Eryk MISTEWICZ: La legge marziale di Jaruzelski non spezzò i polacchi. La nostra rivoluzione pacifica cambiò una parte dell’Europa

Eryk MISTEWICZ: La legge marziale di Jaruzelski non spezzò i polacchi. La nostra rivoluzione pacifica cambiò una parte dell’Europa

Photo of Eryk MISTEWICZ

Eryk MISTEWICZ

Editore del mensile “Wszystko co najważniejsze”, autore di libri, vincitore del premio Pulitzer polacco.

Ryc.: Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

.Quando iniziai a lavorare come giornalista, la legge marziale stava finendo in Polonia.  Diverse volte il settimanale per cui lavoravo all’epoca non apparve, perché non c’era il permesso dell’Ufficio per il controllo delle pubblicazioni e degli spettacoli, della censura. E un testo su tre o quattro veniva pubblicato con l’interferenza del censore statale. I polacchi che ricordano la legge marziale, ricordano i giornali con spazi bianchi dopo i testi che non potevano essere pubblicati. E ricordano i segni in mezzo al testo: [ – – – – ] il che significa che la censura interferì. La censura esterna interferì quando l’Europa occidentale fu presentata in una luce positiva, quando il ruolo dominante dell’URSS nel mondo fu messo in discussione e, infine, anche quando si tentò di scrivere su Katyń, dove 20 000 rappresentanti dell’intellighenzia polacca, tra cui scienziati, ufficiali e preti furono uccisi dai russi dopo che l’URSS e la Germania invasero congiuntamente la Polonia nel 1939. In più, la censura interferì, quando si parlò della rivolta di Varsavia nel 1944, quando i tedeschi uccisero polacchi, donne e bambini, quando bruciarono la mia città e i russi rimasero a guardare Varsavia in fiamme, stando con le loro truppe dall’altra parte della Vistola.

Sotto la legge marziale, introdotta il 13 dicembre 1981 dal comunista Wojciech Jaruzelski, le autorità controllavano non solo il contenuto dei media, ma anche le lettere, leggendole, e controllavano le conversazioni telefoniche, interrompendole se vertevano su argomenti politici. Ancora oggi ricordo la voce nel ricevitore che diceva “la conversazione sarà controllata”. Ma, cosa più importante, la politica non faceva solo il reportage delle manifestazioni e delle proteste; la politica era tutto ciò che rendeva difficile la costruzione di un “coraggioso mondo nuovo” alla maniera sovietica. La religione e la fede erano politica, la storia era politica, specialmente quella che mostrava i momenti di gloria dell’armata polacca o i grandi momenti della Polonia e dei polacchi, poiché l’obiettivo dei comunisti era distruggere la memoria e la storia della Polonia per costruire una comunità di Stati basata sul dominio dell’URSS nella regione (e in futuro nel mondo) e sul Comecon – il Consiglio di mutua assistenza economica (che definiva ciò che la Polonia poteva e non poteva produrre, e anche quanto dei beni prodotti sarebbe dovuto poi andare alla Russia).

Infine, all’epoca era politico anche porre domande in un mondo in cui le autorità presentavano risposte facili e preconfezionate a quasi tutte le sfide, anche le più difficili. I programmi scolastici furono privati di tutto ciò che poteva evocare l’orgoglio di essere polacchi. Si tentò di convincere la gente che la letteratura polacca non era importante, che ciò che era importante era la letteratura slava (slava significa appartenente all’URSS). Non erano importanti i principi economici classici, ma “l’economia socialista”.

Ricordo che il professore cercò di insegnarmi la cosiddetta “economia socialista”, ma, dopo qualche discussione, vi rinunciò, ammettendo che doveva insegnare una materia in cui nessuno credeva. Anche la scienza doveva essere accettata sulla fede del partito subordinato ai sovietici.

Tuttavia, nessuno in Polonia, durante la legge marziale, credeva nel socialismo o nel comunismo, compresi i più ardenti attivisti politici. Tutti potevano vedere, e la società polacca stessa vide, che il sistema era inefficiente, che stava morendo. Carovita, code nei negozi, mancanza di provviste… E allo stesso tempo, fu proprio allora che si strinse la vite del politicamente corretto, affermando il comunismo e il socialismo. Si indicava chiaramente come si poteva parlare e pensare, e quale tipo di pensiero e di parola avrebbe portato a dei guai, fino a includere la perdita del lavoro o – nel caso di ripetizione persistente di pensieri iniqui – il carcere. Anche le donne incinte e gli anziani venivano mandati in centri di massimo rigore.

La legge marziale significava carte di razionamento alimentare che permettevano l’acquisto di quantità strettamente razionate di carne, zucchero, burro e anche vodka, con i famosi “negozi dietro le tende gialle” in cui potevano entrare solo gli attivisti comunisti polacchi (e i diplomatici stranieri in Polonia). Ecco perché tutte le nazioni dell’Europa libera furono così importanti nell’aiutare i polacchi. Ancora oggi incontro molti francesi, austriaci, scandinavi, olandesi, spagnoli, britannici per i quali la rivoluzione polacca di “Solidarność”, la fiesta conclusa così drasticamente da Wojciech Jaruzelski, fu un’importante esperienza generazionale. Organizzavano aiuti per i polacchi, caricavano le loro auto con formaggio, cibo in scatola, ma anche duplicatori e carta per le tipografie indipendenti. Da un lato, alla Polonia mancavano semplicemente tutte queste cose, ma, dall’altro, questo era ciò che il cuore del popolo dell’Europa libera dettava in quel momento. E giustamente, perché la rivoluzione di “Solidarność” vinse non grazie alle pallottole, ma alla testardaggine dei polacchi e all’aiuto del mondo libero. Vorrei ringraziare i nostri amici del Mondo libero per l’aiuto che diedero alle parrocchie polacche in quel periodo; fu un segnale importante, che qualcuno si ricordò di noi. Grazie a voi, vincemmo.

La legge marziale significava anche proteste. Nonostante la presenza dell’esercito nelle strade e nonostante la milizia che inseguiva alunni e studenti nonché i partecipanti alle cerimonie religiose (a differenza della Francia, per esempio, in Polonia i preti erano sempre vicini al popolo, difendevano i più maltrattati e i bisognosi. I sacerdoti e la Chiesa erano dalla parte del popolo – non delle autorità). Nonostante le sparatorie sui lavoratori. E nonostante, anche, gli omicidi di figli di attivisti anticomunisti, con le milizie comuniste che uccidevano il clero, scrittori e intellettuali.

La legge marziale è un altro punto della lunga storia del Paese, una storia che tempra i polacchi. Se a volte sento domande sul perché i polacchi semplicemente non si riconcilino con le condizioni create dall’alto, da altri, per vivere, allevare i figli, curare la famiglia, lavorare o gestire un’impresa, dico ai miei amici francesi: conoscete la storia polacca. Ne abbiamo passate tante, così come altri Paesi dell’Europa centrale e orientale furono sotto il giogo del totalitarismo nel XX secolo e, più recentemente, della Russia sovietica.  Conosciamo un’unione attuata con la forza. Conosciamo il bla bla burocratico e la censura del pensiero, il tentativo di controllare le parole. Sappiamo come far funzionare un duplicatore, come ricevere notizie senza propaganda, come aggirare il messaggio dei programmi televisivi tradizionali. Abbiamo il coraggio del capitano Witold Pilecki, per esempio, che andò volontariamente ad Auschwitz per testimoniare il genocidio perpetrato dai tedeschi, un racconto che non ricevette alcuna reazione dall’Occidente. Abbiamo dentro di noi la forza dell’unità e il senso di solidarietà con tutti gli svantaggiati e i bisognosi, con gli altri, accogliendo negli ultimi anni la grande ondata di ucraini in fuga dalla guerra in Crimea e nel Donbass, o i bielorussi che cercano rifugio dal despota Alexander Lukashenko, che lotta brutalmente contro il suo stesso popolo.

.La legge marziale di Jaruzelski non spezzò i polacchi. Nonostante i tentativi di rottura, siamo stati vittoriosi. Fu una rivoluzione che, tra l’altro, cambiò parte dell’Europa.

Eryk Mistewicz

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 10/12/2021