Prof. Benjamin VOGEL: Quali pianoforti suonava Fryderyk Chopin?

Quali pianoforti suonava Fryderyk Chopin?

Photo of Prof. Benjamin VOGEL

Prof. Benjamin VOGEL

Professore emerito di musicologia, già dell’Università di Varsavia, dell’Università di Lund (Svezia) e della Cattedra di Educazione Artistica dell’Università di Stettino. Strumentista, collaboratore di lunga data della NIFC.

Ryc. Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

Il più prezioso è l’ultimo strumento di Chopin, che si trovava nel suo appartamento al momento della morte del proprietario. Oggi è il pezzo più prezioso del Museo Fryderyk Chopin di Palazzo Ostrogski”, scrive il professor Benjamin VOGEL

Il pianoforte di Chopin, ovvero…?

.È estremamente difficile rispondere a questa domanda in poche frasi. Il pianoforte è stato sviluppato molto recentemente, circa 320 anni fa. Negli ultimi secoli si è evoluto in termini di costruzione e suono a un ritmo piuttosto rapido, utilizzando i progressi tecnici e le tecnologie delle rispettive epoche, fino a raggiungere, nella seconda metà del XIX secolo, la forma, la costruzione e il suono che conosciamo oggi. A titolo di paragone, uno dei suoi antenati, il clavicembalo, utilizzava, tra l’altro, aculei di piume di uccello e pelle di animale (da cui si ricavavano le punte per pizzicare le corde) o setole di maiale e osso di balena (che fungevano da molle) nel suo meccanismo. Il pianoforte, “inventato” da Bartolomeo Cristofori a Firenze intorno al 1700, era originariamente un clavicembalo, che utilizzava martelli per stimolare le corde percuotendole, anziché meccaniche per pizzicarle. Per questo motivo, per i decenni successivi fu definito “clavicembalo a martello con la possibilità di suonare note a volumi diversi”, ovvero, nel linguaggio musicale, piano e forte. Solo dopo qualche decennio fu riconosciuto come un nuovo strumento e gli fu dato un nome che rifletteva queste possibilità dinamiche: piano-forte o forte-piano. Da qui il termine piano in polacco fortepian, nelle lingue anglosassoni pianoforte, oggi abbreviato in piano.

Uno strumento “per suonare piano e forte”.

.Tuttavia, all’epoca di Chopin, era ancora uno strumento musicale piuttosto anemico e poco avanzato rispetto alla versione odierna. Questi strumenti leggeri e sottili (stiamo parlando dei cosiddetti pianoforti ad ala, con la cassa posizionata orizzontalmente a forma di ala di uccello) non superavano i 240 cm di lunghezza, mentre gli strumenti odierni sono lunghi anche più di 300 cm. Le corde interne, in ottone e acciaio a basso tenore di carbonio (“di ferro”), avevano una tensione totale nell’intervallo di poche tonnellate, che consentiva loro di produrre suoni sufficientemente forti in un salotto borghese o anche in uno più grande e signorile, ma che spesso sono appena udibili nelle odierne sale da concerto. La tensione totale delle corde dei pianoforti moderni va da una dozzina a oltre venti tonnellate! Le corde in acciaio ad alto tenore, più forti, più spesse e più numerose, hanno richiesto un graduale rinforzo dello strumento con staffe metalliche e, nel tempo, con telai in ghisa per contrastare la forza di compressione delle corde in tensione sulla cassa. Le corde più tese e spesse hanno richiesto un aumento della percussione del martello e miglioramenti alla meccanica generale del martello.

Probabilmente non è necessario enumerare ulteriormente le differenze tra gli strumenti utilizzati da Chopin e quelli contemporanei per rendersene conto. Recentemente abbiamo rivisitato esecuzioni storiche della musica di Chopin per riscoprire le possibilità sonore e interpretative dei pianoforti della prima metà dell’Ottocento, utilizzando strumenti antichi e copie (il che non significa escludere esecuzioni su pianoforti odierni). Prima di lasciare la Polonia, Chopin suonò principalmente strumenti provenienti dal centro culturale viennese, compresi quelli costruiti da pianisti locali, come quelli di Varsavia (Fryderyk Buchholtz o Antoni Leszczyński). Conobbe anche temporaneamente strumenti del centro culturale parigino (della ditta Pleyel) o inglese (il pianoforte di Broadwood portato da Maria Szymanowska nel 1826). Durante il suo periodo di emigrazione parigina, si appassionò soprattutto agli strumenti Pleyel, la cui meccanica a martelli relativamente semplice gli ricordava (nel suonare) i pianoforti che aveva conosciuto e usato nel suo periodo precedente. Suonava anche pianoforti Erard, i “Steinway europei” dell’epoca, tecnicamente più avanzati (compresa la meccanica a martelli).

Cyprian Kamil Norwid e il pianoforte di Chopin

.Non conosciamo alcuno strumento originale sopravvissuto utilizzato da Chopin nel periodo fino al 1830. Esistono solo resoconti enigmatici, come quello di Michalina Glogerowa del 1825, che descrive una modesta sala “da gioco” nell’appartamento di Chopin nel cortile dell’università: Degli altri pezzi d’arredamento, ricordo solo un pianoforte a coda molto lungo, sul quale il quindicenne Fryderyk suonava raramente, forse perché, come credo oggi, i suoi genitori, che all’epoca non erano ricchi, non potevano permettersi uno strumento molto costoso, adatto al genio del giovane maestro”. Chopin aveva probabilmente anche un altro pianoforte, più modesto (probabilmente il cosiddetto “pianoforte da tavolo”, cioè rettangolare), sul quale, come ricordano gli amici del collegio gestito dal padre, si esercitava diligentemente ogni giorno. Quando gli Chopin (dopo la promozione del padrone di casa) si trasferirono in un appartamento più grande a Krakowskie Przedmieście, nel 1828 Fryderyk scrisse all’amico Tytus Woyciechowski: “C’è già una stanza al piano di sopra che mi servirà per la mia comodità, con le scale che vi salgono dal camerino. Lì avrò un vecchio pianoforte, una vecchia scrivania, ci sarà un angolo di riparo per me”. Al piano di sotto, invece, si trovava un pianoforte ad ala costruito da Fryderyk Buchholtz, immortalato nell’acquerello di Antoni Kolberg del 1832, intitolato Salon des Chopins a Palazzo Krasiński. Questo strumento fu distrutto dai soldati russi come rappresaglia per l’assassinio del governatore Berg, come immortalato da Cyprian Kamil Norwid nella sua nota poesia Il pianoforte di Chopin. Norwid (in esilio a Parigi) non fu testimone di questa disgrazia nazionale, ma solo la sua immaginazione salì al cielo in un’esultanza poetica.

Fryderyk Chopin come bene nazionale, culto, feticcio

.Chopin, con la sua musica, è un bene nazionale polacco, apprezzato in tutto il mondo. I suoi cimeli, reali o meno, sono spesso diventati oggetto di venerazione nazionale, una sorta di feticcio. La casa natale di Chopin a Żelazowa Wola, ad esempio, è un feticcio di questo tipo: si tratta di ciò che resta di un annesso all’antico palazzo della famiglia Skarbek, che è stato ricostruito più volte e svolge diverse funzioni (abitazione, magazzino e persino stalla). Lo stesso vale per i pianoforti che il compositore ha toccato o si dice abbia toccato con la sua mano brillante. Il Museo degli strumenti musicali di Poznań ospita una sala speciale dedicata al grande compositore. Vi si può ammirare non solo un busto di Chopin, ma anche la sua maschera mortuaria, un calco della sua mano e… un pianoforte. Si tratta del pianoforte sul quale si suppone che Chopin abbia suonato nel castello di caccia del principe Antoni Radziwiłł ad Antonin durante i suoi soggiorni nel 1827 e 1829.

Nel suo resoconto del soggiorno ad Antonin nel 1935, Maria Mirska, nota pianista e ricercatrice delle biografie di Chopin e della Szymanowska, raccontò con gioia la scoperta di questo strumento, quando l’allora proprietario del palazzo, il pronipote del principe Antoni, erede universale principe Michał  Radziwiłł, su sua richiesta, ordinò “che questo pianoforte di “Chopin”, che si supponeva si trovasse lì da diversi decenni, fosse rimosso dal bugigattolo del terzo piano”. Secondo una voce dell’inventario del Museo degli strumenti, questo pianoforte fu trovato dopo la guerra, nell’agosto 1945, ad Antonin dal 5° gruppo scout intitolato a Tomasz Zan di Ostrów Wlkp., e preso in consegna dal museo il 17 gennaio 1949. Anche un esame sommario di questo prezioso cimelio indica che è composto da parti provenienti da diversi pianoforti, costruiti prima della nascita di Chopin. Ormai troppo “imperfetto”, non avrebbe potuto servire a Chopin durante il suo soggiorno ad Antonin (1827 e 1829). Né avrebbe potuto servire, da tempo, al principe Antoni Radziwiłł, abile violoncellista, chitarrista e cantante, nonché compositore (tra l’altro delle musiche per il Faust di J. W. Goethe) o alle sue figlie, anch’esse abili pianiste. Tuttavia, i visitatori trattano lo strumento come un ricordo originale del grande artista. Inoltre, nello stesso palazzo ad Antonin, i visitatori trattano in modo simile un pianoforte costruito a Varsavia intorno al 1844, firmato da Friedrich Buchholtz (morto nel 1837), ma in realtà realizzato da suo figlio Julian. Questo strumento è stato acquistato per la collezione Antonin solo qualche decennio fa. 

Rivalità per il “vero pianoforte di Chopin”

.Anche gli strumenti superstiti utilizzati da Chopin durante il suo periodo parigino sono oggetto di varie manipolazioni. A Maiorca, ad esempio, nell’ex certosa di Valldemossa, dove Chopin trascorse l’inverno 1838/1839 con la sua amica, la scrittrice George Sand, e i suoi figli, esistono due istituzioni museali in competizione tra loro. Sono gestite da due famiglie locali, ognuna delle quali possiede ora metà del monastero. Fino a poco tempo fa, ognuno di questi musei vendeva biglietti per la propria cella (diverse stanze, la n. 4 e la n. 2), dove si suppone che Chopin e Sand abbiano soggiornato. In una di esse si trovava anche un pianoforte di fabbricazione locale, sul quale il maestro avrebbe dovuto comporre, prima che arrivasse lo strumento della Pleyel, recentemente esposto nell’altra. Questa rivalità è culminata in un caso giudiziario di alto profilo, il cui esito è stato annunciato all’inizio del 2011. Sulla base di un’indagine condotta da specialisti (basata, tra l’altro, su un disegno del figlio di Sand che mostra la vista dalla finestra della cella), si è giunti alla conclusione che la cella originaria era la n. 4. Inoltre, questo strumentista specializzato ha dimostrato che il pianoforte esposto al concorso è stato costruito dopo la morte di Chopin. Fortunatamente, ciò non ha causato la scomparsa del museo con la cella n. 2, che possiede la più grande collezione di cimeli di Chopin e Sand al mondo. 

Anche in Polonia, qualche anno fa, gli appassionati di musica sono stati incuriositi da una storia legata ai pianoforti Pleyel, prodotti a pochi mesi di distanza l’uno dall’altro nel 1847, ora nella collezione del Museo dell’Università Jagellonica. Entrambi furono associati a Fryderyk Chopin. Egli ne suonò uno durante il suo soggiorno in Scozia nel 1848 e scelse e provò personalmente l’altro nel deposito dell’azienda per la principessa Katarzyna Potocka, nata Branicka. Gli strumenti prodotti in serie, come ad esempio le automobili, sono contrassegnati da numeri di serie, anche sui singoli componenti. Nel caso di questi due pianoforti, qualche anno fa si è scoperto che i numeri di serie dei sottogruppi non corrispondevano esattamente al numero principale, disponibile all’esterno della cassa (dopo averne aperto il coperchio). Invece, i numeri all’interno di un pianoforte corrispondevano al numero principale dell’altro. E viceversa. È sorto il sospetto che questi componenti siano stati mescolati per errore durante la manutenzione. Ancora più preoccupante era la versione secondo cui si era tentato di falsificare lo strumento originale di Chopin (quello scozzese, il più prezioso) assemblandolo con parti di una seconda copia. Solo un esame più approfondito ha dimostrato che qualcuno aveva deliberatamente scambiato questi numeri di matricola tra loro e quindi la loro incongruenza con le marcature interne. I numeri di serie Pleyel sono stampati in vernice nera su un supporto di legno. Il falsario li ha levigati con carta vetrata e poi ne ha impressi di nuovi (al contrario) con punzoni metallici. Solo il confronto di questi numeri con quelli originali di altri pianoforti Pleyel ha fatto sorgere un ragionevole sospetto. Inoltre, la tripletta (3) utilizzata per i falsi numeri di serie aveva un carattere incompatibile con la tripletta utilizzata in Francia (Ʒ), con la parte superiore piatta. A tutt’oggi non si sa chi abbia perpetrato questo inganno né perché. È stato durante la guerra per evitare che lo strumento fosse portato via dai nazisti? O forse per rimuovere lo strumento dalla Cracovia del dopoguerra? Probabilmente tutto questo avvenne negli anni ‘40 e ‘50.

L’ultimo pianoforte di Chopin – il più prezioso

.Nel mondo si conoscono più di una dozzina di strumenti legati direttamente o indirettamente a Chopin, compresi quelli che il compositore, dopo averli provati, selezionava nello showroom della fabbrica Pleyel per amici e allievi, come testimonia la sua firma nei libri contabili (perché veniva ricompensato con una commissione!) e talvolta sullo strumento stesso. Diversi di questi strumenti sono stati conservati in Polonia. Oltre a quello già citato, il più prezioso è un altro strumento, l’ultimo di Chopin, che si trovava nel suo appartamento al momento della morte del proprietario. Acquistato in casa dall’aristocratica scozzese, allieva e ammiratrice del compositore, Jane Stirling, fu da lei inviato a Ludwika Jędrzejewiczowa, sorella di Fryderyk, in Polonia nel 1850. Da qui l’iscrizione scritta a mano all’interno con l’inchiostro: pour Luise. Nel 1924 gli eredi vendettero lo strumento al Museo Nazionale di Varsavia, che dopo la guerra lo donò all’Associazione intitolata a Fryderyk Chopin e da allora è il pezzo più prezioso del Museo Fryderyk Chopin di Palazzo Ostrogski.

Benjamin Vogel

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 26/06/2023