Beata DASZYŃSKA-MUZYCZKA: Tre Mari - storia comune, futuro comune Beata DASZYŃSKA-MUZYCZKA: Tre Mari - storia comune, futuro comune

Tre Mari - storia comune, futuro comune

.I Tre Mari hanno un grande potenziale. 12 paesi, il 30% della superficie dell’UE, il 25% della sua popolazione e quasi il 20% del suo PIL. I riluttanti all’Iniziativa dei Tre Mari dicono che siamo legati solo dalla storia e dalla geografia. Tuttavia, siamo uniti da molto di più: grandi ambizioni, attrattiva per gli investitori e sviluppo dinamico. Anche se si dice che stiamo ancora inseguendo l’Occidente, in realtà per molti aspetti lo abbiamo già superato.

I Tre Mari è un’iniziativa unica per questa parte d’Europa. Questo è il primo progetto di integrazione che viene dall’interno con un obiettivo a lungo termine. Per decenni, il destino della regione fu determinato principalmente da forze esterne che erano più interessate a legare insieme la regione – politicamente, economicamente e infrastrutturalmente – che a integrarla. Pertanto, oggi è più facile attraversare l’Europa da est a ovest che da nord a sud, e il commercio all’interno dei Tre Mari è relativamente insignificante rispetto al commercio con altri Paesi dell’UE. La realizzazione di questo potenziale andrà a beneficio di tutta l’Unione europea.

Per raggiungere questo scopo, abbiamo bisogno di legami economici più stretti tra i Paesi dei Tre Mari. Nessuno ha costruito questi legami per noi prima e nessuno li costruirà per noi in futuro. Dobbiamo assumercene la responsabilità noi stessi, come Paesi della regione. Tuttavia, la costruzione di stretti legami richiederà tempo, molto denaro e tanti sforzi concertati.

Tempo, perché i Tre Mari è un progetto per decenni. Oggi fissiamo solo obiettivi per i primi dieci anni. Uno di questi obiettivi è quello di livellare le differenze di infrastrutture tra la parte occidentale e quella orientale dell’UE. Questa iniziativa è sostenuta dal Fondo dei Tre Mari, il cui creatore, co-fondatore e principale investitore è Bank Gospodarstwa Krajowego, una banca di sviluppo polacca. Il Fondo sostiene investimenti in infrastrutture commerciali in tre aree chiave per i Tre Mari: energia, trasporti ed economia digitale.

Molto denaro, perché si creano relazioni economiche strette grazie a infrastrutture comuni, e queste infrastrutture sono costose. Il centro di analisi SpotData stima che questo esborso raggiungerà i 600 miliardi di euro entro il 2030 – solo in termini di chiusura del gap infrastrutturale nell’UE. Grazie al Fondo dei Tre Mari ci saranno fondi aggiuntivi per gli investimenti da parte di istituzioni finanziarie internazionali e investitori privati, integrando i fondi pubblici dei Paesi dei Tre Mari e i fondi dell’UE.

Tanti sforzi concertati, perché bisogna conciliare prospettive e aspettative multiple. Ecco perché al Fondo ci concentriamo su investimenti il cui impatto positivo va oltre il Paese in cui si trovano. In questo modo costruiremo una comunità di interesse.

Oggi, mentre il mondo intero è alle prese con gli effetti della pandemia COVID-19, gli investimenti in infrastrutture stanno diventando particolarmente critici per la ripresa dalla crisi economica, ma il capitale esterno per la loro realizzazione è più difficile da trovare. La risposta a questa sfida è il Fondo dei Tre Mari. È attraente per gli investitori perché investendo in una regione con un’alta crescita economica e un’alta stabilità, offre la possibilità di rendimenti più alti con un rischio inferiore. Allo stesso tempo, grazie al Fondo, gli investitori stranieri non devono cercare da soli i progetti da investire in determinati Paesi della regione o impegnare forze e risorse nel costoso processo della loro valutazione.

.La stabilità delle economie dei Tre Mari è visibile nel mezzo della crisi – i Paesi della regione sono stati colpiti da essa in misura minore rispetto al resto dell’UE e si prevede che si riprenderanno più velocemente del resto dell’Europa grazie agli investimenti in infrastrutture, alla posizione economica favorevole e alla popolazione qualificata. È un’enorme opportunità per far crescere l’importanza della regione nell’economia globale dopo la pandemia. La sfrutteremo implementando soluzioni intelligenti, investendo in progetti e infrastrutture intelligenti finanziati da denaro intelligente. I Tre Mari non è solo una storia comune. È anche un futuro comune.

Beata Daszyńska-Muzyczka

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 02/05/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam