Polonia di complicità nell’Olocausto e di aver portato allo scoppio della guerra in generale, sta nel desiderio di recuperare le proprietà perse dai cittadini ebrei della Seconda Repubblica polacca, specialmente le proprietà senza eredità, allora bisogna dire quanto segue.

Secondo la legge dei Paesi civilizzati, il risarcimento delle perdite è pagato dall’autore di queste perdite. Nel nostro caso i colpevoli sono ben noti. Si tratta del Terzo Reich tedesco e dell’URSS che, come risultato della loro cospirazione e dell’attacco congiunto alla Polonia nel 1939, portarono a orribili distruzioni materiali sul territorio polacco, per non parlare della morte di oltre sei milioni di cittadini della Seconda Repubblica polacca. Pertanto, se qualcuno deve coprire le rivendicazioni relative alla perdita dei diritti di proprietà e dei valori ad essi collegati, dovrebbero essere i loro successori legali, e non lo Stato polacco contemporaneo, cioè, di conseguenza, il contribuente polacco contemporaneo. La chiave per evitare il pagamento di crediti rivendicati, senza che essi vengano ripagati da veri colpevoli, è costituita da una riprivatizzazione ben gestita. La mancanza di una legge di riprivatizzazione dopo che la Polonia ha riconquistato la libertà nel 1989 è stata il risultato delle enormi difficoltà in questo settore, come discusso sopra.

La regola generale nella valutazione del valore dei risarcimenti dovuti è il valore di qualsiasi tipo di proprietà nel 1939, meno eventuali gravami ipotecari esistenti in quel momento, e l’entità dei danni dal 1939 al 1945.  I danni di guerra sono “forza maggiore” nella terminologia assicurativa, e nessun assicuratore rimborsa i suoi costi all’assicurato. In questa situazione non importa nemmeno se la proprietà distrutta era assicurata prima del 1939. Solo gli autori del danno possono essere destinatari delle rivendicazioni. La determinazione del valore della proprietà sulla base di una valutazione contemporanea aumenta questo valore dei costi di ricostruzione sostenuti dall’intera società polacca a causa della nazionalizzazione dell’economia dopo la Seconda guerra mondiale, così come l’aumento dei prezzi degli immobili risultante dallo sviluppo economico. Così, per evitare gli enormi costi legati alla prospettiva di pagamento di risarcimenti senza il dovuto indennizzo alla Polonia, sarebbe consigliabile stabilire per ogni proprietà un'”operazione di riparazione-riprivatizzazione” basata su un calcolo del valore del credito in base al valore prebellico, meno i gravami ipotecari, la diminuzione di valore in seguito alla distruzione e le variazioni del livello dei prezzi dopo il 1939, e indirizzare le entità che rivendicano il valore della proprietà distrutta agli eredi degli autori della distruzione, cioè i governi della Germania e della Federazione Russa

.Se qualcuno volesse chiedere allo Stato polacco di oggi, cioè ai suoi contribuenti, il valore odierno delle proprietà perse dopo il 1939, sarebbe difficile trovare un’assurdità e un’ingiustizia maggiore. L’antipolonismo deve avere i suoi limiti.

Wojciech Roszkowski

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 17/09/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam