Prof. Wojciech ROSZKOWSKI: L’affascinante storia della libertà polacca

L’affascinante storia della libertà polacca

Photo of Prof. Wojciech ROSZKOWSKI

Prof. Wojciech ROSZKOWSKI

Professore ordinario di discipline umanistiche, insegnante accademico, professore presso l'Istituto di studi politici dell'Accademia delle scienze polacca.

Ryc.Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

La legge marziale fu imposta il 13 dicembre 1981 in violazione della costituzione comunista e sotto la pressione dello spauracchio sovietico, anche se oggi sappiamo che il Cremlino stava bluffando.

.Non c’è mai stato un momento nella storia recente in cui le autorità di un Paese abbiano dichiarato guerra al proprio popolo. Si può dire che il comunismo era un sistema in cui le autorità combattevano costantemente contro la società usando la violenza contro il proprio popolo; ma che fosse necessario, nonostante questo, dichiarare la legge marziale in aggiunta, successe solo nella Polonia comunista nel dicembre 1981. Le ragioni erano lo status della Polonia come Stato vassallo dell’URSS e il desiderio, sia al Cremlino che nei circoli dirigenti di Varsavia, di mantenere la dittatura comunista a tutti i costi.

La creazione del sindacato „Solidarność”, indipendente dalle autorità, nel settembre 1980 rappresentò la più grande sfida ideologica e politica al sistema comunista. Incapaci di far fronte all’ondata di scioperi in agosto, le autorità comuniste accettarono di legalizzare l’organizzazione, che non era solo un sindacato ma un’organizzazione di opposizione di massa alle autorità. Fu anche uno scandalo ideologico: in uno Stato che si supponeva governato in nome della “classe operaia”, questo stesso gruppo sociale si organizzò contro le autorità. Più di un anno di lotta tra le autorità del Partito e “Solidarność” portò all’indebolimento del sindacato alla fine del 1981 e all’esaurimento della società a causa della crisi economica, mentre la pressione del Cremlino e il desiderio del Partito Comunista Polacco di rimanere al potere spinsero la squadra del generale Wojciech Jaruzelski a compiere un passo disperato. La legge marziale fu imposta il 13 dicembre 1981 in violazione della costituzione comunista e sotto la pressione dello spauracchio sovietico, anche se oggi sappiamo che il Cremlino stava bluffando.

Finché l’obbedienza al sistema riguardò questioni di vita “civile”, le autorità furono efficaci per molti anni. Quando i metodi “civili” per imporre questa obbedienza, parò, fallirono, le cose presero una nuova piega. „Ludowe” Wojsko Polskie (Esercito “Popolare” polacco), creato dopo il 1944, era un ibrido. I quadri ufficiali prebellici furono sterminati dopo la guerra e sostituiti da quadri sovietici o, negli anni successivi, da quadri accuratamente selezionati di nazionalità polacca, ma con lealtà assoluta verso Mosca. Un diploma delle accademie militari sovietiche era qui un brevetto che dava diritto a una carriera ai livelli superiori di comando.

Mentre i quadri al comando di questo esercito erano educati allo spirito dell’“internazionalismo” sovietico e alla necessità storica della subordinazione della Polonia all’Unione Sovietica, milioni di giovani polacchi passarono due anni di servizio militare obbligatorio con i cosiddetti “sentimenti contrastanti”. Si trattava di un misto di risentimento contro il comunismo e i sovietici, di umiliazione per coercizione e indottrinamento politico, ma anche una crescente rassegnazione e adattamento nel tempo. Già negli anni ‘60, la canzone del gruppo Trubadurzy Przyjedź, mamo, na przysięgę (“Vieni, mamma, al giuramento”) non suscitava in generale nessuna opposizione, e la cerimonia di giuramento di fedeltà alla “patria socialista” con la partecipazione delle famiglie invitate era sempre più spesso accolta con la benedizione di tutti. La razionalizzazione della coercizione stava diventando un fenomeno sempre più diffuso.

L’imposizione della legge marziale pose sul filo del rasoio la questione della lealtà nell’esercito. La vergognosa decisione di usare la forza contro il proprio popolo portò a una situazione in cui la disciplina militare imponeva di agire nell’interesse del Cremlino, mentre la coscienza spingeva, in varia misura, al dubbio e persino alla resistenza. Questa dicotomia era distribuita, grosso modo, in proporzione al posto che si occupava nella gerarchia militare. C’erano meno dubbi ai più alti livelli di comando, più tra i ranghi dei militari. L’alto comando era educato allo spirito dei giannizzeri, obbedienti a Mosca, mentre i coscritti erano spesso colleghi degli attivisti di “Solidarność”, contro i quali dovevano usare la forza in collaborazione con la polizia e i servizi segreti. La vergognosa decisione di imporre la legge marziale creò quindi una situazione forzata in cui centinaia di migliaia di giovani polacchi furono messi di fronte a una tragica scelta tra l’apostasia nazionale e l’eroismo.

.La società polacca sopravvisse anche a questa esperienza, ma non senza danni. La resistenza popolare si dimostrò, data la disperazione della situazione, forte sì, ma non abbastanza da portare a una catastrofe ancora più grande. Il crollo pacifico del sistema comunista creò inoltre seri argomenti affinché le decisioni criminali del dicembre 1981 non venissero del tutto valutate e punite. È persino ironico che il generale Jaruzelski sia stato eletto presidente della Polonia nel luglio 1989. A parte la condanna ufficiale della legge marziale, non ci fu praticamente nessuna resa dei conti morale o giuridica degli atteggiamenti dei quadri ufficiali durante la legge marziale nella Terza Repubblica. Tuttavia, indipendentemente dal fatto che un tale accordo sia ancora possibile, è necessario definire chiaramente i criteri di valutazione degli atteggiamenti. In una Polonia indipendente, non ci dovrebbero essere dubbi su ciò che serve alla sua sicurezza e al suo successo e ciò che, invece, non serve.

Wojciech Roszkowski

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 10/12/2021