Prof. Zbigniew SKOWRON: Fryderyk Chopin come pedagogo

Fryderyk Chopin come pedagogo

Photo of Prof. Zbigniew SKOWRON

Prof. Zbigniew SKOWRON

Musicologo. Professore presso l’Istituto di Musicologia dell’Università di Varsavia. I suoi interessi di ricerca si concentrano sugli aspetti estetici e storici della musica del XX secolo, sulle opere di Witold Lutosławski e sulla biografia ed epistolografia di Chopin.

Ryc.Fabien Clairefond

vedere i testi di altri autori

La prospettiva della molteplicità delle letture e dell’apertura alle esecuzioni delle opere di Chopin è alla base del concorso internazionale che ancora oggi porta il suo nome.

.L’insegnamento del pianoforte fu la principale fonte di reddito di Fryderyk Chopin dopo il suo arrivo a Parigi, all’inizio dell’autunno del 1831. Di lì a poco l’insegnamento sarebbe diventato la sua occupazione principale, accanto alla composizione, a parte le esibizioni occasionali.

Per sei mesi all’anno, scrive Jean-Jacques Eigeldinger, da ottobre o novembre a maggio, Chopin riceveva circa cinque allievi al giorno. […] Il maestro dedicava all’insegnamento le ore del mattino e la prima metà del pomeriggio, e anche più tardi. Le lezioni duravano generalmente da quarantacinque minuti a un’ora; questo tempo veniva talvolta prolungato a più ore, soprattutto la domenica, nel caso di allievi dotati e particolarmente apprezzati. […] Gli incontri si tenevano una o, più spesso, due o tre volte alla settimana, a seconda delle capacità del professore, del talento o delle esigenze degli alunni e, infine, delle loro possibilità finanziarie. […] Le sue lezioni – rispetto a quelle di Liszt o Kalkbrenner – non erano solo più elaborate, ma anche più costose, poiché il loro prezzo era invariabilmente di 20 franchi d’oro.

Le testimonianze sull’insegnamento di Chopin e sul metodo da lui utilizzato si devono soprattutto ai suoi allievi. L’uso di queste testimonianze ha una lunga tradizione. Ha avuto inizio nella seconda metà del XIX secolo. Frederick Niecks, che riuscì a ottenere informazioni di prima mano dagli allievi di Chopin ancora in vita. Egli incluse le loro testimonianze nella sua monografia intitolata Fryderyk Chopin come uomo e musicista. Jean-Jacques Eigeldinger, autore dell’opera Chopin visto dai suoi allievi, ha stilato un elenco approssimativo degli allievi di Chopin, includendo quasi 60 nomi di giovani pianisti da lui accuratamente selezionati. Tra gli allievi polacchi di Chopin spicca la principessa Marcelina Czartoryska (1817-1894), nata Radziwiłłów Czartoryska, la prima erede della tradizione esecutiva chopiniana, mentre tra i suoi allievi più dotati figurano il prematuramente scomparso Carl Filtsch (1830-1845) e Adolf Gutmann (1819-1882), molto apprezzato da Chopin, dedicatario della Scherza in do diesis minore, op. 39.

La pedagogia di Chopin si basava su un ordine gerarchico che saliva dalle questioni della meccanica del suonare, attraverso i principi dell’articolazione del suono, del fraseggio, del senso della macroforma e della drammaticità di un’opera, fino ai fattori determinanti dell’espressione, di cui il canto rimaneva il modello principale. Che la meccanica esecutiva fosse per Chopin solo un punto di partenza nel suo insegnamento è testimoniato dai suoi Schizzi per un metodo per suonare il pianoforte, in cui presentava, tra le altre cose, i principi di posizionamento della mano sui tasti e i principi della diteggiatura. L’approccio del compositore a questi temi si differenziava notevolmente dai metodi delle scuole del suo tempo, che enfatizzavano la destrezza tecnica puramente meccanica, ottenuta attraverso esercizi minuziosi con l’ausilio di strumenti speciali che – contrariamente all’anatomia della mano e delle dita – servivano ad aumentarne l’efficienza. Chopin prese chiaramente le distanze da queste pratiche artificiali, privilegiando la posizione naturale della mano sulla tastiera.

Legato a questa produzione sonora è il fenomeno del legato di Chopin, che egli legava non solo all’articolazione delle dita, ma anche al coinvolgimento dell’intero apparato scapolare – la continuità dalla spalla alla punta delle dita. Da questo dipendeva l’“elasticità” del suo modo di suonare (souplesse), che produceva un risultato unico: una melodia estremamente plastica. Le innovazioni testuali di Chopin sono chiaramente evidenziate nei due opus dei suoi Études.

Per lui il bel canto era un modello di articolazione pianistica e di pienezza del suono. Grande appassionato di opera, conosceva particolarmente bene lo stile operistico italiano fin dagli anni di Varsavia. Durante le lezioni faceva regolarmente riferimento al canto, indicando il bel canto come modello ineguagliabile del cantabile pianistico.

Il maestro, scrive J. J. Eigeldinger, consigliava ai suoi allievi di ascoltare costantemente i grandi artisti lirici; si rivolse persino a uno dei suoi allievi con queste parole: “Lei deve cantare, se vuole suonare il pianoforte”. Per Chopin il canto era l’alfa e l’omega della musica, la base di tutta la pratica strumentale, e quanto più l’esecuzione pianistica si ispirava a metodi vocali, tanto più diventava convincente per lui.

Tra le opere che Chopin raccomandava ai suoi allievi, un posto speciale spettava ai preludi e alle fughe del Das wohltemperierte Klavier di Bach, a testimonianza dell’importanza che attribuiva alla comprensione dei principi della costruzione musicale da parte dell’allievo, nonché alla capacità di dimostrarla attraverso un fraseggio sottoposto all’esame della ragione e dell’udito. Raccomandava anche le opere di Beethoven, Cramer, Clementi e Hummel, che considerava la chiave per suonare il pianoforte e allo stesso tempo una preparazione adeguata per l’esecuzione delle proprie composizioni. Tuttavia, adottò un approccio riservato allo studio di queste opere con i suoi allievi. Le proponeva ai più talentuosi, tra cui la pianista viennese Friederike Müller-Streicher (1816-1895), che ha lasciato nella sua corrispondenza testimonianze uniche dell’insegnamento di Chopin, persino racconti di conversazioni con lui durante le sue numerose lezioni.

Con l’intento di sostenere la sua pratica pedagogica sul piano teorico, Chopin progettò di scrivere Il metodo per suonare il pianoforte. Sebbene di questo manuale siano sopravvissute solo le bozze, esso testimonia il suo approccio innovativo all’insegnamento della tecnica pianistica, dettato, come scrisse, “dalla presentazione di istruzioni pratiche e semplici, che sono di […] reale utilità”. Questi presupposti pragmatici furono sviluppati in modo più completo da uno degli allievi preferiti di Chopin, Thomas Tellefsen (1823-1874), nel suo Trattato sul meccanismo del pianoforte (1850 circa), modellato sulle sue note al Metodo di Chopin.

Nello stesso periodo nacque anche – proprio tra gli allievi più vicini a Chopin – la tradizione chopiniana dell’esecuzione, che presupponeva la fedeltà ai modelli che Chopin forniva ai suoi allievi presentando le proprie opere durante le lezioni. A dare il via a questa tradizione fu in particolare Karol Mikuli (1819-1897), che nel corso dei sette anni di formazione sotto la guida di Chopin, conobbe a fondo sia il suo metodo didattico sia l’arte di suonare il pianoforte, come si esprime in una preziosa introduzione alla sua edizione in 17 volumi delle opere di Chopin (Kistner, 1880).

.Gli eminenti allievi del compositore condividevano l’opinione che Chopin rimanesse aperto alle loro letture e interpretazioni delle sue opere. “Entrambi la intendiamo in modo diverso”, avrebbe detto a Filtsch, “ma vai per la tua strada, suona come ti senti, può essere eseguita anche in quel modo”. Questa prospettiva della molteplicità delle letture e dell’apertura alle esecuzioni delle opere di Chopin è alla base del concorso internazionale che ancora oggi porta il suo nome.

Zbigniew Skowron

Materiale protetto da copyright. Ulteriore distribuzione solo su autorizzazione dell'editore. 25/06/2023