William A. ALLEN: Rafforzare saggiamente il potere della Polonia William A. ALLEN: Rafforzare saggiamente il potere della Polonia

Rafforzare saggiamente il potere della Polonia

Nella sua politica finanziaria internazionale, la Polonia è guidata dal principio della protezione e della salvaguardia dei propri interessi. La forte performance economica e le limitate esposizioni finanziarie mitigano i rischi, mentre le riserve in valuta estera forniscono una copertura. Il Paese ha diversificato i suoi beni di riserva comprando più oro, il che gli garantisce una copertura ancora migliore, scrive William W. ALLEN.

.Nei tre decenni dalla caduta del comunismo, la Polonia fece un progresso economico che non ha precedenti nella storia del Paese. Particolarmente importante è il fatto che il Paese riuscì ad evitare i gravi effetti negativi delle crisi che travolsero il sistema finanziario internazionale.

La Polonia affronta i rischi finanziari internazionali principalmente proteggendo e salvaguardando i propri interessi. Una politica macroeconomica prudente ha permesso alla Polonia di mantenere una crescita economica impressionante. Gli afflussi di capitale nell’ultimo decennio hanno preso principalmente la forma di investimenti diretti e di portafoglio, mentre le passività verso le banche straniere sono piccole e sono diminuite nell’ultimo decennio. Il saldo delle partite correnti nella bilancia dei pagamenti è positivo.

Il sistema monetario internazionale dispone di alcune reti di sicurezza per trasferire fondi ai Paesi in difficoltà finanziarie, ma la loro utilità per la Polonia è limitata. Di gran lunga la più importante di queste è la rete di linee di swap della Federal Reserve, attraverso la quale quattordici banche centrali straniere prestano dollari in situazioni di crisi. Fu ampiamente utilizzata dal 2008. Tuttavia, la Banca nazionale polacca, Narodowy Bank Polski (NBP) non appartiene a questa quattordicina. Il Fondo monetario internazionale, a sua volta, offre una linea di credito flessibile, ma la Polonia rifiutò di accedervi dopo il 2017. In un contesto di diffusi bassi tassi d’interesse di mercato, questa linea non forniva una garanzia conveniente in un momento in cui la Polonia aveva riserve proprie sufficientemente alte. Inoltre, la Polonia offre attualmente credito al FMI sia come partecipante a nuovi accordi di prestito che bilateralmente.

La Polonia si protegge disponendo di riserve di valuta estera che può usare a sua discrezione. Le sue riserve ammontano ora a 156 miliardi di dollari, o un quarto del PIL annuale, e sono significativamente più alte delle passività estere della Polonia verso le banche. Avere riserve aumenta la credibilità internazionale e abbassa il costo dei prestiti esteri privati. Le riserve costituiscono un cuscinetto in caso di varie emergenze, per esempio la necessità di sostenere il tasso di cambio della valuta nazionale sul mercato dei cambi o di fornire liquidità di emergenza alle banche nazionali, come è successo nel 2008. Le riserve di valuta estera possono essere facilmente utilizzate in tali circostanze speciali e la maggior parte delle riserve della Polonia sono valute estere. 

Negli ultimi tre anni, tuttavia, la NBP, come alcune altre banche centrali, ha diversificato le sue riserve in valuta estera comprando più oro.

Anche se l’oro non ha un ruolo ufficiale nel sistema monetario internazionale, il suo possesso non è passato di moda – le riserve d’oro del mondo sono attualmente valutate a più di 2 trilioni di dollari. La NBP acquistò 126 tonnellate nel 2018-2019, portando le sue riserve totali a 229 tonnellate. La quota dell’oro nelle sue riserve è più che raddoppiata a circa l’8%, che non è un livello insolitamente alto. Giustificando questi acquisti, il presidente della NBP Adam Glapiński parlò della mancanza di rischio di credito associato all’oro, delle riserve auree come “rifugio sicuro” e di un modo per cambiare la percezione della Polonia all’estero. Espresse inoltre il desiderio di aumentare la quota di oro nelle riserve della Polonia al 20%.

Anche se i recenti acquisti della NBP sono stati grandi per gli standard del mercato dell’oro, la sua quota nelle riserve d’oro globali è modesta, in quanto è pari allo 0,6%. Le banche centrali della zona euro detengono un totale di 10.772 tonnellate, la Svizzera 1040 tonnellate, la Russia 2295 tonnellate e la Cina 1948 tonnellate.

L’investimento della Polonia è stato ben tempificato – finora si è dimostrato molto redditizio, dato che il prezzo dell’oro è salito. Per di più, cosa ancora più importante, fornisce alla Polonia una certa protezione contro molteplici tipi di rischi. L’inflazione non è stata una preoccupazione per le banche centrali per molti anni. Ma ora le preoccupazioni per l’inflazione in Nord America e in Europa occidentale sono tornate. I grandi deficit di bilancio associati alla pandemia di coronavirus, combinati con l’allentamento quantitativo su larga scala da parte delle banche centrali, hanno causato l’aumento dell’offerta di denaro – le famiglie e le imprese detengono quantità insolitamente grandi di attività liquide. Stiamo già vedendo segni di aumento dei prezzi. Le banche centrali hanno il compito di cercare di mantenere la stabilità dei prezzi. Tuttavia, se le pressioni inflazionistiche aumentano con il rilascio della domanda differita, sarà difficile cambiare la politica monetaria “morbida” perseguita negli ultimi anni senza creare rischi di instabilità fiscale e finanziaria. La paura dell’inflazione non è irrazionale.

La forza dell’economia polacca riduce il rischio finanziario e le grandi riserve proteggono dai rischi a cui la Polonia è esposta. La diversificazione riduce il rischio, mentre l’acquisto dell’oro della NBP è stata una mossa saggia per aumentare la propria copertura. La Polonia sta rafforzando il suo potere.

William A. Allen

Il testo pubblicato contemporaneamente sulla rivista mensile polacca “Wszystko Co Najważniejsze” nell’ambito del progetto realizzato con l’Istituto della Memoria Nazionale, Instytut Pamięci Narodowej e con la Banca nazionale polacca, Narodowy Bank Polski (NBP).

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 25/06/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam