Prof. Wojciech ROSZKOWSKI: La storia della nostra libertà

TSF Jazz Radio

La storia della nostra libertà

Prof. Wojciech ROSZKOWSKI

Professore ordinario di discipline umanistiche, insegnante accademico, professore presso l'Istituto di studi politici dell'Accademia delle scienze polacca.

Ryc.Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

Al congresso dei comitati di sciopero di Danzica, il 17 settembre 1980, vinse una peculiare ed ingegnosa improvvisazione dei polacchi – fu istituito, su scala nazionale, il Sindacato Autonomo dei Lavoratori “Solidarietà”, in polacco “Solidarność”.

Secondo l’opinione internazionale, l’estate del 1980 non preannunciava cambiamenti di particolare importanza. Continuava l’offensiva sovietica in Afghanistan, e i leader del mondo occidentale non furono in grado di trovare una risposta efficace all’espansione dell’influenza del Cremlino nel mondo. L’unica speranza risiedeva nell’ideologia dei diritti umani. L’URSS lo riconobbe silenziosamente nel “terzo paniere” dell’Atto finale di Helsinki della CSCE, ma in pratica lo ignorò completamente. Mentre nel blocco sovietico vigeva la “dottrina Brežnev”, ossia la prontezza del Cremlino ad usare la forza per difendere il proprio controllo dei paesi satellite, in Polonia ci fu un’enorme ondata di scioperi. La loro causa diretta fu il drastico peggioramento della situazione economica della popolazione, mentre quella indiretta ebbe origine nella catastrofe economica provocata da una fatale politica delle autorità e dalla bancarotta ideologica del sistema comunista, visibile soprattutto in confronto al messaggio morale manifestato con l’elezione del cardinale Karol Wojtyła a Papa nell’ottobre 1978 ed il suo pellegrinaggio in Polonia nel giugno 1979. Nascevano inoltre forti segnali di opposizione democratica che potevano sostenere i manifestanti.

Di fronte all’enorme portata della protesta, la squadra di Edward Gierek, paralizzata dalla sua inettitudine, decise alla fine di agosto 1980 di firmare accordi con gli scioperanti di Danzica, Stettino e dell’Alta Slesia, che prevedevano la possibilità di istituire sindacati indipendenti dalle autorità comuniste. Le autorità speravano che gli scioperanti non riuscissero ad organizzarsi efficacemente su scala nazionale, ma si sbagliarono. Al congresso dei comitati di sciopero di Danzica, il 17 settembre 1980, vinse una peculiare ed ingegnosa improvvisazione dei polacchi e fu istituito, su scala nazionale, il Sindacato Autonomo dei Lavoratori “Solidarietà”, in polacco “Solidarność”.

Influenzata dalla crisi, la squadra di Gierek si dimise, il disorientamento regnava nei ranghi del partito ed ai vertici del partito scoppiò una lotta di potere. Alcuni dei dirigenti capirono che erano necessari cambiamenti fondamentali nel modo di governare, ma c’era anche un potente gruppo di “teste dure”, che cercavano di confrontarsi con le nuove élite sindacali, sostenuto dal Cremlino, dove i sindacati autonomi erano impensabili. Nel sistema comunista, basato sui presunti governi della “classe operaia”, i sindacati da essi indipendenti erano un’eresia ideologica. A dicembre 1980, al vertice del Patto di Varsavia a Mosca, il nuovo capo del partito, Stanislav Kania, fu minacciato di intervento armato. Il ministro della Difesa, generale Wojciech Jaruzelski, ordinò l’elaborazione del piano per l’introduzione della legge marziale da parte di una squadra speciale dello Stato Maggiore dell’esercito polacco. Nel frattempo, contando sulla fatica e sullo scoraggiamento dei lavoratori, le autorità provocavano ulteriori scioperi.

Negli anni 1980-81 la situazione economica continuò a peggiorare. Il reddito nazionale diminuì drasticamente e scemarono gli investimenti, il che lasciava presagire un futuro negativo. La propaganda correlò la catastrofe con l’impatto degli scioperi, ma esso fu marginale, poiché le interruzioni del lavoro causate dai freni dell’economia “deficitaria” comunista furono molto più lunghe.

A febbraio 1981 il Cremlino decise di effettuare in Polonia le manovre del Patto di Varsavia con il criptonimo “Soyuz 81”, che potevano essere facilmente trasformate in un’operazione militare in tutta la Polonia, e il generale Jaruzelski assunse la carica di Primo Ministro. Tre giorni dopo l’inizio delle manovre “Sojuz 81”, tre attivisti di “Solidarność”, invitati alla sessione del Consiglio nazionale di Bydgoszcz, furono picchiati dalla milizia nella sala riunioni. Le autorità di “Solidarność” chiesero di chiarire la vicenda ed annunciarono uno sciopero di avvertimento, oltre ad uno sciopero generale, per il 31 marzo 1981, in assenza di reazione da parte delle autorità. Le manovre “Soyuz 81” furono prolungate a tempo indeterminato. Il 27 marzo ebbe luogo uno sciopero generale di quattro ore: uno dei più grandi scioperi nella storia del movimento sindacale. Lo sciopero di massa deve aver impressionato le autorità. Nonostante ciò, il Cremlino continuò ad esercitare una forte pressione sulle autorità polacche. La situazione fu estremamente spaventosa. La sera del 30 marzo, la direzione di “Solidarność” e le autorità firmarono un accordo a Varsavia. In cambio della promessa di chiarire la provocazione di Bydgoszcz, i negoziatori sindacali accettarono di revocare lo sciopero. Il 3 aprile Kania e Jaruzelski si incontrarono a Brest con i rappresentanti del Cremlino per concordare le condizioni della cessazione delle manovre.

Lo stato d’ansia fu intensificato dall’attentato a papa Giovanni Paolo II il 13 maggio 1981 e dalla morte del primate Stefan Wyszyński alla fine di quel mese. In primavera proseguiva la campagna prima del congresso straordinario del partito. Inizialmente, le elezioni dei delegati furono vinte dai candidati vicini a “Solidarność”, così il Cremlino inviò una lettera alla dirigenza polacca con un avvertimento contro la “controrivoluzione”. Allo stesso tempo, il gruppo di “teste dure” attaccò i dirigenti del partito per la loro indecisione nella lotta contro “Solidarność”. Da allora, i candidati vicini a “Solidarność” andarono persi nelle elezioni dei delegati. A seguito del IX Congresso, a metà luglio 1981, le figure poco conosciute si ritrovarono a dirigere il partito, il nucleo del comando fu tuttavia mantenuto da Kania e Jaruzelski. Nel comando aumentò l’importanza dell’esercito e della sicurezza.

A fine agosto 1981 “Solidarność” contava già 9,5 milioni di membri e fu la più grande organizzazione nella storia della Polonia. Il 5 settembre ebbe inizio il primo congresso sindacale. Uno dei documenti più importanti della prima parte del congresso fu “Il messaggio ai lavoratori dell’Europa orientale”, in cui il sindacato incoraggiava i lavoratori di altri Paesi del blocco sovietico a seguire le orme polacche. La propaganda del governo reagì istericamente al “Messaggio”. Le “teste dure” del partito spingevano per uno scontro. Kania resistette all’uso della forza contro “Solidarność”, ma il 18 ottobre si dimise dalla carica di primo segretario, assunta quindi da Jaruzelski. Unì così in mano il comando del partito, governo ed esercito.

A fine ottobre 1981, l’ondata di scioperi aumentò nuovamente, comprese le azioni non concordate con la dirigenza di “Solidarność”. Molti di essi iniziarono in seguito ad ulteriori provocazioni. La società fu tormentata da crisi, incertezze e conflitti, per cui l’invio dei gruppi operativi militari sul campo era generalmente considerato come un tentativo di riportare l’ordine piuttosto che come una prova della capacità dell’esercito di padroneggiare la società. La legge marziale introdotta dal generale Jaruzelski nel dicembre 1981 ritardò soltanto il crollo del sistema di otto anni.

Sedici mesi di “Solidarność” dimostrarono che i polacchi erano pronti ad iniziare a costruire uno stato sovrano e democratico, ma il sindacato operava in condizioni geopolitiche sfavorevoli. Il Cremlino minacciava di intervenire, e i Paesi occidentali, pur interessati a “Solidarność”, non erano disposti a sostenere attivamente il rinnovamento polacco, e temevano addirittura che questo avrebbe destabilizzato l’ordine internazionale. 

Tuttavia, fu “Solidarność” a diventare il nucleo del crollo del comunismo e dei cambiamenti nell’equilibrio globale del potere.

Wojciech Roszkowski

Pierwszy raz na Wszystko Co Najważniejsze?

Aby nie ominąć istotnych tekstów, raz w tygodniu w niedzielę rano wysyłamy newsletter. Zapraszamy do zapisania się:

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam