Karol NAWROCKI: Carri armati contro la “Solidarność” Karol NAWROCKI: Carri armati contro la “Solidarność”

Carri armati contro la “Solidarność”

Photo of Karol NAWROCKI

Karol NAWROCKI

Presidente dell'Istituto della Memoria Nazionale.

Ryc. Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

40 anni fa il FC Liverpool vinceva la Coppa dei Campioni, si formava il gruppo musicale Metallica e Robert de Niro riceveva un Oscar per la sua brillante interpretazione del pugile Jake LaMotta in Toro Scatenato. In Polonia, il 1981 fu segnato da un altro evento: il regime comunista dichiarò guerra al suo stesso popolo.

.Lo scenario era simile ovunque: forti colpi alle porte, a volte irruzioni con la forza, demolizione di case, intimidazioni o addirittura pestaggi. Di solito, veniva lasciato solo un momento per vestirsi, e poi c’era la brutale separazione dai propri cari e l’incertezza sul futuro. Per più di 3 mila internati, la notte tra il 12 e il 13 dicembre 1981 fu così – la prima notte di legge marziale in Polonia. I principali attivisti del sindacato indipendente “Solidarność” furono arrestati, così come le persone vagamente associate all’opposizione democratica.

Antoni Heda, che viveva nel villaggio di Kanie vicino a Varsavia, fu tra quelli arrestati dalle squadre di milizia e esbecja (servizi di sicurezza). Questo benemerito comandante partigiano dei tempi dell’occupazione tedesca e della cospirazione indipendentista del dopoguerra era stato imprigionato più volte già negli anni 40: dai sovietici, dai tedeschi e infine dai comunisti nazionali. Poco dopo il suo sessantacinquesimo compleanno, fu di nuovo considerato dal regime rosso come una minaccia alla “sicurezza dello Stato e all’ordine pubblico”. Così, fu mandato in un centro di detenzione a Varsavia-Białołęka. In un altro centro, a Łęczyca, c’era un medico di Łódź, Marek Edelman, che nel 1943 era stato uno dei leader dell’eroica rivolta nel ghetto di Varsavia.

Ciò che accadde in Polonia in quel gelido dicembre e nei mesi successivi è talvolta definito come la guerra polacco-Jaruzelski. Wojciech Jaruzelski, l’uomo numero uno dell’apparato comunista, dichiarò guerra al suo stesso popolo. Arrivò al punto di portare i carri armati nelle strade per schiacciare le aspirazioni di libertà del popolo, simboleggiate dal multimilionario movimento di “Solidarność”. Fu il periodo forse di più grande terrore e illegalità dai tempi dello stalinismo. Ancora una volta, come nel 1956 e nel 1970, le autorità che si definirono governi popolari spararono sui lavoratori. La “pacificazione” della miniera di carbone “Wujek” di Katowice, in sciopero, il 16 dicembre 1981 provocò nove morti. Il numero di internati in tutta la Polonia si avvicinò a 10 000. Anche le prigioni si riempirono velocemente. Ewa Kubasiewicz di Gdynia – partecipante allo sciopero e coautrice del volantino che invitava alla resistenza – fu condannata a dieci anni di reclusione! Condanne draconiane minacciavano di essere applicate anche per gli slogan “Abbasso il comunismo” dipinti sui muri.

In quel periodo difficile, la Polonia era sulla bocca di tutti. I regimi comunisti, guidati dall’Unione Sovietica, sostenevano con fermezza Jaruzelski. Le simpatie dell’Occidente erano inequivocabilmente dalla parte dei perseguitati. A Parigi, Monaco, Roma e persino nella lontana Melbourne, le manifestazioni di solidarietà con i polacchi si svolgevano a migliaia. Ci fu un’ondata senza precedenti di aiuti umanitari disinteressati per il nostro Paese. Pacchetti e trasporti con cibo, medicine e altri doni affluirono in Polonia dalla Germania occidentale, dalla Francia e dalla Svezia. Diedero ai beneficiari – comprese le famiglie delle persone represse – un momento di gioia in tempi bui.

Papa Giovanni Paolo II fu solidale con i suoi compatrioti perseguitati durante quei mesi tristi. Fece appello alla squadra di Jaruzelski: “La forza e la dignità del potere si esprimono (…) nel dialogo, non nell’uso della violenza.” Insistette sul rispetto dei “diritti di ogni uomo e cittadino”, e condannò gli effetti della “sfortunata legge marziale”. In quella Vigilia di Natale, una candela fu accesa alla finestra dell’appartamento papale, chiaramente visibile da Piazza San Pietro in Vaticano, come segno di solidarietà con la nazione sofferente.

Ronald Reagan decise di fare lo stesso gesto alla Casa Bianca. Il presidente americano invitò i suoi compatrioti ad accendere le candele alle loro finestre. “Noi, popolo del mondo libero, siamo solidali con i nostri fratelli polacchi. La loro causa è la nostra causa, e le nostre preghiere e speranze vanno a loro in questo Natale”, disse in un memorabile discorso televisivo il 23 dicembre 1981.

La campagna “Accendi la luce della libertà” dell’Instytut Pamięci Narodowej (Istituto della Memoria Nazionale) (IPN), istituzione che ho l’onore di dirigere, si riferisce oggi ai gesti di Giovanni Paolo II e di Reagan. Ogni 13 dicembre incoraggiamo i polacchi, ma anche le persone di tutto il mondo, ad accendere una candela alla loro finestra o una virtuale su Internet – e in questo modo commemoriamo le vittime della legge marziale. Continueremo questa azione ogni anno.

40 anni fa, ebbe anche una grande risonanza il programma televisivo “Let Poland be Poland” (Che la Polonia sia la Polonia), trasmesso il 31 gennaio 1982 e visto da quasi 200 milioni di spettatori in decine di Paesi. Il programma si riferiva alla Giornata di Solidarietà con la Polonia annunciata dall’amministrazione americana. Vi figuravano, oltre ai politici, artisti famosi come Paul McCartney, Kirk Douglas e Frank Sinatra. Quest’ultimo cantò addirittura in polacco.

La trasmissione “Let Poland be Poland” attirò l’interesse dei servizi segreti comunisti in Polonia. Una videocassetta con una versione abbreviata mostrata dalla televisione della Germania Ovest è oggi conservata nell’Archivio IPN di Varsavia, insieme ad altri materiali sequestrati dai servizi segreti. L’Archivio mette anche a disposizione di ricercatori e giornalisti polacchi e stranieri centinaia di volumi di dossier del periodo della legge marziale. Grazie a questa eredità, non siamo condannati alle memorie zoppe di Jaruzelski, che anni dopo cercò di presentare la legge marziale come il “male minore” – una difesa del Paese contro il presunto minaccioso intervento sovietico. Nonostante la distruzione di massa degli archivi alla fine del sistema comunista, sopravvissero numerosi materiali che minano la narrazione di Jaruzelski e dei suoi collaboratori. I nostri ricercatori e educatori fanno volentieri uso di questa risorsa. Attraverso loro, la verità sulla legge marziale si sta lentamente facendo strada in circoli sempre più ampi dell’opinione pubblica.

.Molti polacchi vissero dopo il 1989 con un senso di ingiustizia della trasformazione. Coloro che si opposero al regime ai tempi del comunismo spesso pagarono un prezzo alto per questo: carcere, carriere interrotte, a volte emigrazione, vite private distrutte. I loro oppressori e i responsabili dell’epoca di solito superarono il cambio di regime a piedi asciutti, vivendo senza preoccupazioni in una Polonia libera. Solo nel 2014, Jaruzelski fu deposto con gli onori al Cimitero militare Powązki di Varsavia – l’Arlington polacco. Oggi, l’Instytut Pamięci Narodowej (Istituto della Memoria Nazionale) cerca – per quanto ancora possibile – di rimediare a questa negligenza. I procuratori dell’IPN chiedono la revoca dell’immunità per quei giudici e procuratori che, durante la legge marziale e negli anni successivi, perseguirono o condannarono attivisti dell’opposizione. Non possiamo tornare indietro nel tempo, ma è dovere di uno Stato democratico di diritto sforzarsi di ristabilire la giustizia elementare.

Karol Nawrocki

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 10/12/2021

Magazyn idei "Wszystko Co Najważniejsze" oczekuje na Państwa w EMPIKach w całym kraju, w Księgarni Polskiej w Paryżu na Saint-Germain, naprawdę dobrych księgarniach w Polsce i ośrodkach polonijnych, a także w miejscach najważniejszych debat, dyskusji, kongresów i miejscach wykuwania idei.

Aktualne oraz wcześniejsze wydania dostępne są także wysyłkowo.

zamawiam